SAM FENDER
Seventeen Going Under

[ Polydor - 2021 ]
8
 
Genere: Rock, Pop-Rock
Tags:
 
di
18 Ottobre 2021
 

Dopo i missili ipersonici dell’esordio, è tempo della seconda prova per Sam Fender, giovane inglese che in poco tempo ha attirato l’attenzione degli addetti ai lavori e degli utenti, più o meno mainstream, con risultati eccellenti.

Album numero due che, a differenza di quanto predichi l’adagio, personalmente non è sempre più difficile del primo in quanto (come conferma lo stesso Fender) una bella fetta del materiale era già stata scritta, pronta per essere incisa. 11 pezzi e ben 5 tracce bonus, niente male come quantità. E la qualità?

Sceglie il ricettario sperimentato il geordie boy, forte di una voce emozionante e di una penna che scorre alla grande, enfatizzando sulla resa tirata maggiormente a lucido e su ornamenti (tasti, fiati, archi) che arricchiscono la tavola: per il resto, il menu prevede ancora ritmiche solide a spalleggiare andazzi guitar driven (giusto lo spazio dedicato all’acustica), melodie orecchiabili, album e radio oriented, energiche e spesso magniloquenti (in tal senso, la titletrack in apertura è un manifesto programmatico) senza però, per quanto la scrittura si faccia più personale ed introspettiva, dimenticarsi di temi e problematiche d’attualità e rivolti al sociale.

Toccante anche quando i giri si abbassano (“Spit of You”, la commovente “Last to Make It Home”, l’autunnale “Mantra”, “The Dying Light” che splende in chiusura), una certezza quando le sei corde bruciano attorno al cantato poliedrico del Nostro e i corredi strumentali colorano d’oro l’aria (incalzante “The Leveller”, epiche “Long Way Off” e “Paradigms”).

Al sicuro nel taschino i santini di Springsteen e Granduciel, il biondo di Newcastle con questo album da promessa trova la promozione a certezza del rock melodico non solo britannico, ma già pronto a prendersi anche una bella fetta commerciale in un territorio storicamente più ostile come quello d’oltreoceano.

Quindi, se l’esordio prevedeva una raffica di missili, questo album è a pieno titolo una campagna di conquista: e con uno-due così, caro Sam, sarà quindi il terzo album quello davvero difficile.

Credit Foto: Jack Whitefield

Tracklist
1. Seventeen Going Under
2. Getting Started
3. Aye
4. Get You Down
5. Long Way Off
6. Spit of You
7. Last to Make It Home
8. The Leveller
9. Mantra
10. Paradigms
11. The Dying Light
 
 

Geese – Projector

Geese. Il quintetto newyorkese rilascia l’album di debutto poco dopo la firma con Partisan, etichetta anglo-americana che in questi anni ...

The Parrots – Dos

Hanno fatto le cose molto con calma i Parrots, il cui debutto, “Los Niños Sin Miedo”, era uscito ad agosto 2016: la band spagnola ha ...

Recall Madame X – Unconscious ...

E’ stato un ritorno inaspettato quello di Alessandro De Benedetti (illustratore e designer di moda oltre che musicista) e Andrea Zuccotti ...

Nicolas Michaux – Amour ...

Nicolas Michaux aveva sorpreso un po’ tutti con il rock dinamico che punteggiava l’esordio “A La Vie à La Mort” nel 2016, ...

Damon Albarn – The Nearer The ...

«All’avvicinarsi della sorgente, il ruscello scorre più puro.». Così scriveva John Clare, un poeta romantico, in un suo scritto ...