OGGI “NOTORIOUS” DEI DURAN DURAN COMPIE 35 ANNI

 
21 Novembre 2021
 

Due anni di tour per la promozione di “Seven And The Ragged Tiger”, uno trascorso godendosi i trionfi dell’album dal vivo “Arena” e della hit “The Wild Boys” e un altro ancora totalmente dedicato ai progetti paralleli Arcadia e The Power Station. I Duran Duran arrivano al 1986 col fiato corto e con due Taylor in meno in formazione: il batterista Roger che, stanco delle luci della ribalta, si ritira a vita privata nelle campagne del Gloucestershire, e il chitarrista Andy che, dopo un’estenuante tira e molla che minaccia pericolosamente di sfociare in un procedimento davanti al giudice, abbandona la nave per divergenze artistiche e personali con i tre membri superstiti.

Simon Le Bon, Nick Rhodes e John Taylor: è dai loro incontri negli studi di registrazione di Londra, Parigi e New York che prende forma quello che possiamo a tutti gli effetti considerare come il primo frutto della fase due della band britannica. Sto parlando naturalmente di “Notorious”, il disco “hitchcockiano” dei Duran Duran: elegante e misterioso come un thriller d’altri tempi, anche se assai meno avvincente dei tanti capolavori diretti dal maestro del brivido.

Da un punto di vista prettamente qualitativo, il primo lavoro realizzato a ranghi ridotti dal gruppo di Birmingham non si avvicina neanche lontanamente ai suoi tre inarrivabili predecessori: mancano i sapori new wave e post-punk del debutto del 1981, così come non vi è traccia del pop fresco ed esplosivo del super-classico “Rio” e del già citato “Seven And The Ragged Tiger”.

Ma in cabina di regia – e, in alcuni brani, anche alla chitarra – c’è un produttore di assoluto prestigio: Nile Rodgers. Fondatore degli Chic, padre nobile della disco music e re Mida della musica anni ’80. A lui va il compito di rifare quasi totalmente il look ai “nuovi” Duran Duran che, con i dieci brani di “Notorious”, provano a scrollarsi di dosso l’ingiusta immagine di band per ragazzine per calarsi nei panni di esperti e raffinati interpreti di un pop incredibilmente maturo – ricchissimo di influssi funk, R&B e Motown.

A soffiare il vento nelle vele del groove sono il batterista Steve Ferrone, uno dei più grandi sessionman di sempre, e il bassista John Taylor, un gigante delle quattro corde troppo poco celebrato. Sono i suoi polpastrelli fatati a dettar legge sulle note di “Skin Trade”, “So Misled”, “Meet El Presidente” (micidiale nella versione remix) e della celeberrima title track, i quattro pezzi forti per quanto riguarda il versante “ballabile” di “Notorious”: i fiati, i cori, gli arrangiamenti impeccabili e la mano riconoscibilissima di Rodgers li rendono assolutamente imperdibili.

A mitigare la fiamma del funk è la consueta sensibilità pop dei Duran Duran, che prende il sopravvento nelle canzoni in cui le tastiere di Nick Rhodes riescono a ritagliarsi un ruolo da protagonista (“American Science”, “A Matter Of Feeling”, le delicatissime “Winter Marches On” e “We Need You”).

Non vi sono dubbi: il disco fa decisamente tesoro delle preziose esperienze guadagnate nel breve periodo del “divorzio” duraniano, ovvero l’anno più o meno sabbatico segnato dai lavori di Le Bon e Rhodes con gli Arcadia e di Taylor con i Power Station. In “Notorious” non mancano di certo le sfumature eleganti e il vago retrogusto bowiano dei primi, ma a risaltare con particolare evidenza è la dote dei secondi: la passione per il rock più corposo, pompato ma sempre e costantemente in linea coi canoni radiofonici.

Una caratteristica che troviamo in bella mostra in “Hold Me”, “Vertigo (Do The Demolition)” e “Proposition”, dove a dominare sono le schitarrate di un Warren Cuccurullo non ancora membro ufficiale e le performance cariche di energia e pathos di Simon Le Bon.

All’epoca dell’uscita, non tutti i fan apprezzarono l’inattesa svolta di “Notorious”. I risultati commerciali non furono troppo soddisfacenti nel Regno Unito e negli Stati Uniti; in Italia, invece, fu un trionfo premiato con un secondo posto in classifica e ben sette date dello Strange Behaviour Tour. Ma fu davvero il primo passo falso nella carriera dei Duran Duran, come sostenuto da alcuni seguaci e detrattori? Direi di no, altrimenti non saremmo qui a omaggiarlo! Un album a modo suo coraggioso, diverso e in parte persino controverso, sicuramente di transizione, che deve le sue fortune a un paio di hit fenomenali, a qualche bella sorpresa funky e a un formidabile John Taylor in versione macchina del groove. Scusate se è poco!

Data di pubblicazione: 21 novembre 1986
Tracce: 10
Lunghezza: 46:56
Etichetta: EMI
Produttori: Duran Duran, Nile Rodgers

Tracklist:
1. Notorious
2. American Science
3. Skin Trade
4. A Matter Of Feeling
5. Hold Me
6. Vertigo (Do The Demolition)
7. So Misled
8. Meet El Presidente
9. Winter Marches On
10. Proposition

 

Any Given Friday – Ogni ...

È di nuovo venerdì e seguendo la traiettoria del volo di un moscone – dal ronzio più emozionante di tante cose sentite ultimamente ...

The Weekender: ascolta gli album di ...

Da qualche anno ormai il venerdì è il giorno della settimana consacrato alle uscite discografica. Quale migliore modo allora per ...

Contest: 2 biglietti omaggio per la ...

E’ davvero con grande piacere che annunciamo il contest per vincere 2 biglietti (uno per persona) per l’unica data italiana di ...

Oggi “Spirale” dei Soon ...

Come spesso accade la memoria storica musicale fa difetto. La data esatta di uscita di “Spirale” dei Soon non è chiara, ma, ...

Any Given Friday – Ogni ...

È di nuovo venerdì e seguendo la traiettoria del volo di un moscone – dal ronzio più emozionante di tante cose sentite ultimamente ...