“IL POP è UN GENERE CHE SI MUOVE CON IL TEMPO E LA SUA LIBERTà CI ATTRAEVA”. FAYE O’ROURKE DEI SODA BLONDE CI RACCONTA DELL’ACCLAMATO ALBUM D’ESORDIO.

 
Tags:
16 Ottobre 2021
 

Dalle ceneri dei Little Green Cars è venuto fuori questo incredibile quartetto irlandese dei Soda Blonde il quale con il loro fresco debutto, “Small Talk” uscito lo scorso 9 luglio, sta riempiendo ogni location live con un pop raffinato ed elegante marchio di fabbrica della band. Noi di IndieForBunnies in realtà eravamo sulle loro tracce già da un po’ (leggi il nostro WEEKLY RADAR #73) e quindi in occasione dell’uscita del disco d’esordio, abbiamo approfittato per scambiare qualche piacevolissima chiacchiera via e-mail con l’interessantissima frontwoman Faye O’Rourke.

Ciao Faye, come stai? Da dove ci stai scrivendo?
Scrivendo dal mio posto nel centro della città. Per impostare la scenografia, ti dico che intorno ci sono un sacco di mattoni di color rosso e negozi di antiquariato.

Il vostro album di debutto “Small Talk” è uscito due mesi fa, il 9 luglio. Come stai vivendo quest’ottimo riscontro? Te lo aspettavi?
Ho provato a non aspettarmi nulla, forse per autoconservazione, ma siamo rimasti senza fiato per le buone recensioni e per l’amore travolgente che ha ricevuto il disco. Sapevamo di avere qualcosa di speciale, ma è bello vedere che per le persone significa qualcosa.

Personalmente trovo il disco eccezionale. Come sapete è stato il nostro album della settimana. L’ho trovato elegante, raffinato, arrangiamenti davvero notevoli e con la tua voce eterea ed incantevole. Il sound del disco è differente alle vostre precedenti esperienze, un minore utilizzo di chitarre e più sintetizzatori. Come nasce il “pop-glamour”, se posso definirlo così, di “Small Talk”?
Non c’è stato alcuno sforzo consapevole per allontanarsi dal passato, ma penso che accada naturalmente se stai facendo la stessa cosa da un po’. C’è bisogno di evoluzione. Con questo disco volevamo creare qualcosa che suonasse espansivo ed euforico perché molti dei testi sono pesanti e parlano molto della vita domestica. Il “pop” è un genere che si muove con il tempo e quindi la sua libertà ci attraeva.

Quali sono gli artisti o le band che maggiormente seguite e se e come hanno influito nella realizzazione dell’album?
Questa è una domanda difficile. Penso che abbiamo sempre amato il buon songwriting classico. Ad esempio io amo i Carpenters. Per me c’è qualcosa di così incredibile nel fascino suburbano che avevano in “All American” quando invece a porte chiuse c’era così tanto dolore e dramma. Comporre canzoni buone ed incisive mescolate a paesaggi sonori espansivi è qualcosa che tutti noi abbiamo trovato eccitante. Siamo grandi fan di Air, Röyksopp5, Massive Attack, Lykke Li per citarne alcuni.

Hai ammesso che quando i Little Green Cars si sono sciolti ti sei sentita persa. Cosa hai pensato in quel momento? Dopo dieci anni di band insieme, avevi già in mente il progetto Soda Blonde oppure è una cosa maturata successivamente?
Credo che essere la frontwoman di una band sia sempre stato qualcosa che sentivo di dover fare nella mia vita. Ma non ero sicura di potercela fare inizialmente perché soffrivo di molti problemi di fiducia e di ansia. Guardavo me stessa e pensavo “i tuoi 26 anni senza soldi e senza laurea”. Quindi mi sono tuffata e ho preso un po’ di coraggio.

Da dove viene il nome Soda Blonde?
All’epoca ero bionda, cosa che abbiamo usato come punto di partenza. Poi abbiamo passato in rassegna un elenco di diversi tipi di capelli biondi per ulteriore ispirazione. La “soda bionda” suonava bellissima ed il nome suggeriva che potevamo provenire da qualsiasi luogo. I nomi delle band sono difficili oggi giorno perché molti sono già presi, quindi siamo stati felici di scoprire nessuno altro l’aveva rivendicato!

“Swimming Through The Night” è il vostro primo singolo. Ecco, oggi davvero avrei difficoltà a scegliere il mio brano preferito all’interno della tracklist. Sono tutte incredibilmente belle, profonde. A quale brano ognuno di voi è particolarmente legato, e perché? Oppure, quali sono i momenti dell’album che preferite?
Penso che per noi cambi regolarmente, il che significa che le canzoni siano come inserite in una raccolta. Al momento mi sto davvero divertendo a suonare “Terrible Hands” dal vivo perché il refrain ha una reazione immediata dalla gente sotto il palco.

