“EVERYTHING PICTURE”, LA TELA MUSICALE DIPINTA DAGLI ULTRASOUND VIENE FINALMENTE RISTAMPATA. NE PARLIAMO CON TINY E VANESSA.

 
Tags:
di
30 Agosto 2021
 

Di Riccardo Cavrioli e Riccardo Oliboni

Il 19 aprile 1999 la Nude Records pubblicava la mastodontica opera degli Ultrasound, che esordivano con un disco immenso ed enciclopedico, a dire poco. Parliamo ovviamente di “Everything Picture”, uno di quei lavori di fronte al quale è impossibile non schierarsi o rimanere indifferenti. La band guidata da Andrew “Tiny” Wood metteva sul piatto della bilancia una tale quantità di emozioni, suoni, sentimenti e pulsioni musicali che, anche dopo costanti e continui ascolti, il disco risulta uno scrigno di segreti in persistente mutamento. Finalmente il 24 settembre 2021 sarà pubblicata una versione deluxe dell’album, comprendente tutte le b-side dell’epoca e una ricca selezione di brani live. Era doveroso rendere omaggio a un simile lavoro, presentandolo in un box (che sarà composto da vinili e CD) che farà felici i fan di vecchia data ma anche chi si vuole misurare con un disco davvero “importante” in ambito guitar-pop.

Non potevamo farci sfuggire l’occasione di chiacchierare con lo stesso Andrew e Vanessa, bassista del gruppo.

Inizio nel peggiore dei modi, scusandomi per la banalità di questa domanda preliminare che avrete ascoltato più volte, ma che qui in Italia forse non siete così conosciuti. Ovviamente parliamo di questo capolavoro in fase, finalmente, di ristampa, “Everything Picture“. Riuscite a fare un viaggio nella memoria per parlarci della genesi dell’album e di quelle che, secondo voi, sono state le influenze maggiori che vi hanno portato a quel suono e a concepire un lavoro così impressionante? A volte io penso che, in realtà, il vostro “motto” durante la registrazione era “in questo disco ci sarà tutta la nostra conoscenza musicale“. Mi sbaglio?
Andrew “Tiny” Wood: Non ci saremmo mai aspettati di essere nella posizione di firmare un contratto o di raccogliere qualche interesse dell’industria, quindi quando è successo non ci siamo illusi di avercela fatta o di essere davvero piaciuti, quindi abbiamo dato per scontato che non ne avremmo fatto un altro e quindi abbiamo deciso di mettere tutto in questo. Quando Richard era un bambino era solito fare creare un “Everything Picture” semplicemente riempiendo una tela con tutto ciò che aveva a disposizione, così questo è quello che abbiamo fatto. Non so se questo corrisponda all’inclusione di tutte le (nostre) conoscenze musicali, ma sicuramente c’è stato un deciso tentativo di scrivere un sacco di canzoni in molti stili diversi.
Vanessa Wilson: Siamo più una squadra di esploratori che una band, siamo tutti molto curiosi nel e del processo creativo e innamorati di così tanti suoni che ci hanno preceduto. Ad essere onesti non credo che sapessimo bene cosa fare con tutto questo una volta finito e dopo che avevamo firmato, la storia per arrivare a quel punto è davvero la grande storia, è il quadro completo, il nostro “everything picture”. Alla fine ci siamo persi. Ora che stiamo creando di nuovo e siamo di nuovo nella parte del processo di composizione siamo al nostro meglio. Gli strati nell’opera d’arte originale erano proprio una rappresentazione visiva del processo creativo.

