EFTERKLANG
Windflowers

[ City Slang - 2021 ]
8
 
Genere: synth-pop,indie-pop
 
25 Ottobre 2021
 

Dopo l’uscita di “Piramida” nel settembre del 2012 e il successivo tour, gli Efterklang avevano messo in stand-by le attività di questa band per formare un nuovo progetto, i Liima, in cui sono accompagnati dal loro live-drummer, il finlandese Tatu Rönkkö: dopo aver realizzato due album, “ii” (2016) e “1982” (2017), il trio di Copenhagen è ritornato alla sua principale attività con “Altid Sammen” (2019), che li ha visti cantare in lingua danese, e ora propone questo “Windflowers”, la sua prima release per la berlinese City Slang.

Creato durante la pandemia, iniziando con le bozze delle canzoni uscite dalle menti di Casper Clausen e Mads Brauer, questo sesto LP dei danesi è stato registrato durante cinque viaggi allo studio residenziale Real Farm sull’isola di Møn (a sud di Copenhagen) e ciò ha permesso loro di vivere tutte le stagioni dell’anno.

Molto suggestiva la cover-art del disco, mentre il suo titolo, “Windflowers” (in italiano anemoni), fiori che crescono in primavera anche nelle foreste danesi, sembra voler dimostrare la gentilezza che andremo a trovare in questa quarantina di minuti.

“Alien Arms” apre questo nuovo lavoro dei danesi con influenze synth-pop e grande sensibilità: il tocco è decisamente leggero, così come la voce del frontman Casper Clausen, che permette alla melodica base elettronica di fiorire in maniera elegante supportata anche dai bellissimi backing vocals femminili.

Poco dopo “Hold Me Close When You Can” ci colpisce duro sotto il piano dei sentimenti: una dolce ballata basata soprattutto sul suono del piano che, mentre si sviluppa e cresce, trova lo spazio anche per inserzioni elettroniche e raffinati arrangiamenti di archi che non snaturano per nulla la sua natura.

“Living Other Lives”, pur con il suo spirito dreamy, riesce ad aggiungere anche influenze pop grazie alla spinta delle sue ottime percussioni che ne aumentano il ritmo.

La conclusiva “ Åbent Sår” che vede la partecipazione del musicista svedese The Field, ci trasporta poi su territori dancey: dopo un intro delicato e dai toni psichedelici, il lunghissimo brano (quasi otto minuti) intraprende una vita differente grazie a synth e beat che ci ipnotizzano e ci lasciano con tanta voglia di ballare, senza però perdere la sua brillantezza melodica.

Un album molto gradevole e dalla grande sensibilità pop, “Windflowers” continua a crescere dopo ogni ascolto, cercando anche di trasmettere positività e in un periodo come questo non puo’ che essere un beneficio: per noi è un grande sì!

Credit Foto: Dennis Morton

Tracklist
1. Alien Arms
2. Beautiful Eclipse
3. Hold Me Close When You Can
4. Lady Of The Rocks
5. Dragonfly
6. Living Other Lives
7. Mindless Center
8. House On A Feather
9. Åbent Sår (Feat. The Field)
 
 

Geese – Projector

Geese. Il quintetto newyorkese rilascia l’album di debutto poco dopo la firma con Partisan, etichetta anglo-americana che in questi anni ...

The Parrots – Dos

Hanno fatto le cose molto con calma i Parrots, il cui debutto, “Los Niños Sin Miedo”, era uscito ad agosto 2016: la band spagnola ha ...

Recall Madame X – Unconscious ...

E’ stato un ritorno inaspettato quello di Alessandro De Benedetti (illustratore e designer di moda oltre che musicista) e Andrea Zuccotti ...

Nicolas Michaux – Amour ...

Nicolas Michaux aveva sorpreso un po’ tutti con il rock dinamico che punteggiava l’esordio “A La Vie à La Mort” nel 2016, ...

Damon Albarn – The Nearer The ...

«All’avvicinarsi della sorgente, il ruscello scorre più puro.». Così scriveva John Clare, un poeta romantico, in un suo scritto ...