THE CARD COUNTER (IL COLLEZIONISTA DI CARTE)

regia di Paul Schrader, 2021
 
Genere: drammatico, thriller
 
di
25 Novembre 2021
 

Secco e oscuro, il fim presentato da Paul Schrader all’ultimo festival del cinema di Venezia (dove è rimasto inspiegabilmente a secco di premi) si candida con prepotenza al titolo di film dell’anno.
Non è un film per tutti, è un noir che si prende i suoi tempi e lascia pochissimo spazio alla luce e alla speranza. Forse si vede un barlume di entrambe soltanto nell’ultimissima, meravigliosa inquadratura.

Al centro delle vicende, che contemplano gioco d’azzardo e una drammatica storia di vendetta, troviamo il “card counter” di un magnifico Oscar Isaac (in quanti bei film lo si vede ultimamente?), un ex torturatore di Abu Ghraib incapace di espiare le proprie colpe, di perdonarsi.
La sua vita, consapevolmente e programmaticamente sotto tono, vissuta come una specie di ombra errante di casinò in casinò, si movimenta e riscalda grazie a due incontri destinati a cambiare tutto, a ribaltare la sua invisibile routine.
La colonna sonora è martellante, i momenti più sintetici sono davvero elettrizzanti, ma anche la scelta delle canzoni non originali è azzeccata.

La musica si intreccia poi inesorabilmente a rumori, echi di vecchi clangori e ansimi, che possiamo percepire insieme al protagonista. Schrader vuole farci sentire così tutto il disagio post-traumatico derivato dagli interrogatori potenziati, un’esperienza de-umanizzante a prescindere dal lato da cui la si è vissuta.
Sono invece semplicemente brutali, addirittura psichedeliche e disturbanti le sequenze in cui il protagonista sogna suddetti interrogatori e le carceri infestate dai liquami di Abu Ghraib.

Perfetta infine la fotografia, cupa e gelida, che si divide tra gli sfavillanti ma cupi interni dei casinò e gli esterni delle desolate spianate in cui questi si trovano.

In uno dei rari momenti di tenerezza vissuti dal “contatore di carte”, che non sto qui a spoilerarvi, Schrader ci regala anche uno dei momenti visivi più grandiosi dell’anno – una volta visto il film, saprete di quale sto parlando.

Titolo originale: The Card Counter
Lingua originale: inglese
Paese di produzione: Stati Uniti d'America, Svezia
Anno: 2021
Durata: 112 min
Sceneggiatura: Paul Schrader
Produttore: Braxton Pope, Lauren Mann, David Wulf
Produttore esecutivo: Martin Scorsese, William Olsson, Lee Broda, Anders Erdén, James Swarbrick, Kathryn M. Moseley, Joel Michaely
Casa di produzione: Saturn Streaming, Astrakan Film AB, RedLine Entertainment
Distribuzione in italiano: Lucky Red
Fotografia: Alexander Dynan
Montaggio: Benjamin Rodriguez Jr.
Musiche: Robert Levon Been, Giancarlo Vulcano
Scenografia: Ashley Fenton

Interpreti e personaggi

Oscar Isaac: William "Tell" Tillich
Tiffany Haddish: La Linda
Tye Sheridan: Cirk Beauford
Willem Dafoe: maggiore John Gordo

 

After Life – Stagione 3

Ogni stagione di “After Life” inizia con i personaggi, soprattutto Tony, un passetto o un passo indietro rispetto a come li ...

4 meta’

Alla fine di “4 metà”, film che narra le due realtà alternative di due coppie come fosse uno “Sliding Doors” ...

The Lost Daughter (La figlia ...

Per il suo esordio da regista la bravissima Maggie Gyllenhaal ha scelto di adattare un romanzo della nostrana Ferrante (La figlia oscura) e ...

Succession – Stagione 3

È un crescendo. O una discesa nel baratro, un baratro dalle profondità imponderabili, quello messo in scena da “Succession” ...

Cobra Kai – Stagione 4

Tolta una prima parte che gira un po’ a vuoto (incentrata sui ciclici battibecchi tra Daniel e Johnny, invero sempre più ripetitivi), ...