Citando gli Ultrasound non si può non pensare all’odiosa stampa inglese. Qui in Italia non c’è l’ “usanza” di vedere un giornale che prima elogia una band agli esordi e poi, al momento del disco, decide di “buttarla giù dalla torre”. Mi sembra che anche gli Ultrasuoni abbiano ricevuto questo orribile trattamento (anche se per fortuna ci sono state poi molte recensioni positive). Dopo tanti anni ancora non lo capisco. Come si affronta una situazione del genere? Immagino che sia proprio frustrante…
T: Mentre stavamo iniziando l’album nel dicembre 1997 abbiamo ricevuto una chiamata da NME che ci chiedeva di partecipare al tour chiamato “NME Brats”. Dato che eravamo impegnati con l’album ed eravamo appena tornati dal tour con Travis decidemmo di rifiutare l’offerta, al che loro risposero minacciosamente dicendo “vi abbiamo creato e possiamo distruggervi“. Ho sempre trovato meglio ignorarli. Trovo che il tempo tende ad estirparli naturalmente.
V: Sono d’accordo con Tiny, la cosa che conta sugli artisti è che semplicemente “sono” un artista, per sempre. Non si cerca di esserlo o di aggiungere riserve finanziarie come le persone che sono “in un lavoro”. Le persone con un lavoro cambiano costantemente, ma noi restiamo semplicemente nel mezzo del cambiamento. Io amo quello che faccio, passiamo del tempo meraviglioso suonando insieme e generalmente questa è la cosa più forte di qualsiasi opinione esterna. L’industria musicale è complessa, c’è qualcuno dentro con buone intenzioni e poi un intero carico di persone narcisiste e sociopatiche. Abbiamo sperimentato tutto questo, attualmente stiamo lavorando con colleghi incredibili, la loro integrità ed etica del lavoro è al di là di qualsiasi cosa che abbiamo sperimentato in passato. Forse i tempi stanno cambiando in meglio.

Sapete, sono ossessionato e per me “Everything Picture” dovrebbe essere studiato a scuola insieme a storia e matematica, aspetto con ansia la ristampa in vinile del boxset insieme a molte b-side dell’epoca. Qual era il vostro stato d’animo nel risentire di nuovo tutto quel vecchio materiale? Non ho capito poi se ci sarà anche una nuova sezione fotografica nel box, ovviamente con immagini del passato.
T: Un sacco di immagini del passato saranno incluse nel box. Ti assicuro che è stato molto bello ascoltare i pezzi prova quando sono arrivati e i remaster, che hanno suonato così bene e freschi, specialmente i singoli e le b-side.
V: Haha. In realtà potrei metterlo nel curriculum musicale, perché questo è il mio lavoro: pensa che mi occupo di musica in una scuola attualmente, la mia specialità è proprio lo sviluppo del curriculum. Ma forse mi sentirei in difficoltà a suonare la nostra musica ai bambini, preferisco una doppia vita! Parlando delle vecchie immagini, ti dico una cosa. Attenti all’uscita di “Goodbye 25” questo mese, ho appena trovato alcuni filmati casalinghi perduti del ’98 che saranno montati nel video. Grandi vecchi filmati.

Vedendo tutte quelle b-side, potete dirmi qual è la vostra preferita e perché? Come è bello poter finalmente ascoltare “Valencia” e “Goodbye 25”: Temevo che non le avrei mai sentirle. “Goodbye 25” è un vero viaggio nello spazio. Che canzone magnifica!
T: Ho sempre amato “Goodbye 25”, specialmente quando l’abbiamo eseguita dal vivo, al nostro ultimo show a Glastonbury 1999. Quello è stato un momento speciale. In realtà ti dico che mi piacciono tutte, per ragioni diverse.
V: Glastonbury 99 sembrava iniziata una nuova fase proprio con “Goodbye 25”. Abbiamo anche condiviso il camerino con Patti Smith…una cosa incredibile!

Quando ho finito di ascoltare l’album per la prima volta, stupito, guardando le foto nel libretto, ho pensato al situazionismo: è un movimento che conoscevi o era solo una mia impressione?
T: Conoscevo il termine ed ero consapevole dei movimenti artistici che lo hanno generato (il dadaismo e l’assurdismo avevano molto a che fare con la nostra precedente band, Sleepy People) ma non sapevo che quello era il nome che gli era stato dato, se capisci cosa intendo. L’esistenza stessa di una band come gli Ultrasound è, credo, un atto politico. Il fatto che abbiamo avuto l’audacia di stare di fronte al mondo e agire come “star”, essere “glitterati” con l’aspetto che abbiamo, cantando come facciamo e agendo come facciamo, è un atto di sfida. Sì, questo è qualcosa di cui ero ben consapevole, se non il movimento in sé.
V: Wow, ho dovuto cercare su Google il situazionismo, mi piacerebbe avere una bella chiacchierata con te su questo, molto complicato. Per tutta la tristezza intorno alla nostra rottura e il modo in cui siamo stati trattati, potrebbe benissimo essere la nostra salvezza. Ci sono molte popstar infelici, molti attori tormentati, non è difficile lavorare su come la combinazione di vulnerabilità, minuziosità e creatività sia volatile. Ci sono molte vittime musicali/creative che hanno portato tanto piacere alla gente ed è una tragedia.

