BOBBY GILLESPIE AND JEHNNY BETH
Utopian Ashes

[ Silvertone - 2021 ]
6.5
 
Genere: Soul, Pop Rock, Cantautorato
 
di
28 Luglio 2021
 

L’ amicizia tra Bobby Gillespie, deus ex machina dei Primal Scream, e Jehnny Beth, già valchiria delle Savages, ci regala questa collaborazione artistica e questo album, “Utopion Ashes”. Oltre che con l’ovvio apporto dei due protagonisti, il disco è stato registrato con l’ausilio di Johnny Hostile (basso), Andrew Innes (chitarra), Martin Duffy (piano) e Darrin Mooney (batteria).

Si parte subito bene con il lussurioso brit della già diffusa “Chase It Down”. Mettete da parte gli andazzi magnetici dei Primal Scream (storicamente bravissimi a pescare qua e là) e la polvere da sparo delle Savages: la polvere che troviamo in “Utopian Ashes” è di bruma come nella seconda traccia “English Town”, presa per mano dal piano, o nella nostalgia dell’intima quanto scolastica “Remember We Were Lovers”. O ancora, è polvere di stelle come nella luccicante “Living a Lie”

Duettano con buono affiatamento i due, e non mancano altri ornamenti di estrazione orchestrale tra archi, fiati, percussioni, che adornano gran parte dei passaggi. Emozionano e si emozionano Bobby e Jehnny tra sentieri e sentimenti senza tempo (“Your Heart Will Always Be Broken”, la carezzevole “You Can Trust Me Now”), gli arrangiamenti sono di livello, l’approccio e la resa a tinte rétro ma senza per questo risultare vetusti.

Ben lungi dal capolavoro, scevro di particolare sperimentazione sonora e stilistica nonché di spaccati degni di imperitura memorabilia, “Utopian Ashes” risulta ai conti finali un prodotto di discreta caratura che avrà soddisfatto i Nostri e potrà dar piacere anche a chi troverà il minutaggio per perdercisi in una sera d’estate, intorno ad un fuoco acceso: come quello che ci suggerisce proprio il falò tratteggiato nella copertina dell’album stesso.

Tracklist
1. Chase It Down
2. English Town
3. Remember We Were Lovers
4. Your Heart Will Always Be Broken
5. Stones of Silence
6. You Don’t Know What Love Is
7. Self-Crowned King of Nothingness
8. You Can Trust Me Now
9. Living a Lie
10. Sunk in Reverie
 
 

Pedro The Lion – Havasu

Continua il viaggio nella memoria di David Bazan, ormai unico titolare del progetto Pedro The Lion che a sorpresa ha pubblicato ...

Billy Talent – Crisis of ...

Dopo quasi sei anni di silenzio discografico, rifanno capolino anche i canadesi Billy Talent: poco stimati (o meglio, conosciuti) in Italia ...

Yard Act – The Overload

Nati nel 2019 dalle menti creative dei due coinquilini Ryan Needham e James Smith, gli Yard Act sono stati bloccati dal Coronavirus dopo ...

Déjà Vega – Personal Hell

Dopo il bruciante, ed ad alto contenuto psych-rock, esordio del 2019, tempo di secondo album anche per i Déjà Vega, interessantissimo trio ...

Cara Calma – Gossip!

Ho un debole per questi ragazzi bresciani e sono pronto candidamente ad ammetterlo. Già nel 2019, nello stilare e far pubblicare la mia ...