GENERAZIONE 56K

[ Netflix - 2021 ]
 
Genere: commedia, sentimentale
 
di
2 Agosto 2021
 

Foste alla ricerca di una serie leggera, di quelle da mandar giù in due o tre serate senza il bisogno di accendere il cervello, quest’estate la Netflix di casa nostra e The Jackal hanno tirato fuori una cosa dolce dolce che fa al caso vostro.
Il centro storico di Napoli e la meravigliosa Procida, che continuerò a ripeterlo fino allo sfinimento è meglio di Capri, fanno da cornice ad una storia d’amore, di quelle inevitabili, che lo sai sin dall’inizio come vanno a finrie, raccontata con tanta delicatezza e altrettanta cazzoneria.
Mettici poi l’effetto nostalgia dei copiosi flashback sul finire degli anni ’90, quelli della gloriosa 56K per l’appunto, e ti ritrovi a cantare “Come mai” degli 883 insieme ai protagonisti senza manco accorgertene.

Tra una risata e l’altra la serie si concede anche qualche riflessione su quello che la tecnologia era e quello che è diventata, su come all’epoca della 56K fosse un complemento alle nostre vite interrelazionali e sul suo prevaricante ruolo odierno.
Non aspettatevi nulla di trascendentale, alla fine si tratta solo di otto episodi lunghi mezzoretta, ben fotografati, recitati e scritti senza prendersi troppo sul serio, che scendono giù come un bicchiere di limonata. Però, in queste pigre serate di mezza estate, non si potrebbe chiedere di meglio.

Paese: Italia
Anno: 2021 – in produzione
Formato: serie TV
Stagioni: 1
Episodi: 8
Durata: 26-33 min.
Lingua originale: italiano
Ideatore: Francesco Ebbasta
Regia: Francesco Ebbasta, Alessio Maria Federici
Sceneggiatura: Francesco Ebbasta, Davide Orsini, Costanza Durante, Laura Grimaldi

Interpreti e personaggi

Angelo Spagnoletti: Daniel Mottola
Cristina Cappelli: Matilda Pastore
Alfredo Cerrone: Daniel da giovane
Azzurra Iacone: Matilda da giovane
 

Per Lucio

Difficile raccontare Lucio Dalla, quasi deliberatamente uno dei cantautori meno inquadrabili, più poliedrici e sfuggenti della sua ...

Berlin Alexanderplatz

Ce l’ho a casa il libro di Alfred Doeblin, peraltro in inglese, e giuro che prima o poi lo leggo. Così come prometto di guardare la ...

Marx puo’ aspettare!

Da sempre legato a doppio filo alla storia della sua famiglia nell’intera carriera cinematografica, quasi che nel corso del tempo sia ...

Luca

Salutato da molti come il primo film Pixar LGBT, come una specie di “Call My By Your Name” d’animazione, ...

Mare Of Easttown (Omicidio a ...

Non che mi piaccia farlo, ma ancora una volta scriverò di un film o di una serie partendo del lavoro da cani fatto dai traduttori di titoli ...