DZ DEATHRAYS
Positive Rising: Part 2

[ Alcopop! - 2021 ]
6.5
 
Genere: punk-rock,indie-rock
 
30 Luglio 2021
 

Dopo aver pubblicato il quarto album, “Positive Rising Part 1” a fine agosto 2019, i DZ Deathrays ritornano ora con la seconda parte di quel disco, uscita anch’essa per l’inglese Alcopop! Records.

Il nuovo disco è stato registrato in Australia a fine 2019 ed è stato prodotto da Miro Mackie (Dirty Projectors, St. Vincent, Dune Rats).

Originariamente previsto per il 2020, ma rinviato a causa della pandemia, il nuovo LP “traccia i contorni di una scena apocalittica, che vede la band di Brisbane uscire da se stessa, cercare nuove prospettive e osservare il mondo dall’alto. Da lassù, non sempre gli piace quello che vedono”, spiega la press-release.

“Fear The Anchor” ci riserva subito una sorpresa perché qui il frontman Shane Parsons condivide i main vocals con la rapper sudafricana, ma di stanza a Melbourne Ecca Vandal: non manca l’aggressività vocale, ma nemmeno le chitarre distorte e i cori catchy a cui è impossibile resistere.

Il recentissimo singolo “Kerosene” è senza dubbio più meditativo per quanto riguarda la parte vocale, ma la strumentazione è in continua crescita e sa come eccitare l’ascoltatore, mentre “Make Yourself Mad” ci regala un’altra scarica di adrenalina con le due sei corde di Parsons e Lachlan Ewbank che sembrano sapere perfettamente come fare per scatenare i fan in un qualche prossimo festival con ottime melodie e pesanti riff.

“Golden Retriever”, invece, sebbene parli di cuori spezzati, non cede di un centimetro e ci soddisfa nuovamente con le sue sensazioni melodiche.

Non inventano nulla di particolarmente nuovo i DZ Deathrays, ma hanno sempre una soluzione vincente per darci l’energia di cui abbiamo bisogno e per farci rimanere innamorati delle loro irresistibili canzoni punk-pop: non vediamo l’ora di rivederli dal vivo per ballare, pogare, saltare e sudare come se non ci fosse un domani.

Photo Credit: Yasmin Suteia

Tracklist
1. Skeleton Key
2. Fear The Anchor (feat. Ecca Vandal)
3. All Or Nothing
4. Kerosene
5. Fired Up
6. Riff City
7. Make Yourself Mad
8. Golden Retriever
9. Swept Up
10. Run The Red
11. Positive Rising
 
 

Onceweresixty – The Flood

Ci sono band che hanno un numero fortunato a cui difficilmente rinunciano, per scaramanzia o per affettuosi ricordi. La vita musicale dei ...

The Stranglers – Dark Matters

Forte questa giovane band di strangolatori che sembrano rimescolare le carte, ridimensionando queste numerose e nuove band post punk ...

Nichelodeon – Incidenti / Lo ...

C’è l’estro dello sperimentatore, compositore e musicoterapista Claudio Milano dietro i NichelOdeon (o meglio NichelOdeon/InSonar & ...

Art School Girlfriend – Is It ...

Di Polly Mackey e del suo progetto solista Art School Girlfriend si parla molto bene da qualche anno ormai. L’album d’esordio della ...

Justus Proffit – Speedstar

Justus Proffit gestisce un locale a Los Angeles di nome Topspace e immagino che, in questo difficile periodo, abbia avuto più di un ...