“IL NOSTRO TERZO ALBUM SI COLLOCA DA QUALCHE PARTE NEL MEZZO DEI PRIMI DUE.” I GRIZFOLK CI PARLANO DEL LORO NUOVO LP

 
25 Agosto 2021
 

Formatisi da quasi dieci anni, i Grizfolk hanno pubblicato da pochissime settimane, via Nettwerk Music Group, il loro omonimo terzo album. La band alt-rock svedese-americana ha iniziato a lavorare sul disco appena prima della pandemia, aiutata anche dalle sapienti mani del noto produttore Rich Costey, e in seguito ha dovuto registrare da casa, ma ha trovato, nonostante tutto, il suono che stava cercando. Noi di Indieforbunnies.com abbiamo approfittato di questa nuova release per contattarli via e-mail e farci raccontare qualche dettaglio di questo loro nuovo lavoro. Ecco cosa ci hanno detto:

Ciao ragazzi come state? Com’è la situazione con il Covid negli Stati Uniti in questo momento?
La situazione con il Covid è….ok. Le cose andavano molto meglio due mesi fa, ma attualmente stiamo tutti bene quindi non possiamo lamentarci. Non vediamo l’ora di tornare alla normalità in modo da poter suonare di nuovo ai concerti.

Prima di tutto, per favore potreste presentare la vostra band ai nostri lettori che potrebbero ancora non conoscervi? Come vi siete incontrati?
Siamo una band di LA e Nashville composta da due americani (Adam e Bill) e due svedesi (Fredrik e Sebastian). Ci siamo incontrati tutti a Los Angeles tra la fine degli anni 2000 e l’inizio degli anni ’10 quando Adam e Bill suonavano in un’altra band e anche Fredrik e Adam stavano scrivendo musica separatamente. Hanno organizzato una sessione di scrittura insieme Sebastian un giorno e da allora non abbiamo mai smesso di scrivere musica. È difficile credere che siamo una band da quasi 10 anni.

Il vostro terzo disco è uscito pochi giorni fa: quali sono le vostra aspettative? Cosa significa per voi poter pubblicare la vostra musica dopo tutto il tempo che tutti noi abbiamo dovuto trascorrere chiusi in casa negli ultimi 18 mesi?
In molti modi il nostro processo creativo è stato completamente capovolto per questo album, ma in altri modi non è cambiato molto. Per la prima metà dell’album, siamo stati tutti insieme in studio a Santa Monica con Rich Costey, ma poi il 13 marzo 2020 tutto si è chiuso. Ci siamo fermati per un paio di mesi per vedere come sarebbero andate le cose, ma una volta che ci siamo resi conto che saremmo stati in questa situazione a lungo termine, abbiamo capito come lavorare da remoto. Come tutti gli altri facevamo chiamate zoom e facetime quasi ogni giorno, parlando delle canzoni e delle loro parti e di ciò che ogni persona avrebbe registrato quel giorno nel suo studio di casa… non appena le cose sono migliorate e si stava tornando alla “normalità”, alcuni di noi si sono incontrati qualche volta a Nashville e Los Angeles per poterlo terminare. Sicuramente è stato un modo più impegnativo per fare un album, ma tutti noi siamo ancora più soddisfatti di come è venuto fuori, date le condizioni che abbiamo dovuto affrontare.

All’inizio del 2020 vi siete incontrati al Joshua Tree National Park per scrivere, suonare, cucinare e godersi l’ambiente circostante: come è stata questa esperienza? Vi ha aiutato a riconnetterti alle origini della vostra band?
Joshua Tree è uno dei nostri posti preferiti sulla terra ed è stato il luogo perfetto per iniziare questo album. Avevamo tutti i nostri strumenti e l’attrezzatura per la registrazione sistemati in una casa nel mezzo del deserto e ogni giorno lavoravamo sulla musica dal momento in cui ci svegliavamo fino a tarda notte. Una manciata di canzoni che abbiamo scritto durante quel viaggio sono finite per essere inserite nell’album, ma più di ogni altra cosa quel viaggio ci ha aiutato a concentrarci su quale sarebbe stata la direzione del nostro terzo album. Il suono nel complesso riflette certamente ciò che Joshua Tree significa per noi.

Il vostro nuovo album è stato prodotto da Rich Costey, che in precedenza ha lavorato con band come The Killers, Muse, Death Cab For Cutie: cosa ha portato al vostro suono? Cosa avete imparato da lui?
Abbiamo apprezzato molto il nostro tempo passato con Rich. Una cosa che abbiamo tratto dal lavorare con lui è che va bene (e spesso è meglio) semplificare le cose in studio. A volte possiamo complicare eccessivamente una produzione o passare ore a scrivere un testo e Rich è molto bravo a fare un passo indietro e guardare la canzone da 10.000 piedi. Insieme stavamo cercando di trovare cosa mette la “magia” o “l’anima” in una registrazione, senza preoccuparci eccessivamente dei dettagli lungo il percorso. Alcune delle canzoni di questo album sono vecchie canzoni che abbiamo provato a registrare più volte in passato e che non siamo riusciti a fare bene, ma Rich è stato in grado di aiutarci a dar loro vita.

