OGGI “I GET WET” DI ANDREW W.K. COMPIE 20 ANNI

 
13 Novembre 2021
 

Con il senno di poi si potrebbe dire che Andrew W.K. è tutto qui, in questo disco, anzi, è solo qui. Il resto della sua carriera non ha alcun senso, se non quello di provare a reiterare (male) il concetto trionfale e ben riuscito di questo disco. Doveva ritirarsi qui il buon Andrew, all’apice. Purtroppo non l’ha fatto, ma francamente delle mediocrità successive poco c’importa, oggi siamo qui per celebrare questa assurda e irresistibile “cafonata” (fin dalla copertina, che piaccia o meno, diventata assolutamente iconica).

Andrew Fetterly Wilkes-Krier ha in mente solo una cosa: festa. E per la festa giusta non ci vuole solo la compagnia adatta, le signorine giuste e una bella scorta di superalcolici o birra (o sostanze di varia natura), no, ci vuole sopratutto la musica, quella che scateni l’entusiasmo e non faccia mai fermare i presenti. Ecco, se al resto ci possono pensare un po’ tutti, no, alla musica ha pensato di dedicarsi lui e, diciamocelo, un party con queste 12 canzoni in sottofondo o sparate a tutto volume non potrà che essere travolgente, tanto che alla fine della serata sarete sfasciati e col naso rotto, ma, per Dio, ve la sarete spassata. E tutti vi ringrazieranno (un po’ come accadde al buon Andrew che per un po’ davvero ricevette lodi e ammirazioni generalizzate).

Nel frullatore musicale di Andrew ci finisce un po’ di tutto: prendete i Kiss, i Ramones, i Rammstein, tastierine anni ’80, Meat Loaf, i Def Leppard, Van Halen, il glam e il punk. Dio che casino direte voi. Ma invece no. Ne escono canzoncine ad alto voltaggio ritmico (alla batteria c’è addirittura Donald Tardy degli Obituary), semplicissime, quasi pop a modo loro, eppure nello stesso tempo iperprodotte, sovraincise, tronfie e gonfie di chitarre, corettoni e piano. Una roba da matti. Ma la missione è una sola: fare casino e divertirsi senza ritegno. E Andrew, qui, raggiunge lo scopo. In pieno.

Pubblicazione: 13 novembre 2001
Durata: 35:33
Dischi: 1
Tracce: 12
Genere: Hard rock, Heavy metal, Punk rock
Etichetta: Island Records

Tracklist:

It’s Time to Party
Party Hard
Girls Own Love
Ready to Die
Take It Off
I Love NYC
She Is Beautiful
Party til You Puke
Fun Night
Got to Do It
I Get Wet
Don’t Stop Living in the Red

 

Oggi “Spooky” dei Lush ...

Ricordo un interminabile viaggio in autobus per andare ad un colloquio di lavoro, nella campagna milanese. Mi sarei laureato in estate del ...

1972: L’anno seminale ...

50 anni fa. Dinanzi agli occhi increduli di un giovane sub romano due stupendi guerrieri di bronzo decisero, finalmente, di svelare la ...

Oggi “Got To Be There” ...

Il primo passo verso la leggenda, ancora così distante dal sacro (e sudato) titolo di “re del pop”: Michael Jackson nel 1972 decideva ...

Prog, Storia di un’ ...

Tutti hanno sentito parlare del rock progressivo, genere che negli anni ’70 provenne dall’Inghilterra e dominò le classifiche con band ...

The Weekender: ascolta gli album di ...

Da qualche anno ormai il venerdì è il giorno della settimana consacrato alle uscite discografica. Quale migliore modo allora per ...