BIG RED MACHINE
How Long Do You Think It’s Gonna Last?

[ Jagjaguwar – 2021 ]
8.5
 
Genere: Indie rock, elettro folk
 
30 Agosto 2021
 

Continua la collaborazione tra Aaron Dessner dei The National e Justin Vernon (Bon Iver) nei Big Red Machine, autori di un pregevole esordio (“Big Red Machine” del 2018) già ricco di spunti musicali impreziositi negli anni seguenti da singoli estemporanei realizzati con Michael Stipe (“No Time for Love Like Now”) e altri artisti. Oggi i BRM sono un collettivo di menti e anime affini, che ruota attorno alla coppia DessnerVernon ma si arricchisce via via di voci sempre nuove. L’album numero due è un piccolo regalo di fine estate, periodo che ben si adatta al languore elettro – acustico di questi quindici brani.

“Latter Days” inizia col pianoforte, un fischiettio insistito e la splendida voce di Anaïs Mitchell che si fonde a quella di Vernon in un duetto che ha il sapore affettuoso di un abbraccio a lungo rimandato, melodie dolci che contagiano anche “Reese” in cui a farla a padrone è la voce del buon Justin su una base elettronica arricchita da tastiere e chitarra. Moltissimi gli ospiti e in nessun caso si ha la sensazione di una presenza forzata, per puro apparire, per saldare un debito o ottenere favori. Poteva diventare un derby quello tra Fleet Foxes & Anaïs Mitchell nella briosa “Phoenix” vs Ben Howard & This Is The Kit nell’altrettanto riuscita, dolcissima “June’s a River” invece non c’è animosità né invidia.

La presenza di Taylor Swift non è più una sorpresa dopo “folklore” ed “evermore”: in duetto con Vernon nella melodica “Birch” (prima voce lui, seconda lei) a parti invertite in “Renegade” con un tono più pop e anche qui tutto sembra molto naturale come il contributo di Ilsey (Juber) già collaboratrice di Mark Ronson. Unico passo falso “Easy to Sabotage” (feat. Naeem) tentativo di crossover hip hop che francamente stona se paragonato al resto, piccolo errore comunque compensato dal calore quasi gospel di “Hutch” che schiera un parterre de roi: Vernon, Sharon Van Etten, Lisa Hannigan e Shara Nova dei My Brightest Diamond per un commovente brano omaggio a Scott Hutchison dei Frightened Rabbit.

C’e spazio anche per il fingerpicking di “The Ghost of Cincinnati”, il minimalismo di “Hoping Then”, il carillon ben orchestrato di “Magnolia” con Aaron alla voce e un piccolo atto d’amore fraterno (“Brycie” dedicata da un Dessner all’altro). L’esordio “Big Red Machine” sembrava a tratti un mixtape, una compilation di idee. Il fil rouge di questo secondo album invece è quasi sempre chiaro, brillante, un bel lavoro di squadra. “How Long Do You Think It’s Gonna Last?” si chiedono i Big Red Machine ed è una domanda che resta in sospeso, ma senza tensioni né ansie “solo” gran belle canzoni e i sospiri autunnali di “8:22am” e “New Auburn”.

Tracklist
1. Latter Days (feat. Anaïs Mitchell)
2. Reese
3. Phoenix (feat. Fleet Foxes & Anaïs Mitchell)
4. Birch (feat. Taylor Swift)
5. Renegade (feat. Taylor Swift)
6. The Ghost of Cincinnati
7. Hoping Then
8. Mimi (feat. Ilsey)
9. Easy to Sabotage (feat. Naeem)
10. Hutch (feat. Sharon Van Etten, Lisa Hannigan & Shara Nova)
11. 8:22am (feat. La Force)
12. Magnolia
13. June's a River (feat. Ben Howard & This Is The Kit)
14. Brycie
15. New Auburn (feat. Anaïs Mitchell)
 
 

Sam Fender – Seventeen Going ...

Dopo i missili ipersonici dell’esordio, è tempo della seconda prova per Sam Fender, giovane inglese che in poco tempo ha attirato ...

Amore Psiche – Scoprire

“Scoprire” è una richiesta d’aiuto. Gli Amore Psiche, in questo debut album pubblicato il 24 settembre da indipendenti, ...

Project Skeme – A-live

Impossibile non far cenno al fatto che, nei componenti del “Project Skeme”, sono presenti ben due membri di uno dei tesori nascosti ...

Strand Of Oaks – In Heaven

Non è certo nuovo a tragedie e momenti difficili Tim Showalter ma è sempre riuscito a rialzarsi usando la musica come scudo e difesa. Lo ...

KOKO – Shedding Skin

Quando osserviamo un cielo notturno ci sentiamo più vulnerabili, ma, allo stesso tempo, siamo più sinceri, innanzitutto con noi stessi, ...