OGGI “IOWA” DEGLI SLIPKNOT COMPIE 20 ANNI

 
28 Agosto 2021
 

I System Of A Down, forti della conoscenza del passato, avevano soprattutto un messaggio politico da voler comunicare al mondo; i KoRn guardavano soprattutto all’hip-hop ed all’elettronica e temevano che un futuro oscuro e distopico fagocitasse ogni cosa; entrambe le band, tutto sommato, si rivolgevano al futuro, tentando di migliorarlo o dandolo, semplicemente, per spacciato.

Gli Slipknot, invece, si sentivano ancorati alle frustrazioni, alle ansie ed agli incubi del proprio presente; le loro sonorità, comprensive di giradischi e di campionamenti, erano drammatiche, torbide e brutali, ma assolutamente veritiere, perché erano il frutto di ciò che avevano provato sulla loro pelle. Si trattava, dunque, di sonorità intrise di sangue e di vomito, di sudore e di merda, di notti insonni trascorse senza avere alcun posto sicuro nel quale poter tornare e chiamare “casa”. Le loro esibizioni erano una rappresentazione teatrale, perfettamente riuscita, di quell’ignobile farsa che, ancora oggi, ci ostiniamo a definire realtà, nonché della nostra politica da discount, della nostra sfrenata ed insensata brama di possesso e di controllo, di tutti quei beceri e meschini sotterfugi che continuiamo, imperterriti, ad utilizzare per accrescere ed amplificare a dismisura il nostro ego.

Ed intanto le persone più umili ed emarginate, come lo erano originariamente i nove componenti della band americana, affrontano una quotidianità fatta di lavori precari e sottopagati, di droga, di pornografia, di povertà, di alcool, d’isolamento, d’alienazione, di morte. Sentimenti negativi concentrati in un luogo geografico ben preciso: lo Iowa, il famoso stato del mais, ma, in realtà, al di là dei limitati confini fisici dello stato americano, è evidente come queste terribili esperienze possano travolgerci e distruggerci tutti, indipendentemente dalla città, dal paese, dalla nazione, dal tempo nel quale viviamo.

“Iowa” fonde elementi musicali più classici, di provenienza trash e death metal, con il nu-metal tipico della fine degli anni Novanta e con una sorta di vibrante rap iper-veloce, mentre i riff di chitarra sono taglienti ed abrasivi, le ritmiche forsennate ed estenuanti, la follia spazza via ogni argine di normalità, di buona creanza e di gentilezza e la nostra così detta civiltà dell’informazione sembra essere, da un momento all’altro, sul punto di sgretolarsi per sempre, perdere le proprie molteplici maschere e mostrarsi per ciò che essa è in realtà: “People = Shit”. Altro momento epico ed imprescindibile, sia dal punto di vista dell’album, che della crescita e dell’affermazione della poetica della band, è “The Heretic Anthem”, un brano che, dietro ai commerciali, radiofonici e mediatici richiami al tanto vituperato satanismo, nasconde, in realtà, quella che è la vera natura del potere capitalistico e delle tanto sbandierate “democrazie” occidentali, le stesse democrazie che, in questi giorni, in Afghanistan, hanno mostrato, ancora una volta, quello che è il loro vero volto e quelle che sono le loro vere priorità. Parliamo di denaro, di speculazioni, di economia, non certo di uomini e donne. Ed intanto Corey Taylor, sul baratro dell’ennesimo precipizio di odio, guerra e pazzia, resta in bilico tra la violenza e la melodia, tenendo accesa l’ultima flebile scintilla di speranza, l’ultima disperata possibilità di trasformare questo demone di puro odio sonico in un futuro completamente alternativo, sconosciuto e imprevedibile, lontano sia dalle cupe distopie care ai KoRn, che dalle politiche progressiste, intrise di Novecento, care ai System Of A Down.

Pubblicazione: 28 agosto 2001
Durata: 66:18
Dischi: 1
Tracce: 14
Genere: Heavy-Metal, Rap-Metal, Nu-Metal
Etichetta: Roadrunner
Produttore: Ross Robinson, Slipknot
Registrazione: 2001

Tracklist:
1. (515)
2. People = Shit
3. Disasterpiece
4. My Plague
5. Everything Ends
6. The Heretic Anthem
7. Gently
8. Left Behind
9. The Shape
10. I Am Hated
11. Skin Ticket
12. New Abortion
13. Metabolic
14. Iowa

 

Oggi “Souljacker” degli ...

Quarto album degli Eels, “Souljacker” è un indimenticabile tesoro ruvido che continua a risplendere fulgido a distanza di ...

Oggi “Anime Salve” di Fabrizio ...

Non doveva essere l’ultimo album di Fabrizio De André “Anime Salve” ma la tentazione di vederlo come un testamento, spirituale e ...

Any Given Friday – Ogni ...

È di nuovo venerdì e seguendo la traiettoria del volo di un moscone – dal ronzio più emozionante di tante cose sentite ultimamente ...

Oggi “Use Your Illusion I & ...

Cosa puoi mai inventarti quando ti trovi di fronte alla necessità di dare un seguito a un album epocale come “Appetite For ...

Oggi “Pretty On The Inside” ...

Nei quaranta minuti scarsi di “Pretty On The Inside” c’è tutto il glorioso marciume del grunge nella sua forma più rabbiosa, ...