KOKO
Shedding Skin

[ We Were Never Being Boring Collective - 2021 ]
7
 
Genere: Dream-Pop, New-Wave, Darkwave
Tags:
 
18 Ottobre 2021
 

Quando osserviamo un cielo notturno ci sentiamo più vulnerabili, ma, allo stesso tempo, siamo più sinceri, innanzitutto con noi stessi, poi anche con gli altri, accettando e vivendo quelle emozioni e quei sentimenti che, durante il giorno, presi dalle nostre frenetiche esistenze, sarebbero visti come una debolezza eccessiva, come un ostacolo al raggiungimento dei nostri obiettivi in termini di carriera, di successo, di soldi e di potere.

Questo disco ha la capacità ed il pregio di racchiudere dentro di sé quel cielo notturno; di fare leva su quegli stati emotivi che, nonostante la loro evidente fragilità, restano dentro di noi, continuando a nutrirsi nel profondo delle nostre coscienze, laddove il silenzio ha una voce preziosa, laddove nuove idee e nuove passioni possono germogliare dall’oscurità, laddove lo sguardo omologante, opprimente ed invasivo della tanto celebrata società dell’informazione non è ancora riuscito ad arrivare.

Ed è proprio da questa fatale coltre di buio, da questo fertile e salvifico silenzio, da questo mondo che sta letteralmente cadendo a pezzi, che prendono forma le sonorità riflessive, melodiche ed introspettive di KOKO, con le loro sfumature intrise di romantica e poetica decadenza, di morbide trame dream-pop, di oblique ambientazioni new wave che, pur essendo rivolte al presente, alle grigie inquietudini di questa realtà post-industriale, hanno le loro radici in un fantasioso e suadente passato, nei sussurri del vento di “Sayonara”, in un intreccio di nostalgia ed incoscienza, coraggio e dolore, purezza e peccato, incontri improvvisi e altrettanti improvvisi addii.

La musica di KOKO è un sottile filo d’erba, che pur continuando a flettersi e piegarsi, ha l’incredibile capacità di non spezzarsi; la sua voce è quella di un’umanità che resiste alla rabbia e alla follia; quella della marea che giunge puntuale e silenziosa sotto l’occhio attento e benevolo della luna; quella dell’aria elettrica e purificante che si respira dopo una terribile malattia; quella dell’abbraccio di coloro che non offrono pietà, non hanno formule magiche, non cercano redenzione, non provano piacere nel giudicare o nel sentirsi migliori, ma percepiscono, amano e condividono quello che è il nostro invisibile dolore.

Tracklist
1. Sayonara
2. For A Dreamer
3. Fire Flies
4. Lonely Kingdom
5. Polar Wander
6. See You
7. Notte
 
 

Geese – Projector

Geese. Il quintetto newyorkese rilascia l’album di debutto poco dopo la firma con Partisan, etichetta anglo-americana che in questi anni ...

The Parrots – Dos

Hanno fatto le cose molto con calma i Parrots, il cui debutto, “Los Niños Sin Miedo”, era uscito ad agosto 2016: la band spagnola ha ...

Recall Madame X – Unconscious ...

E’ stato un ritorno inaspettato quello di Alessandro De Benedetti (illustratore e designer di moda oltre che musicista) e Andrea Zuccotti ...

Nicolas Michaux – Amour ...

Nicolas Michaux aveva sorpreso un po’ tutti con il rock dinamico che punteggiava l’esordio “A La Vie à La Mort” nel 2016, ...

Damon Albarn – The Nearer The ...

«All’avvicinarsi della sorgente, il ruscello scorre più puro.». Così scriveva John Clare, un poeta romantico, in un suo scritto ...