A proposito, “Terrible Hands” parla di una relazione difficile ma ha anche uno sfondo “politico”, se non sbaglio. Com’è l’atmosfera in Irlanda, anche a seguito di questa terribile pandemia? Siete soddisfatti della qualità della vita, delle opportunità che offre, e soprattutto dal punto di vista musicale? Come ha influito l’Irlanda sulla vostra musica e che rapporti avete con le tante band che stanno crescendo?
L’Irlanda è una parte di me che mi piaccia o no e mi ritrovo sempre più legata al Paese in questi giorni. La mancanza di alloggi paralizza i giovani e c’è ancora un approccio arcaico al sistema sanitario. Le arti sono gravemente sottovalutate dallo Stato e c’è stato per lungo tempo un generale ‘silenzio eroico’ che ora, fortunatamente, sta iniziando a cambiare. Penso che la pandemia abbia evidenziato difetti che sono stati nel sistema per molto tempo. C’è anche sfida e spirito qui, che è evidente nella musica che viene fatta e mi dà speranza. Abbiamo una delle scene musicali più ricche del mondo secondo me e sono molto orgogliosa di farne parte.

Hai detto che: “Per dirla semplicemente, Small Talk parla della vita nei nostri 20 anni”. Ogni parte di noi è qui, sia in modo subliminale che letterale. Dal punto di vista dei testi, questo disco è come una raccolta dei miei difetti e delle mie insicurezze. Indugiano goffamente al bar in un affollato raduno sociale, in attesa di integrarsi con il resto del mondo”. Quindi è una sorta di viaggio autobiografico? Come sono nati i testi dell’album? 
Vorrei che le persone fossero in grado di entrare nei testi. Più vai in profondità, più universali sono i sentimenti che trovo. Queste canzoni sono momenti di vita dei miei 20 anni, non sono unici o insoliti ma il modo in cui abbiamo ritratto questi momenti come band li rende qualcosa di speciale.

E la musica invece come nasce? Si avvolge intorno ai testi oppure il contrario?
Testi e musica si uniscono insieme per il seme iniziale di una canzone. Lascio andare e vedo che combinazione viene su. Successivamente, dopo aver sentito di avere quel seme, costruisco il resto dei testi intorno alla musica e porto il tutto alla band per l’arrangiamento.

“I Still Have Feelings For You” ha una sonorità differente rispetto all’intero album. Qual è la storia di questo bel pezzo acustico?
Questa canzone è una delle ultime canzoni che ho scritto per l’album. Stavo attraversando una rottura chiara e semplice. Bevevo molto e facevo festa, ma non riuscivo a scappare da me stessa. Ho sempre usato gli uomini come distrazione dai problemi più profondi in corso, quindi è stato anche un riconoscimento di ciò.

Cosa c’è oltre la musica per i Soda Blonde?
Forse un lungometraggio che abbiamo messo insieme.

State già lavorando ad altro materiale? Come sarà il prossimo album dei Soda Blonde?
Sì, guardiamo sempre avanti. Per essere onesta, penso che tu possa dare un senso al lavoro dopo averlo fatto. Soprattutto con una raccolta di canzoni, quindi dovremo aspettare e vedere cosa significano e dove ci porta la musica.

State per iniziare il tour, peraltro con alcune date sold out! State pensando a qualche data nel resto d’Europa, magari anche in Italia? Sarebbe bello!
È stato piuttosto difficile fare piani per ovvie ragioni, ma posso parlare per tutti quando dico che non c’è niente di più che vorremmo al mondo che fare un tour nel resto dell’Europa. Non sono mai stato in Italia, quindi è in cima alla mia lista!!

Avete qualche band o musicista interessante da suggerire ai nostri lettori?
Dai un’occhiata a Junior Brother, Kojaque, Valley Queen, Bleeding Heart Pigeons, Echoes Bones per dirne alcuni.

Infine, se puoi scegliere una delle tue canzoni da utilizzare come colonna sonora per questa intervista e perché?
Scelgo “Love Me World”, perché vorrei che fosse stata fatta di persona! Xxx

Vero! Grazie mille per il tuo tempo Faye. In bocca al lupo per il vostro album di debutto e per il tour! Ciao!

 

“L’adolescenza in ...

Esordio intrigante e ricco di fascino quello della tedesca THALA. La giovane berlinese si muove tanto morbida e languida su sentieri ...

“Abbiamo aggiunto synth e ...

L’uscita dell”ottimo sophomore “Horizons” ha definitivamente consacrato la concreta e decisa realtà ...

“L’assenza di Martin è ...

Possiamo dire che l’emozione di rivedere insieme Simon ‘Sice’ Rowbottom, Rob Cieka e Tim Brown è davvero tanta? Quello dei Boo ...

“Tutto il nostro amore per ...

Si intitola “Folding Lines” l’album di debutto dei Sea Fever, una nuova band di Manchester formata da cinque musicisti che definire ...

“Avere qualcosa su cui ...

Pochi giorni fa i Together Pangea hanno pubblicato, via Nettwerk, il loro quinto album, “Dye”. Scritto e registrato durante la pandemia, ...