CINDY DOE
A Thousand Dreams That Would Awake Me

[ Spleencore Records - 2021 ]
7.5
 
Genere: Shoegaze, Lo-Fi, Noise Rock
Tags:
 
11 Ottobre 2021
 

La pelle nera; le ore che si susseguono spasmodiche dopo il tramonto; la necessità di assalire, scomporre e ridurre in polvere le certezze e gli assiomi sui quali fondiamo la nostra presunta normalità; sonorità che sono il frutto di un approccio tossico, malato, crudo e brutale al pop più convenzionale, radiofonico e massificante; un legame elettrizzante e distorto con le atmosfere dissonanti, ipnotiche e minimali che erano proprie dei Velvet Underground, di un mondo che non è mai passato, non è mai finito, né finirà mai, perché esso continuerà a vivere e respirare in ogni zona d’ombra; in ogni periferia; ai margini di ogni sistema di potere politico, commerciale e finanziario; nel sottosuolo; lungo bordi; lungo i confini; ovunque la forza ancestrale dei sogni riuscirà a ridestare le persone dal malefico torpore che impedisce loro di essere davvero vive.

Un torpore che ha il sapore amaro della solitudine e dell’alienazione, quello dolciastro della dipendenza fisica e mentale da un sistema d’apparenza, sadomasochismo, salvezza e redenzione che finisce per svilire gli esseri umani, riducendoli in schiavitù e togliendo loro ogni fantasia, ogni passione, ogni liberatorio urlo di godimento e piacere.

Tutto ciò si concentra nelle atmosfere sporche e vibranti di Cindy Doe, nelle trame lo-fi e shoegaze di queste otto canzoni, nel loro ruggito chitarroso, nelle voci che ci accompagnano durante l’ascolto, nelle improvvise escursioni melodiche, nella necessità di conoscere sé stessi e valicare quelli che sono i confini emotivi e psichici individuali, in maniera tale da poter vedere, finalmente, cosa c’è dietro gli specchi di questo labirinto che definiamo realtà; quanto profondo possa essere il buio; quanta bellezza possa nascondersi nei suoi spaventosi meandri; quanta armonia possa esserci nel caos, nel disordine, nel rumore, nell’entusiasmante percorso sonoro dei Sonic Youth. Un progetto, dunque, che mira ad accrescere la consapevolezza di quello che abbiamo attorno, che vuole aprirci gli occhi, le orecchie, la mente, il cuore, abbattendo tutti i tabù e i preconcetti che ci ostacolano, mortificano ed avviliscono.

Tracklist
1. kill the sun
2. encounters
3. scream at the sun
4. don't make me cry
5. (satanas) i will know
6. intertwined (like snakes)
7. reoccurring dream
8. comedown
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

The Afghan Whigs – How Do You ...

Greg Dulli è quel bambinone che tutti vorremmo avere come fratello maggiore, da cui prendere l’energia quando viene, da strozzare ...

Pale Blue Eyes – Souvenirs

Album di debutto per i Pale Blue Eyes band composta da tre elementi, i coniugi Matt e Lucy Board e il bassista Audrey Simpson, ragazzi che ...

Ozzy Osbourne – Patient ...

A fine febbraio 2020 – quindi pochissime settimane prima dell’inizio della pandemia, dei lockdown e delle varie sciagure che hanno ...

Pencey Sloe – Neglect

È un album tutto incentrato sul tema dell’identità quello che ci regalano i Pencey Sloe, band francese nata pochissimi anni fa ma già ...

Death Cab For Cutie – Asphalt ...

La pandemia ha rischiato di mettere in seria difficoltà i Death Cab For Cutie: Ben Gibbard, Nicholas Harmer, Jason McGerr, Dave Depper e ...

Recent Comments