CLAIRO
Sling

[ Fader / Republic – 2021 ]
7
 
Genere: Folk, songwriting
Tags:
 
4 Agosto 2021
 

Seconda prova sulla lunga distanza per Clairo che tre anni fa aveva fatto parlare di sé con il singolo “Pretty Girl” e l’esordio “Immunity” passando rapidamente da voce nata sul web all’essere un’artista a tutto tondo, supportata da molti critici e una buona fetta di pubblico. Un successo che ha sorpreso la stessa Claire Cottril, allora poco più che maggiorenne ma già capace di mostrarsi al mondo nei suoi pregi e difetti. “Sling” cambia direzione e stile, virando decisamente verso un pop folk sincero, intimo, delicato.

Decisiva la scelta di un nuovo produttore: Rostam Batmanglij (ex Vampire Weekend) lascia il posto a Jack Antonoff, una garanzia se si vuole ottenere un sound sofisticato e orecchiabile. Punto di riferimento e ispirazione dichiarata nella genesi del disco: Carole King e il suo immortale “Tapestry”. Via i sintetizzatori dunque e molto spazio lasciato a flauti, archi, chitarre acustiche, lap steel, pianoforte, le melodie create dalla voce di Claire Cottril non più nascoste ma messe in luce dagli arrangiamenti che Antonoff le cuce letteralmente addosso in “Amoeba”, “Partridge” e “Harbor”.

Una piccola rivoluzione minimalista che spoglia ogni brano, adatta a far da sfondo a riflessioni lucide e accorate su salute mentale, sessismo (il singolo “Blouse” con Lorde ai backing vocals, Clairo ha ricambiato il favore in “Solar Power”) successo improvviso (“Management”) e la riscoperta di sé stessi. Un passo in avanti rispetto a “Immunity” che provava ad uscire dalla comfort zone riuscendoci solo in parte, mentre in “Sling” Miss Cottril si mette decisamente comoda aiutata dal suono caldo di “Bambi”, “Wade”, “Just For Today”.

La maturazione di Clairo in questi quarantaquattro minuti è chiara ed evidente, anche se i paragoni con “Figure 8” di Elliott Smith appaiono francamente eccessivi. Se nel 2019 Frankie Cosmos era il nome più citato quando si parlava di Claire Cottril, “Sling” è da accostare alla scena americana folk anni settanta. Una rivisitazione ad alto tasso emotivo, ricca di stile ma non ancora capace di fare quel salto di qualità che potrebbe portarla in territori musicalmente più avventurosi.

Credit foto: Savanna Ruedy

Tracklist
1. Bambi
2. Amoeba
3. Partridge
4. Zinnias
5. Blouse
6. Wade
7. Harbor
8. Just For Today
9. Joanie
10. Reaper
11. Little Changes
12. Management
 
 

Onceweresixty – The Flood

Ci sono band che hanno un numero fortunato a cui difficilmente rinunciano, per scaramanzia o per affettuosi ricordi. La vita musicale dei ...

The Stranglers – Dark Matters

Forte questa giovane band di strangolatori che sembrano rimescolare le carte, ridimensionando queste numerose e nuove band post punk ...

Nichelodeon – Incidenti / Lo ...

C’è l’estro dello sperimentatore, compositore e musicoterapista Claudio Milano dietro i NichelOdeon (o meglio NichelOdeon/InSonar & ...

Art School Girlfriend – Is It ...

Di Polly Mackey e del suo progetto solista Art School Girlfriend si parla molto bene da qualche anno ormai. L’album d’esordio della ...

Justus Proffit – Speedstar

Justus Proffit gestisce un locale a Los Angeles di nome Topspace e immagino che, in questo difficile periodo, abbia avuto più di un ...