MANIC STREET PREACHERS
The Ultra Vivid Lament

[ Columbia - 2021 ]
6
 
Genere: Rock d'Autore
 
di
17 Settembre 2021
 

Tre anni dopo “Resistance is Futile” (nel mentre James Dean Bradfield aveva messo sul piatto il proprio “Even in Exile“) ecco di nuovo i Manics, ormai veterani del rock d’autore britannico.

Si leggeva in giro di un album che sarebbe dovuto essere influenzato dagli andamenti armonici degli ABBA come dal post-punk anni ’80, ma a dire il vero il prodotto che ci troviamo di fronte è quello di un rock melodico e spesso scolastico, arricchito da una scrittura mai banale, profonda ed intellettuale, marchio di fabbrica dei nostri, il tutto con una resa sonica piuttosto luminosa e la consueta capacità di caricare della giusta epicità i ritornelli: quindi, “promesse” attese solo in parte (qualche influsso c’è, prendasi la frizzante “Don’t Let The Night Divide Us”, o le plumbee atmosfere di “Diapause”), ma non è certo un male.

Questo è un album Manics nell’essenza se non direttamente nella forma: certo, con meno rabbia tipica degli esordi, meno energia, molto più scolastico, tra svariati rintocchi di piano ed arie limpide, per un prodotto in fin dei conti dalla beva assai agevole.

Se in “Still Snowing in Sapporo” si rende ancora omaggio all’amico scomparso Richey Edwards (<noi quattro contro il mondo>, canta James) probabilmente i passaggi di maggiore impatto sono però quelli in cui figurano Julia Cumming dei Sunflower Bean (“The Secret He Had Missed”) e soprattutto Mark Lanegan a sporcare le pagine di “Blank Diary Entry”, laddove un plauso lo strappa anche l’accorata chiusura affidata ad “Afterending”.

Un lavoro che non passerà certo alla storia, ma che al contempo non toglie niente al valore artistico e simbolico della band gallese.

 

Tracklist
1. Still Snowing In Sapporo
2. Orwellian
3. The Secret He Had Missed
4. Quest For Ancient Colour
5. Don’t Let the Night Divide Us
6. Diapause
7. Complicated Illusions
8. Into The Waves of Love
9. Blank Diary Entry
10. Happy Bored Alone
11. Afterending
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

Marcus Mumford – ...

Generalmente quando il frontman di una band decide di intraprendere una carriera solista (mantenendo comunque quella originale) non è mai ...

Whitney – Spark

Mi sono approcciato al nuovo album dei Whitney (band di Chicago capitanata dai fondatori Max Kakacek e Julien Ehrlich) con ancora nelle ...

Teo Russo – Teo Russo

Nuova musica per Georgia Costanzo, Francesco Fanciullacci e Federica Camiciola (ex La Camera Migliore e Mitici Gorgi) che prendono in ...

Beth Orton – Weather Alive

A distanza di sei anni da “Kidsticks”, suo ultimo album in studio, torna finalmente a farsi sentire la cantautrice inglese Beth Orton, ...

Manuel Agnelli – Ama Il ...

Attorno ad un nucleo solitario – materialmente separato dal mondo esterno, dalle sue mutevoli imposizioni, dalle sue sovrastrutture ...

Recent Comments