OGGI “LA TESTA INDIPENDENTE” DEI TRE ALLEGRI RAGAZZI MORTI COMPIE 20 ANNI

 
31 Agosto 2021
 

Un sogno molto concreto quello dei Tre Allegri Ragazzi Morti che arrivati al terzo disco da bravi artigiani musicali mettevano la propria esperienza al servizio degli altri fondando la propria etichetta: La Tempesta, diventata negli ultimi venti anni un caposaldo della discografia italiana. Questi dieci brani, i primi usciti per quella che a tutti gli effetti era un’avventura d’inizio millennio creata con molta passione e un pizzico di lungimiranza, sono tutt’oggi un piccolo manifesto di vita e idee da ascoltare e conservare gelosamente.

Quarantatré minuti tra passato e presente, nati ad Andreis paese di Luca Masseroni e patria di un poeta come Federico Tavan, che gli stessi TARM hanno ricordato con un toccante omaggio durante la partecipazione remota e vicinissima al Primo Maggio 2021. C’è molto Friuli, moltissima Pordenone tra e righe e le note di un album completato o meglio “catturato, mischiato e inscatolato da Manu Fusaroli, Gigi Battistini e Giorgio Canali” al Natural HeadQuarter Studio di Ferrara tra giugno e luglio 2001. Il riferimento al fermento del The Great Complotto: rivoluzione artistica d’inizio anni ottanta, lezione d’indipendenza rivendicata e ribadita con la cover di “I’m In Love With My Computer” di miSs xoX & Andy Warhol Banana Technicolor, uno spunto per ripartire, non fermarsi e guardare oltre.

La guerra grintosa di “Ogni Adolescenza”, gli equilibri precari di “Quasi Adatti”, il filo rosso che lega “Prova A Star Con Me Un Altro Inverno A Pordenone” e “Volo Sulla Mia Città”, la distorsione che pervade ogni angolo di “Bugie Dei Morti” e convive benissimo con “La Pianura” scanzonata e il sarcasmo di “Terzo Millennio”, decisioni troppo vicine da prendere per mano e “Beat(o)” ancora attualissima.

Tutto il cuore, l’anima, il cervello di Davide Toffolo, Enrico Molteni e Luca Masseroni tre teste pensanti che spingevano sull’acceleratore con la forza disumana sprigionata da chitarra – basso – batteria staccando i primi biglietti di un “Piccolo Cinema Onirico” senza distanziamento né mascherine. “Benvenuti al piccolo cinema onirico / Ad un passo dal risveglio, poco prima di dormire / Un gigante ha gli occhi tondi e mi prende per la mano / Fino al bordo del cratere per vedere la città”.

Tre Allegri Ragazzi Morti – “La Testa Indipendente”
Data di pubblicazione: 31 agosto 2001
Tracce: 10
Lunghezza: 43:28
Etichetta: La Tempesta
Produttore: Giorgio Canali

Tracklist

1. Piccolo Cinema Onirico
2. Ogni Adolescenza
3. Terzo Millennio
4. Quasi Adatti
5. Bugie Dei Morti
6. La Pianura
7. Volo Sulla Mia Città
8. La Decisione
9. I’m In Love With My Computer
10. Prova A Star Con Me Un Altro Inverno A Pordenone
11. Beat(o)

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

Oggi “Sea Change” di ...

Diciamocelo chiaramente, sviscerare un qualsivoglia album del signor Beck Hansen con la pretesa che questo possa, in qualche modo, poter ...

Volevo Magia – Impressioni a ...

Ci vuole fantasia anche nel guardarsi indietro, nel cercare quegli spazi ariosi nei quali le chitarre incidevano le loro storie magiche, ...

The Weekender: ascolta gli album di ...

Da qualche anno ormai il venerdì è il giorno della settimana consacrato alle uscite discografica. Quale migliore modo allora per ...

Oggi “Static & ...

Chissà se se lo sentivano, David e Harriet, che questo terzo loro album sarebbe stato l’ultimo, chissà se avevano questa sensazione ...

Oggi “Blind Melon” dei Blind ...

All’interno dell’irrefrenabile vortice del “Seattle sound” avuto origine alla fine degli anni ottanta per poi trovare lustro come ...

Recent Comments