MANIC STREET PREACHERS
The Ultra Vivid Lament

[ Columbia - 2021 ]
6
 
Genere: Rock d'Autore
 
di
17 Settembre 2021
 

Tre anni dopo “Resistance is Futile” (nel mentre James Dean Bradfield aveva messo sul piatto il proprio “Even in Exile“) ecco di nuovo i Manics, ormai veterani del rock d’autore britannico.

Si leggeva in giro di un album che sarebbe dovuto essere influenzato dagli andamenti armonici degli ABBA come dal post-punk anni ’80, ma a dire il vero il prodotto che ci troviamo di fronte è quello di un rock melodico e spesso scolastico, arricchito da una scrittura mai banale, profonda ed intellettuale, marchio di fabbrica dei nostri, il tutto con una resa sonica piuttosto luminosa e la consueta capacità di caricare della giusta epicità i ritornelli: quindi, “promesse” attese solo in parte (qualche influsso c’è, prendasi la frizzante “Don’t Let The Night Divide Us”, o le plumbee atmosfere di “Diapause”), ma non è certo un male.

Questo è un album Manics nell’essenza se non direttamente nella forma: certo, con meno rabbia tipica degli esordi, meno energia, molto più scolastico, tra svariati rintocchi di piano ed arie limpide, per un prodotto in fin dei conti dalla beva assai agevole.

Se in “Still Snowing in Sapporo” si rende ancora omaggio all’amico scomparso Richey Edwards (<noi quattro contro il mondo>, canta James) probabilmente i passaggi di maggiore impatto sono però quelli in cui figurano Julia Cumming dei Sunflower Bean (“The Secret He Had Missed”) e soprattutto Mark Lanegan a sporcare le pagine di “Blank Diary Entry”, laddove un plauso lo strappa anche l’accorata chiusura affidata ad “Afterending”.

Un lavoro che non passerà certo alla storia, ma che al contempo non toglie niente al valore artistico e simbolico della band gallese.

 

Tracklist
1. Still Snowing In Sapporo
2. Orwellian
3. The Secret He Had Missed
4. Quest For Ancient Colour
5. Don’t Let the Night Divide Us
6. Diapause
7. Complicated Illusions
8. Into The Waves of Love
9. Blank Diary Entry
10. Happy Bored Alone
11. Afterending
 
 

Sam Fender – Seventeen Going ...

Dopo i missili ipersonici dell’esordio, è tempo della seconda prova per Sam Fender, giovane inglese che in poco tempo ha attirato ...

Amore Psiche – Scoprire

“Scoprire” è una richiesta d’aiuto. Gli Amore Psiche, in questo debut album pubblicato il 24 settembre da indipendenti, ...

Project Skeme – A-live

Impossibile non far cenno al fatto che, nei componenti del “Project Skeme”, sono presenti ben due membri di uno dei tesori nascosti ...

Strand Of Oaks – In Heaven

Non è certo nuovo a tragedie e momenti difficili Tim Showalter ma è sempre riuscito a rialzarsi usando la musica come scudo e difesa. Lo ...

KOKO – Shedding Skin

Quando osserviamo un cielo notturno ci sentiamo più vulnerabili, ma, allo stesso tempo, siamo più sinceri, innanzitutto con noi stessi, ...