Perché avete scelto di chiamare il vostro nuovo disco con il vostro nome? E’ più personale?
Abbiamo scelto di intitolare questo album così perché crediamo che sia la migliore rappresentazione del nostro sound fino a oggi. Come band la nostra identità è cambiata nel corso degli anni man mano che siamo cambiati e ci siamo evoluti come esseri umani… e non è detto che qualcuno delle nostre uscite ci piaccia più di altre (anche se ci sono probabilmente cose che vorremmo poter tornare indietro e correggere in retrospettiva), è solo che ora c’è un’immagine più chiara di cosa significa per noi “grizfolk”. Il nostro primo album si è basato più su sintetizzatori ed elementi elettronici, mentre il nostro secondo album è andato nella direzione opposta e presentava una strumentazione molto più organica. Il nostro terzo album si colloca da qualche parte nel mezzo dei primi due in questo senso e ora in realtà pensiamo al nome della nostra band come a un genere musicale a sé stante.

Di cosa parlano i vostri testi? Quali sono state le vostre più grandi ispirazioni, mentre li scrivevate?
I testi parlano di tutto, dalla vita alla morte e tutto il resto. All’inizio siamo stati ispirati dai nostri viaggi e dall’amore. Alcuni di noi hanno attraversato situazioni che hanno cambiato la vita, come la sobrietà e la perdita di un genitore, quindi ne sentirete un po’ nei testi. In questi giorni sembra che tutti noi abbiamo qualcosa in comune e speriamo di raggiungere quante più persone possibile con i nostri testi.

Musicalmente, quali sono state le vostte influenze più importanti per il vostro terzo album? Come etichettereste la vostra musica?
Come abbiamo detto prima, l’album ha iniziato a prendere forma a Joshua Tree. Pensiamo che l’ambiente e i luoghi in cui trascorriamo molto tempo svolgano un ruolo enorme nel suono e nei colori della nostra musica. Questo album contiene alcune canzoni più vecchie che all’epoca non ci sembrava giusto pubblicare, ma sembravano adattarsi perfettamente alla storia e all’atmosfera di questo album. Poiché noi quattro siamo tutti cantautori e produttori con background musicali diversi, è difficile mettere un’etichetta sulla musica che creiamo. Ci piace chiamare il genere “Grizfolk” 🙂

Come funziona il processo creativo nella vostra band? C’è una persona in particolare che scrive i testi e/o lo musica o è una cosa collaborativa?
È sicuramente una collaborazione e differisce da canzone a canzone e anche da album ad album. Su questo disco abbiamo avuto la fortuna di lavorare con diversi cantautori e produttori di talento. Rich Costey è uno di loro, ma anche una manciata di scrittori e produttori di Nashville. Jeremy Lutito e Tim Bruns ci hanno aiutato a scrivere “Now That I Know”, Gabe Simon “Be My Yoko”, Kyle Ryan “Gone” e Randall Kent “Fumes”, “Howlin” e “Be My Yoko”. Siamo sempre stati a nostro agio nel condividere idee e lasciare che le canzoni assumessero forme diverse. A volte una canzone avrà più arrangiamenti e sensazioni diverse prima di prendere la sua forma finale.

Quali sono i maggiori cambiamenti tra il vostro nuovo disco e il vostro sophomore “Rarest Of Birds”, uscito nel 2019?
Questo album è una miscela perfetta tra il nostro primo album “Waking Up The Giants” e “Rarest Of Birds”. Laddove “WUTG” aveva una base più elettronica e synth heavy e “Rarest Of Birds” aveva un approccio più organico, il nostro terzo album è il ponte tra questi due mondi.

Ora i concerti stanno lentamente tornando: cosa ne pensate? C’è qualche piano di suonare in Italia in futuro (forse nel 2022)? Avete fatto qualche concerto online negli ultimi 18 mesi?
Piuttosto che concentrarci sul fare qualsiasi concerto dal vivo durante la pandemia, abbiamo messo tutte le nostre energie nella scrittura e nella registrazione e nel finire questo album, ma siamo molto contenti di poterci esibire di nuovo dal vivo. Non abbiamo suonato un solo spettacolo dal festival Kaaboo Del Mar di San Diego nell’estate del 2019. Per quanto riguarda l’Italia, non vediamo l’ora di tornare laggiù. Abbiamo aperto per i Bastille alcuni anni fa a Milano ed è stato uno dei nostri spettacoli preferiti di sempre. Ci piacerebbe esplorare il resto del paese nel 2022!

Un’ultima domanda: per favore potete scegliere una delle vostre canzoni, vecchia o nuova, da usare come colonna sonora di questa intervista?
Forse la canzone migliore da ascoltare durante la lettura di questa intervista è “The Ripple”. L’abbiamo scritta nei primi giorni dei Grizfolk ed è stata con noi per la maggior parte del nostro viaggio. I testi racchiudono molto di ciò che abbiamo passato come band e il suono è ciò che abbiamo sempre cercato.

Photo Credit: Matthew Coughlin

 

“Il mio modo di scrivere ...

Ruby Fields è una musicista di Sydney: attiva sin dal 2017, la giovane australiana ha finora pubblicato una manciata di singoli e un EP, ...

“Molti fan pensano che questo ...

Giunti al loro quarto album, i britannici Desperate Journalist di stanza a Londra – formati dal chitarrista Rob Hardy, dal bassista ...

Dalla Germania la carica indie-pop ...

Ci siamo innamorati dei loro brani dall’uscita del primo singolo nel 2015. I Giant Rooks sono in assoluto uno dei gruppi musicali più ...

“E’ stato un privilegio ...

Lo scorso maggio, via Howl Records, i Mighty Oaks hanno pubblicato il loro quarto album, “Mexico”, che è arrivato dopo poco più di un ...

“Everything Picture”, ...

Di Riccardo Cavrioli e Riccardo Oliboni Il 19 aprile 1999 la Nude Records pubblicava la mastodontica opera degli Ultrasound, che esordivano ...