WE ARE SCIENTISTS
Huffy

[ 100% Records - 2021 ]
7
 
Genere: indie-rock
 
25 Ottobre 2021
 

Formatisi nella nativa California nell’ormai lontano 2000, i We Are Scientists pubblicano ora questo loro settimo album, che arriva a distanza di tre anni e mezzo dal precedente, “Megaplex”.

Scritto interamente prima dell’arrivo della pandemia, il disco è stato registrato e prodotto dalla stessa band di stanza a NYC nel loro piccolo studio di registrazione durante i primi mesi di lockdown: “E’ stato un rifugio”, hanno spiegato Chris Cain e Keith Murray, aggiungendo che poter andare allo studio “è stato un sollievo invece che un compito noioso”.

“You’ve Lost Your Shit” ci lancia subito ad alta velocità nella loro autostrada in cui siamo ben lieti di poter tornare a viaggiare: impossibile resistere alle loro deliziose e potenti melodie chitarristiche dai ritmi frenetici e ai loro cori incredibilimente catchy.

In “I Cut My Own Air”, invece, sono beat funky e un basso pulsante a disegnare l’anima del pezzo, prima dell’esplosione di un coro ancora una volta degno di nota e gradevolissimo.

In seguito “Just Education” suona riflessiva e anche malinconica, ma non manca di un ritornello che ci sa attrarre sin dal primo ascolto, mentre nella seconda parte dei suoi quasi quattro minuti riesce a variare grazie all’uso di synth e percussioni.

“Fault Lines”, invece, ha un sound più sporco con quel suo basso fuzzy e quei suoi imponenti riff di chitarra, ma anche qui la melodia del coro è vincente, mentre “Bought Myself A Grave” inizia con toni country-folk per poi fare uso dell’elettronica spostandosi verso territori dancey.

Senza risultare particolarmente innovativo, “Huffy” suona comunque fresco, melodico e brillante e sembra avere riportato i We Are Scientists verso quella brillantezza dei primissimi album: divertirsi in mezzo al loro mondo colorato e frizzante a questo punto diventa un dovere e un diritto. Ben ritrovati Chris e Keith!

Credit Foto: Stuart1000, Public domain, via Wikimedia Commons

Tracklist
1. You’ve Lost Your Shit
2. Contact High
3. Handshake Agreement
4. I Cut My Own Hair
5. Just Education
6. Sentimental Education
7. Fault Lines
8. Pandemonium
9. Bought Myself A Grave
10. Behavior Unbecoming
 
 

Damon Albarn – The Nearer The ...

«All’avvicinarsi della sorgente, il ruscello scorre più puro.». Così scriveva John Clare, un poeta romantico, in un suo scritto ...

Robin Guthrie – Pearldiving

Nove anni dopo “Fortune” torna in veste solista il buon Robin Guthrie che come al solito suona tutti gli strumenti in un album di note ...

HighSchool – Forever at Last

Qualche anno fa arrivò un album inaspettato che lasciò il segno, una band che si presentò ed eclissò alla velocità della luce, si ...

Parcels – Day / Night

Osannati, osannatissimi Parcels: negli ultimi tre o quattro anni hanno conquistato un bel pubblico in Francia, oltremanica, ma anche da noi ...

French For Rabbits – The ...

Attivi sin dal 2012, i French For Rabbits sono tornati ora con questo loro terzo LP, realizzato qui in Italia dalla indie-label romana A ...