JUSTUS PROFFIT
Speedstar

[ Bar / None Records - 2021 ]
6
 
Genere: Pop-Rock, songwriting
 
22 Settembre 2021
 

Justus Proffit gestisce un locale a Los Angeles di nome Topspace e immagino che, in questo difficile periodo, abbia avuto più di un problema come tutti quelli che operano nel suo settore, lui almeno ha impiegato parte del suo tempo realizzando un nuovo lavoro registrato in parte tra le mura domestiche.

La sua musica si esprime tramite un jangle pop e giri di chitarra melodici e a tratti sembra ricordare, fatte le dovute distanze, Elliott Smith…quindi tutto bene? Non proprio, qualcosa non funziona e in parte è nel modo sommesso di Justus Proffit di affrontare i pezzi, che a volte tendono ad appiattire il brano invece di valorizzarlo, come se mancasse una valenza interpretativa capace di coinvolgere.

Questo forse è il motivo perché i brani in fondo potrebbero funzionare ed essere brillanti, se solo si togliesse questa patina low-fi, e quella nebbia che, come tutte le nebbie, per cinque minuti affascina ma poi ci stufa.

Per quanto il giudizio possa sembrare troppo severo, la mia impressione è di una potenzialità indirizzata male, uno dei tanti talenti che si perdono in questo mare di produzioni non centrate, finendo con il perdere tempo, inibire e non valorizzare le proprie indiscusse capacità, come capitato per altri artisti che potevano essere grandi ma non lo sono stati.

Eppure in questo album i bei pezzi non mancano, come “Spitting on the Sidewalk” che con un arrangiamento più grintoso avrebbe guadagnato parecchio in incisività, o “Big Mistake” aiutato dai cori a sollevare il modo di cantare di Justus Proffit, in questo caso in un mezzo falsetto che funziona e dà più brio alle sua interpretazione che spesso vira verso una dimensione quasi apatica.

La cover di “Jangling Man” di Martin Newell ,per quando arricchita da strumentazione, appare meno incisiva dell’originale, mentre il brano “Thinking Type” finisce per chiudere un lavoro che, per quanto a tratti interessante, non riesce ad avere quella spinta necessaria per entrare tra gli album da andare ogni tanto a riascoltare.

Justus Proffit indubbiamente sa scrivere musica e ha idee da portare avanti ma bisognerà ancora aspettare, magari il suo prossimo album, per essere pienamente soddisfatti.

Tracklist
1. River of All My Feelings
2. There Goes the Fun
3. Change
4. Burning the Ground
5. Spitting on the Sidewalk
6. Big Mistake
7. Invitation Declined
8. Upside Down Entertainer
9. Jangling Man
10. Thinking Type
 
 

Ministry – Moral Hygiene

Non so dire se sia appetibile perpetrare l’ennesimo rituale di espiazione dei mali della società capitalistica, di un’amara e ...

Low Hummer – Modern Tricks ...

Album di debutto per la promettente band di Hull, città portuale dello Yorkshire e che in molti ricordano per quel “London 0 Hull ...

Porches – All Day Gentle ...

Quinto album per Aaron Maine e il suo progetto Porches, a poco più di un anno di distanza da “Ricky Music”. La pandemia ha cambiato il ...

Lil Wayne, Rich The Kid – ...

Allievo e maestro a confronto. Due stili e due backgrounds in fondo ben distinti ma al tempo stesso così simili e strettamente connessi. ...

Sam Fender – Seventeen Going ...

Dopo i missili ipersonici dell’esordio, è tempo della seconda prova per Sam Fender, giovane inglese che in poco tempo ha attirato ...