MINISTRY
Moral Hygiene

[ Nuclear Blast - 2021 ]
7
 
Genere: industrial, metal
 
di
20 Ottobre 2021
 

Non so dire se sia appetibile perpetrare l’ennesimo rituale di espiazione dei mali della società capitalistica, di un’amara e odiata America, del petulante populismo disinformato, temi e voci che potrebbero avere del situazionismo quasi esotico oramai e che da quasi 40 anni Al  Jourgensen ci propina con frequenze variabili e con alterni esiti. Non so neanche se sia attraente un suono come quello che esce da questo quindicesimo album in studio dei Ministry, con la stessa identica proposta, mutatis mutandis (un chitarrista nuovo pare), analoga a quella del glorioso “Psalm 69”.

So solo che “Moral Hygiene” è un buon distillato di energia adattato perfettamente ai tempi pandemici in cui viviamo, dove l’architettura hard rock contaminata dai diversi ospiti e dalla ringiovanita band, più che di un ritorno all’industrial che fu,  è il migliore veicolo per le profezie di Al, che ritrova in virtù dei tempi, la centralità del suo messaggio, con un suono pulito, un amalgama fra le canzoni non banale dopo tanti anni in pista, come se la carriera umorale del gruppo losangelino fosse ora ad uno dei suoi apici.

Si sente che Jourgensen è in un momento buono anche dalla sorpresa dell’inserimento della cover di “Search and destroy”, una sfida non banale,  certo nelle corde della band, una specie di riconoscimento ad un progenitore musicale, ma eseguita proprio nel modo in cui i Ministry sono ora, in linea coi gusti dei tempi e con l’età, quindi non tiratissima ma neanche col freno a mano, semplicemente rallentata all’interno della struttura tipica delle loro canzoni, voce filtrata cadaverica, riffone su drumming amplificato, vari inserimenti digitali.

Poi, certo, si va anche veloci, splendida “Sabotage is sex” col redivivo Jello Biafra, che fa perfettamente Jello Biafra  in un brano tirato e nervoso,  perfetto incrocio fra esigenza espressiva e rumorismo metal o la finale “TV song #6”, forse l’unico esempio  di derivazione industrial, con la sua marzialità tecnologica, un flusso cosmico di vocals, sfuriate chitarristiche, macchine pulsanti in un vortice finale volto a ricordarci insomma le vestigia di chi sono anche stati i Ministry, dei terroristi sonici ante litteram, con Jourgensen eterno bambino ribelle con le sue invettive verso il  mondo e un’umanità sopraffatta che non riconosce più.

Un’ esigenza di igiene morale mai sopita che riempie le corde di un album fresco, inatteso ed ispirato, di gran lunga la cosa migliore uscita nell’ultimo diciamo decennio dalla mente di questo instancabile agitatore, coerenza e schiena dritta, potenza e allergia al conformismo, un pò certo chi lo ama lo segua, ma avercene!

 

Tracklist
1. Alert Level
2. Good Trouble
3. Sabotage Is Sex
4. Disinformation
5. Search And Destroy
6. Believe Me
7. Broken System
8. We Shall Resist
9. Death Toll
10. TV Song #6 (Right Around The Corner Mix)
 
 

Damon Albarn – The Nearer The ...

«All’avvicinarsi della sorgente, il ruscello scorre più puro.». Così scriveva John Clare, un poeta romantico, in un suo scritto ...

Robin Guthrie – Pearldiving

Nove anni dopo “Fortune” torna in veste solista il buon Robin Guthrie che come al solito suona tutti gli strumenti in un album di note ...

HighSchool – Forever at Last

Qualche anno fa arrivò un album inaspettato che lasciò il segno, una band che si presentò ed eclissò alla velocità della luce, si ...

Parcels – Day / Night

Osannati, osannatissimi Parcels: negli ultimi tre o quattro anni hanno conquistato un bel pubblico in Francia, oltremanica, ma anche da noi ...

French For Rabbits – The ...

Attivi sin dal 2012, i French For Rabbits sono tornati ora con questo loro terzo LP, realizzato qui in Italia dalla indie-label romana A ...