Che belle quelle due versioni acustiche, arrivano davvero al cuore della melodia, all’anima melodica delle canzoni. Dove sono state registrate? Le tue canzoni sono spesso ricche e molto arrangiate, è davvero una strana sensazione sentirle così “semplici”. Cosa ne pensi?
T: Mi è piaciuta molto quella session e vorrei che ne avessimo fatte di più. Fu registrata per la BBC in quello che sembrava un bunker della guerra fredda del 1950, tutto metallo grigio e e pannelli perforati.
V: Le grandi canzoni funzionano indipendentemente da come vengono suonate.

Grande idea quella di includere le tracce dal vivo in questa ristampa. Non ho mai visto gli Ultrasound dal vivo e ti assicuro che lo dico con grande rammarico. C’è qualche episodio di quel tour che ricordi con piacere e qualcosa che non ti dà la stessa gioia?
T: Ci sono momenti che spiccano…di solito piccole cose come un warm up show prima di Reading 98, dove il mio microfono smise di funzionare e il pubblico cantò “Stay Young” per tutto il tempo. Anche Reading stesso è stato molto emozionante e tutti hanno pianto alla fine. Il già citato ultimo show di Glastonbury dove ho indossato un vestito e una parrucca blu è stato davvero speciale.
V: Tiny è la persona con più memoria, io non riesco mai a ricordare veramente bene, colgo solo la sensazione di ciò che è successo. La cosa strana è che quello che succede sul palco non sono 5 persone che suonano quelle canzoni, no, c’è una sesta “entità”, per la quale non abbiamo ancora una definizione.

E’ bello andare a leggere alcune biografie scritte da vari protagonisti della musica inglese degli anni ’90: Louise Wener degli Sleeper, Luke Haines degli Auteurs, Brett Anderson e Alex James dei Blur. Quello che mi ha colpito di più è stata l’influenza nefasta del music business e dei media, sia sulla vita dei singoli membri e delle band, sia sulla produzione artistica. Per gruppi come voi, che, più di altri, si sono concentrati su un percorso artistico, piuttosto che su uno commerciale, com’è stata quell’epoca? E quanto queste pressioni esterne hanno giocato nella dissoluzione del vostro progetto?
T: Leggere il primo libro di Luke Haines è stato esilarante perché ho riconosciuto tutte le persone e i luoghi di cui parlava. Quando l’Indie si è diffuso nei primi anni ’90 ha portato con sé il “business” che è un un paesaggio roccioso che deve essere esplorato con molta attenzione. Le etichette discografiche hanno un modo specifico di fare tutto sulla base di ciò che ha funzionato in passato, ma ciò che funziona per una band come i Suede non funzionerà per un gruppo di furfanti come noi. Fortunatamente per noi avevamo firmato un accordo che ci dava il pieno controllo artistico…il che si è rivelato un’arma a doppio taglio, dato che senza l’appoggio dell’etichetta una band può, a volte, fallire.
V: È stato meraviglioso e straziante guardare i vecchi home video che ho appena trovato. Ero solita pensare che tutto fosse solo una risata, feste e divertimento, ma ora vedo davvero dei piccoli bambini (anche se avevamo 20 anni) che avevano paura di tutto, ma che cercavano di essere come tutti gli altri. La verità è che siamo dei veri nerd! Abbiamo poco o nessun interesse per le “battute in un pub e le pinte di birra“. Questo è un costante fastidio per la gente, tutti vogliono fare festa con la band e noi siamo piuttosto riservati. Abbiamo tutti molto più piacere di fare nuove cose e di essere supportati nel farlo. Il camerino dopo uno spettacolo non è un posto per le persone che si ammassano e iniziano a bere. Abbiamo appena messo in campo i nostri cuori e abbiamo bisogno di gestire la cosa. Amiamo il brandy post concerto, intendiamoci! Ma solo con i nostri amici più vicini e cari, come modo di riprenderci, con calma. Sono contenta che questi stereotipi siano nel passato, è già stato fatto brillantemente da così tante band, anzi, è un po’ triste quando vedi un gruppo ora pensare che crollare in un canale di scolo con una bottiglia di whisky in mano sia rock and roll. Basta fare un grande disco e trattare il pubblico con il rispetto che si merita, facendo il miglior concerto possibile.

