OGGI “WRETCH” DEI KYUSS COMPIE 30 ANNI

 
23 Settembre 2021
 

Josh Homme, Nick Oliveri, Brant Bjork e John Garcia, una line-up leggendaria, oltre che l’anima più primordiale e viscerale dello stoner rock. “Wretch” è forse un album ancora troppo immaturo, ma si avvertono già la cupa profondità dei bassi; la ruvidezza delle trame sonore; le atmosfere ipnotiche, roventi e brucianti che provengono dal deserto californiano; l’attrazione fisica e mentale nei confronti degli anni Settanta; il desiderio di esprimere, liberamente, la propria creatività, senza preoccuparsi delle mode, dei modelli e delle ossessioni del presente; l’atteggiamento sfrontato nei confronti del mondo esterno.

Certo, “Blues For The Red Sun” e “Welcome To Sky Valley” sono lavori diversi, più completi, più solidi e più massicci, con un suono più maturo, definito e riconoscibile. “Wretch”, invece, sembra più approssimativo, ha una produzione più grezza, la quale risente, forse eccessivamente, delle tecniche di registrazione e dei suoni trash tipici degli anni Ottanta, soprattutto dal punto di vista della batteria, mantenendo il disco in perenne bilico tra una dimensione punk e una metal.

Ma sono proprio queste crepe a dare la possibilità al seme stoner di respirare, di fortificarsi e di germogliare, nutrendosi di vibrazioni blueseggianti; di riff sporchi e ossessivi d’indole hardcore-punk; di paesaggi assolati e strade che, come strette lingue d’asfalto, si perdono verso l’orizzonte; di torridi riflessi e riverberi acidi che profumano di Black Sabbath e di Blue Cheer, mescolati all’energia punkeggiante, ostile e dirompente di band quali i Misfits, i Black Flag e i Dead Kennedys.

E’ così che nacquero i “Katzenjammer”, che poi divennereo “Sons Of Kyuss” ed infine “Kyuss”, traendo spunto dal gioco di ruolo “Dungeons & Dragons” che, probabilmente, aiutava i ragazzi a vincere la noia e l’apatia dei loro pomeriggi, suscitando, nelle loro floride menti, atmosfere fantastiche e, allo stesso tempo, spaventose, nelle quali, però, potevano sentirsi finalmente liberi e assoluti padroni del proprio destino, finendo così per rivoluzionare, per sempre, la musica metallica, spostandone gli equilibri verso ritmiche claustrofobiche e sonorità maligne e psichedeliche che avevano il sapore di riti antichi, selvaggi e tribali. “Wretch”, assieme ai lavori di band quali i Melvins o gli Sleep, nonostante abbia avuto praticamente una scarsa considerazione commerciale e mediatica, segnerà l’inizio di un nuovo percorso musicale, un percorso che, col tempo, sarebbe stato percorso da tantissime altre band in tutto il mondo.

Pubblicazione: 23 settembre 1991
Durata: 48:43
Dischi: 1
Tracce: 11
Genere: Stoner Rock, Hard-Rock
Etichetta: Dali Records
Produttore: Catherine Enny, Ron Krown, Kyuss
Registrazione: 1989–1991

Tracklist:
1. (Beginning of What’s About to Happen) Hwy 74
2. Love Has Passed Me By
3. Son of a Bitch
4. Black Widow
5. Katzenjammer
6. Deadly Kiss
7. The Law
8. Isolation
9. I’m Not
10. Big Bikes
11. Stage III

 

Oggi “The Psychedelic Sounds Of ...

La droga dà, la droga toglie. Ne sanno qualcosa i 13th Floor Elevators, pionieri del rock psichedelico che costruirono le loro fortune ...

Any Given Friday – Ogni ...

È di nuovo venerdì e seguendo la traiettoria del volo di un moscone – dal ronzio più emozionante di tante cose sentite ultimamente ...

Oggi “Life Is Peachy” ...

“Korn”, l’album di debutto era stato un micidiale, angoscioso e strafottente concentrato di ostilità e violenza; un ...

Oggi “Recovering the ...

I Counting Crows rientrano di diritto tra i gruppi più ascoltati della mia giovinezza, quando non ancora maggiorenne fui travolto dal ...

Oggi “Controversy” di Prince ...

Nero o bianco? Etero o gay? Crede in Dio o solo ed esclusivamente in sé stesso? Il Prince di “Controversy” è un ventitreenne confuso, ...