LORDE
Solar Power

[ Universal Music - 2021 ]
6
 
Genere: Folk Pop
Tags:
 
23 Agosto 2021
 

Con il pop si può rischiare.

4 anni sono passati dal secondo capolavoro di Lorde dal titolo “Melodrama”. Un disco che seguiva le orme del primo album “Pure Heroine” incantando artisti dal calibro di David Bowie. Secondo quest’ultimo la giovane artista neozelandese sarebbe stata il futuro del pop. E fino ad ora ci abbiamo tutti creduto.

I hate the winter, can’t stand the cold”, sono le prime parole del primo singolo “Solar Power”, anche titolo del terzo LP, uscito a sorpresa tempo fa e che ha fatto salire l’asticella dell’hype in tutto il globo. A gran voce si richiedeva un nuovo disco, oramai estasiati da quella natura quasi dark e “melodrammatica” precedente. Ora, Lorde esce dal suo mondo fatto di freddo per sdraiarsi su una spiaggia al caldo del sole estivo.

Jack Antonoff è alla base di produzione, ancora una volta, di un disco della cantante ma chissà perchè in questo caso si è cannato un po’ il tutto. Non c’è niente di nuovo, sembra un album di Natalie Imbruglia (mi dispiace fare questo paragone, ma devo) e le dodici tracce assieme rendono l’ascolto noioso, uguale e molto lento.

Questa deriva quasi folk, un folk che ha già toccato artiste come Taylor Swift sta sfuggendo di mano. Per gran parte del disco sembra anche quasi che le varianti alla Lana Del Rey siano riuscite ad entrare nella struttura: queste chitarre acustiche presenti per tre quarti dell’album, una base di drum machine uguale in ogni suo tempo e quel mood spensierato e molto nostalgico nell’interpretare i testi.

Lorde ce l’aveva detto, comunque: sarà un disco rilassato, con molte influenze del folk-rock come The Mamas & The Papas (soprattutto nei coretti da sixties). I singoli ci avevano fatto dire “ah, finalmente è rinata sotto una nuova luce“, peccato che le anticipazioni non possono poi essere la copia spudorata delle altre nove canzoni presenti nell’album.

La scrittura dei testi è sicuramente ottima, anche se a volte pecca di coerenza. Se in “Ocean Feeling” si riassapora la Lorde del passato, in “Leader of a New Regime” la carta dell’ambientalismo viene giocata tra impegno e ironia dando quindi il senso finale di “ok e quindi?”.

Ora, io sono un suo grande fan. Dal vivo è qualcosa di pazzesco e varrà comunque la pena andarla a sentire nelle due date italiane. Questo però non giustifica l’album mediocre appena uscito: le attese erano molto alte, l’hype si percepiva da mesi oramai e sicuramente il cambio di stile anche di Billie Eilish con “Happier Than Ever” non ha aiutato. In questo caso si gira intorno ad un’intenzione non ben definita, con l’aggravante di non guardare avanti e di esibire un’introspezione autoreferenziale molto forte. Il mio consiglio è comunque di ascoltarlo, per il prossimo però vi dico “don’t believe the hype“.

Tracklist
1. The Path
2. Solar Power
3. California
4. Stoned at the Nail Salon
5. Fallen Fruit
6. Secrets From a Girl (Who’s Seen It All)
7. The Man With the Axe
8. Dominoes
9. Big Star
10. Leader of a New Regime
11. Mood Ring
12. Oceanic Feeling
 
 

Amyl And The Sniffers – ...

Il loro omonimo debutto sulla lunga distanza, uscito a maggio 2019, ci era piaciuto parecchio e siamo ben contenti di ascoltare questa loro ...

Little Simz – Sometimes I ...

Kendrick Lamar l’aveva già detto, quattro anni fa: Little Simz è attualmente una delle rapper migliori in circolazione. E se già ...

BLANCO – Blu Celeste

Avete notato come lo scossone, avviato da “OBE” di MACE, alla musica italiana, quest’anno, abbia dato vita a progetti che, finalmente, ...

We Were Promised Jetpacks – ...

Nell’estate del 2019 Michael Palmer, chitarrista e membro fondatore dei We Were Promised Jetpacks, ha abbandonato in maniera ...

The Boo Radleys – A Full ...

Sempre un piacere ritrovare i cari, vecchi Boo Radleys. Certo manca Martin Carr, mente e motore della band in tutti questi anni, ma ...