Grazie mille per la vostra gentilezza. Questa è la mia ultima domanda. Penso che “Play For Today” e “Real Britannia” abbiano dato un’angolazione e una connotazione più politica alle vostre canzoni, quindi mi viene naturale chiederti come avete vissuto la Brexit e questo periodo?
T: Beh, credo che tutti noi abbiamo opinioni e prospettive diverse basate sulle nostre esperienze. La Brexit è stato il più grande fiasco distruttivo che, credo, che questo paese abbia mai dovuto affrontare e con cui questo paese abbia mai avuto a che fare, con conseguenze di vasta portata che dureranno anni. La sua caratteristica più distruttiva, per le band come noi, è che l’esile possibilità di poter, a un certo punto, organizzare tour in Europa è stata praticamente scartata. Anche le band più grandi stanno lottando per negoziare quel pasticcio. Nel frattempo l’ascesa della destra in Europa e nel resto del mondo è una tendenza molto preoccupante ed è ben difficile sapere cosa fare a riguardo, se non cantare!
V: Tiny ha riassunto il tutto. Personalmente, sono disgustata dai nostri leader, il mio cuore si spezza ogni giorno. Ci chiamiamo Ultrasound, il primo album si chiama “Everything Picture”, abbiamo sempre lavorato sull’espansione e la crescita. Tutto questo odio e questo comportamento binario e tossico è riduttivo. Non voglio vivere su una piccola isola, tagliata fuori e piena di odio e paura degli altri. È un tale peccato. Come insegnante so che quei ragazzi sono arrabbiati perché hanno bisogno di aiuto; aiuto per sentirsi più sicuri o più amati o semplicemente accettati. Ci sono molti di noi che continuano a costruire, fare, cantare, ad amare. Unitevi al movimento, spingete il sasso e rotolerà. Un amico ha postato questo, questa mattina, “Il ruolo della cultura e della creatività è quello di agire come la lama tagliente di una società progressiva. E il compito della musica è quello di essere proprio la parte che taglia di quella spada. Ciò che accade prima nella musica è un buon indicatore di ciò che alla fine accadrà nella società in generale. Che sia buono o cattivo, è un barometro affidabile della direzione. La ragione per cui i governi lasciano chiudere i locali di musica è perche si oppongono al progresso che avviene al loro interno. Se vuoi far accadere il progresso, fai accadere la musica“, parole di Mark DavydMusic Venue Trust #revivelive

 

“Il mio modo di scrivere ...

Ruby Fields è una musicista di Sydney: attiva sin dal 2017, la giovane australiana ha finora pubblicato una manciata di singoli e un EP, ...

“Molti fan pensano che questo ...

Giunti al loro quarto album, i britannici Desperate Journalist di stanza a Londra – formati dal chitarrista Rob Hardy, dal bassista ...

Dalla Germania la carica indie-pop ...

Ci siamo innamorati dei loro brani dall’uscita del primo singolo nel 2015. I Giant Rooks sono in assoluto uno dei gruppi musicali più ...

“E’ stato un privilegio ...

Lo scorso maggio, via Howl Records, i Mighty Oaks hanno pubblicato il loro quarto album, “Mexico”, che è arrivato dopo poco più di un ...

“Il nostro terzo album si ...

Formatisi da quasi dieci anni, i Grizfolk hanno pubblicato da pochissime settimane, via Nettwerk Music Group, il loro omonimo terzo album. ...