JEFF AMENT
I Should Be Outside

[ Monkeywrench Records - 2021 ]
4.5
 
Genere: alternative rock
 
27 Agosto 2021
 

Jeff Ament ha scritto e registrato le dodici tracce di “I Should Be Outside”, il suo quarto disco solista, nei mesi più bui e tragici della pandemia di COVID 19, ovvero quelli che da noi in Italia sono stati all’insegna di canti dai balconi, pagnotte fatte in famiglia, urticanti slogan ottimistici, ospedali al collasso e carovane di bare. Un incubo che il bassista dei Pearl Jam ha vissuto rintanato in una casa del Montana, lontano anni luce dal caos delle grandi metropoli americane e dagli sconclusionati sproloqui minimizzanti del presidente Trump.

A fargli compagnia solo la musica e la pittura, due vecchie passioni che gli hanno consentito di affrontare l’insopportabile autoisolamento senza perdere la testa. Tutto il processo di lavorazione dell’album è stato influenzato dal desiderio assillante – ma impossibile – di sgusciare via dalle pareti domestiche e stare fuori, a divertirsi con gli amici o a suonare di fronte alle migliaia e migliaia di fan che, poveri illusi, avevano già acquistato in massa i biglietti per l’ormai pluri-posticipata tournée di supporto a “Gigaton”.

Un’opera sicuramente di evasione ma nata quasi controvoglia, figlia della noia mortifera del lockdown e della necessità di riempire giornate grigie e monotone. Non proprio il migliore dei presupposti per un lavoro di qualità, non credete? E infatti “I Should Be Outside”, in larghissima parte, rappresenta una cocente delusione. Si ha l’impressione di avere a che fare con una raccolta di demo scarne e incompiute, registrate alla bell’e meglio da un Jeff Ament non particolarmente ispirato ma in preda ai fumi di una creatività grezza e disordinata.

Poco o nulla va per il verso giusto in quest’album di rock stantio – tedioso quando non addirittura deprimente – in costante bilico tra banalità dal gusto vagamente post-punk (“Lightmoves”, “Life”, “O.O.F.”, l’atroce “Despite All Odds”) e soporifere parentesi “classiche” o simil-folk (“Sweet Boy”, “Dead Ends”, “Bandwidth”). Il fatto che Ament sia un cantante estremamente poco dotato di certo non aiuta; è anche vero, però, che nei brani leggermente più interessanti di “I Should Be Outside” (“I Hear Ya”, “Passion Denied” e “For The Ones”) le scarse capacità interpretative non compromettono i risultati.

E allora qual è il vero problema? Credo di averlo già detto, ma è giusto ripetere in chiusura: poche idee espresse male per un disco dal sound scadente. Un work in progress mandato in stampa in fretta e furia, senza concedersi il tempo necessario per rimpolpare e rifinire una manciata di canzoni monche e stanche. Peccato, perché Jeff Ament non è solo un musicista di livello, ma anche un autore coi fiocchi. L’ha dimostrato ampiamente coi Pearl Jam, mettendo la firma su una serie di pezzi indimenticabili (“Jeremy”, “Nothing As It Seems”, “Indifference”, “Nothingman” e “Smile”, giusto per citare i piatti forti), ma anche da solo (vedi il precedente “Heaven/Hell”). Facciamo così: per il prossimo lockdown fai una scorta di lievito di birra e goditi qualche bella serie TV su Netflix, ok?

Photo credit: Lugnuts / CC BY-SA

Tracklist
1. Lightmoves
2. I Hear Ya
3. Passion Denied
4. Bandwidth
5. For The Ones
6. Life
7. O.O.F.
8. Dead Ends
9. Despite All Odds
10. The Divine Perfume
11. You Know Who You Are
12. Sweet Boy
 
 

Amyl And The Sniffers – ...

Il loro omonimo debutto sulla lunga distanza, uscito a maggio 2019, ci era piaciuto parecchio e siamo ben contenti di ascoltare questa loro ...

Little Simz – Sometimes I ...

Kendrick Lamar l’aveva già detto, quattro anni fa: Little Simz è attualmente una delle rapper migliori in circolazione. E se già ...

BLANCO – Blu Celeste

Avete notato come lo scossone, avviato da “OBE” di MACE, alla musica italiana, quest’anno, abbia dato vita a progetti che, finalmente, ...

We Were Promised Jetpacks – ...

Nell’estate del 2019 Michael Palmer, chitarrista e membro fondatore dei We Were Promised Jetpacks, ha abbandonato in maniera ...

The Boo Radleys – A Full ...

Sempre un piacere ritrovare i cari, vecchi Boo Radleys. Certo manca Martin Carr, mente e motore della band in tutti questi anni, ma ...