OGGI “LEISURE” DEI BLUR COMPIE 30 ANNI

 
Tags: ,
26 Agosto 2021
 

Il primo contatto arrivò presto. Il che fu sia un bene che un male allo stesso tempo.

Il 1991, in Inghilterra, scorreva col Madchester – che con i suoi Inspiral Carpets, Happy Mondays e i, precocemente leggenda, Stone Roses rivitalizzò le isole d’oltremanica, ispirando un’intera generazione di musicisti – ritrovatosi sull’infelice viale del tramonto.
Nel frattempo, a sud dell’isola, stava nascendo qualcosa di nuovo nell’aria.
Veniva pubblicato “Leisure”: il debutto di un quartetto di sbarbatelli con le frangette e le maglie rigate che, di lì a poco, avrebbe scritto, da protagonista, le pagine di un nuovo capitolo della storia della scena alternativa britannica: il Britpop.

Il disco verrà pubblicato, soprattutto, sulla scia del buon successo dei singoli: dall’infatuazione dalle oscillazioni spaziali “She’s So High” sino alle frizzantine “There’s No Other Way” e “Bang”.
Tra cinque stelle da una parte e cinici stroncamenti dall’altra – il disco finirà per guadagnarsi un prestigioso settimo posto nelle Chart nazionali; regalando così ai Blur una certa notorietà in tutto il paese.
Un debutto niente male, insomma. Eppure, in tempi più recenti, i nostri carissimi hanno mostrato di non conservare ricordi eccezionali circa il disco in questione; parlandone, anzi, con una certa riluttanza. Giusto per dare un’idea, nel documentario “No Distance Left To Run” del 2009, Damon Albarn dichiara:
Grazie al cielo, erano tempi in cui si poteva fare un disco mediocre e non correre il rischi di essere scaricati via l’attimo dopo.

Il motivo di queste dichiarazioni va ricercato nel fatto che il disco fu fortemente manipolato dalla Food Records. L’etichetta sancì una certa ridondanza estetica delle immagini varie – con i suoi colori vivaci, in stile manifesti d’epoca – a partire dalla copertina del disco (una fotografia risalente al 1954). Ancor più seccanti furono le pressioni da parte dell’etichetta circa la sonorità, che avrebbe dovuto seguire la scia delle grandi correnti musicali dell’alternative contemporaneo; a partire dal pop psichedelico del Madchester – che cominciava a suonare stantio – sino allo shoegaze.

Saranno incaricati più addetti alla produzione, ma sarà Stephen Street (ex The Smiths) a conquistare la band. Tant’è che sarà, poi, richiamato a collaborare per tutti gli album a venire – ad eccezione di quelli dalle esigenze più sperimentali (“13” e “Think Thank”).

Alla fine, salterà fuori un disco parecchio vicino ai nuovi Charlatans; che, come da previsione, non offrirà alcuna novità al mondo della musica. Glielo riconobbe anche la NME – che, tuttavia, elogiò il disco – scrivendo:
I Blur non sono altro che il mero presente del rock’n’roll.

Ma di cosa parliamo, sostanzialmente, quando parliamo di “Leisure”?
Chitarre fluorescenti, riverberi traboccanti, beat in pieno stile baggy e cori trasognati che realizzano un sound dalla disinvoltura edonistica e dalla fluorescenza fanciullesca.

Oltre ai singoli già citati, nel disco si alternano, sommariamente, momenti più vivaci ad altri più letargici.
Tra i primi si annoverano “Slow Down”, “Come Together”, l’adorabilmente puerile “Fool” e la squisitamente sobria “Bad Day” – che sembra parlare di tutto fuorché che di una brutta giornata (l’analogia con “Bad Day” dei R.E.M. è strabiliante).
Con i secondi mi riferisco a brani come “Repetition”, “Birthday” e “Sing”. Quest’ultimo è un pezzo risalente ai tempi dei Seymour – ergo, i Blur prima che venissero ribattezzati col nuovo nome dall’etichetta – che acquisirà un nuovo prestigio con un posto nella colonna sonora di un film cult del calibro di “Trainspotting”.
Il disco si chiude con “Wear Me Down”, in cui la distorsione viene drappeggiata da un timbro più cupo. Calzerebbe perfettamente con le sonorità del disco omonimo del 97’.

Se non siete ancora sazi, potete sempre frugare tra le b-side; magari, provando con l’abulia saturnina “Inertia” o con “Mr. Briggs” – memorabile per il ritornello, col suo “somewhere” intonato in modo etereo – ripescato dalla band nel 2012 in occasione delle Maida Vale BBC Sessions.

In conclusione, “Leisure” sarà pure un album acerbo e tutto ciò che si vuole. Occorrerebbe, però, proclamare forte e chiaro che questo disco non è a corto di spirito e talento.
Un Albarn prodigio sfoggia, di già, un’eccezionale vocazione per un songwriting di livello. Graham Coxon che, invece, esibisce una personalità chitarristica fuori dal comune. A comprovare uno spiccato senso del groove ci pensano le linee di basso di Alex James e i solidi beat di Dave Rowntree.

Insomma – seppur impacciando un po’ – questo gruppo di novellini di Colchester ha fatto capire sin da subito di che stoffa è fatto; presentandosi, così, tra gli apprendisti del pop più promettenti del panorama.
Il resto è storia.

Pubblicazione: 26 agosto 1991
Durata: 50:13
Dischi: 1
Tracce: 12
Genere: Rock alternativo, Neopsichedelia, Shoegaze
Etichetta: Food Records, EMI
Produttore: Steve Lovell, Steve Power, Stephen Street, Mike Thorne

Tracklist:

She’s So High
Bang
Slow Down
Repetition
Bad Day
Sing
There’s No Other Way
Fool
Come Together
High Cool
Birthday
Wear Me Down

 

Do The Cabaret Voltaire

A Richard H. Kirk Sì, è davvero così: i Cabaret Voltaire non sono mai stati una band nel senso classico del termine, ma, più ...

Oggi “Wretch” dei Kyuss ...

Josh Homme, Nick Oliveri, Brant Bjork e John Garcia, una line-up leggendaria, oltre che l’anima più primordiale e viscerale dello ...

Oggi “Souljacker” degli ...

Quarto album degli Eels, “Souljacker” è un indimenticabile tesoro ruvido che continua a risplendere fulgido a distanza di ...

Oggi “Anime Salve” di Fabrizio ...

Non doveva essere l’ultimo album di Fabrizio De André “Anime Salve” ma la tentazione di vederlo come un testamento, spirituale e ...

Any Given Friday – Ogni ...

È di nuovo venerdì e seguendo la traiettoria del volo di un moscone – dal ronzio più emozionante di tante cose sentite ultimamente ...