COLLEEN GREEN
Cool

[ Hardly Art - 2021 ]
7.5
 
Genere: indie-pop,indie-rock
 
27 Settembre 2021
 

Mancava da parecchio Colleen Green che avevamo avuto l’occasione di vedere dal vivo qualche anno fa all’Handmade Festival di Guastalla (RE): la trentaseienne nativa del Massachusetts, infatti, a parte un omonimo EP uscito in cassetta nel 2016 (e poi ristampato in vinile con l’aggiunta di alcuni pezzi inediti nel 2018), non pubblica un album dal febbraio 2015, quando vide la luce il suo terzo delizioso full-length, “I Want To Grow Up”.

La musicista ora di stanza in California ha registrato questo nuovo lavoro a Los Angeles e si è fatta aiutare dal noto produttore Gordon Raphael (The Strokes, Regina Spector, Hinds) “per portare le sue canzoni verso territori più elevati”, ci dice la press-release.

La opening-track “Someone Else” si apre con il suono di una melodica, raffinata e gradevole chitarra e, solo dopo quasi un minuto, entra anche la voce (quasi parlata) di Colleen, lasciando poi lo spazio ancora ad altri riff dai sapori ’90s, mentre la Green canta: “We are the lucky ones, we’re having so much fun”.

Il singolo “I Wanna Be A Dog”, invece, con le sue deliziose chitarrine, sa disegnare dolci e solari melodie indie-pop dai toni cristallini che sanno subito appiccicarsi nella mente di chi ascolta.

“Natural Chorus” ci porta verso ambientazioni piuttosto cupe e dai toni psichedelici con ritmi motorik, ma poi ci sorprende con potenti sferzate nel coro, mentre “How Much Should You Love A Husband?” ci delizia con un organo che sembra uscire dal primo LP degli Horrors e una sezione ritmica che controlla l’umore del brano, pur non mancando le melodie chitarristiche.

“I Believe In Love” poi rallenta inaspettatamente il ritmo, mostrandoci il volto più tenero e gentile della musicista di stanza a Los Angeles.

Un viaggio durato oltre sei anni, ma che – a nostro personale avviso – è valso la pena intraprendere: se l’anima indie-pop rimarrà sempre nel cuore della Green (e anche in quelli dei suoi fan), qui, però, la statunitense è andata a esplorare anche territori per lei nuovi, compiendo un passo in avanti interessante e importante.

Photo Credit: Jason MacDonald

Tracklist
1. Someone Else
2. I Wanna Be A Dog
3. Posi Vibes
4. Highway
5. Natural Chorus
6. You Don’t Exist
7. It’s Nice To Be Nice
8. How Much Should You Love A Husband?
9. I Believe In Love
10. Pressure To Cum
 
 

Ministry – Moral Hygiene

Non so dire se sia appetibile perpetrare l’ennesimo rituale di espiazione dei mali della società capitalistica, di un’amara e ...

Low Hummer – Modern Tricks ...

Album di debutto per la promettente band di Hull, città portuale dello Yorkshire e che in molti ricordano per quel “London 0 Hull ...

Porches – All Day Gentle ...

Quinto album per Aaron Maine e il suo progetto Porches, a poco più di un anno di distanza da “Ricky Music”. La pandemia ha cambiato il ...

Lil Wayne, Rich The Kid – ...

Allievo e maestro a confronto. Due stili e due backgrounds in fondo ben distinti ma al tempo stesso così simili e strettamente connessi. ...

Sam Fender – Seventeen Going ...

Dopo i missili ipersonici dell’esordio, è tempo della seconda prova per Sam Fender, giovane inglese che in poco tempo ha attirato ...