W.H. LUNG
Vanities

[ Melodic - 2021 ]
7
 
Genere: Electronic- Dance
Tags:
 
26 Novembre 2021
 

Secondo album per la band di Manchester dopo il meritato successo dell’esordio “Incidental Music” pubblicato nella primavera del 2019.
Joseph Evans e Tom Derbyshire (principali autori della band) si erano trasferiti a Todmorden prima che la pandemia entrasse prepotentemente nelle nostre vite e abitudini.
Todmorden è una piccola cittadina della Calder Valley, una splendida valle nello Yorkshire occcidentale, dove parecchie band stanno facendosi notare in questo ultimo periodo, come se il contatto con la natura di questa zona collinare fosse fonte di grande ispirazione.

Joseph e Tom si conoscono dai tempi della scuola e sono anima e corpo della band che con “Vanities” ci propone un sound che abbandona l’energia spigolosa, prepotente e ritmata dell’esordio (“una vivace miscela di krautrock, synth pop e groove contagiosi“) per lasciare spazio a tre quarti d’ora di musica dance dominata da un synth malefico a cui voci e strumenti si aggiungono a fare la loro sporca parte. Causa il virus, la band ha dedicato l’ultimo anno alla scrittura dei brani, nessun tour programmato ma tanta voglia di raccogliere gente e farla ballare, una reazione al triste clima solitario imposto dai lockdown che si sono ripetuti in Gran Bretagna.

Ma non dobbiamo credere che “Vanity” sia una album leggero, superficiale. E’ un viaggio dove i paesaggi variano di brano in brano. “ARPi”, ci colpisce per le armonie e le voci che si sovrappongono delicatamente, “Showstopper” ci avvolge invece nel suo ritmo gotico e ci spinge senza pietà in pista a ballare guardandoci i piedi e piegandoci verso il suolo con movimenti armonici.
“Calm Down” apre le danze con la voce di Joseph Evans che ci riporta alla mente Jimmy Somerville e i suoi Bronsky Beat mentre “Pearl in the Palm”, primo singolo uscito a giugno è il brano che ha mostrato per primo  il nuovo volto della band, una potente propensione verso il dancefloor che trova anche momenti più intimi come nella conclusivaKaya“.
Un salto nella dance degli anni novanta ce lo possiamo fare ascoltando “Somebody Like”, un botta di energia da custodire gelosamente nella nostra playlist riempipista.

Un album che raggiunge lo scopo che il quintetto di Manchester si era prefisso. Aver cercato una nuova direzione musicale, seguendo l’istinto e lasciandosi alle spalle le sonorità del precedente album non può che essere una nota positiva. Sicuri che il prossimo sarà un’ulteriore sorpresa…

Tracklist
1. Calm Down
2. Gd Tym
3. Pearl In The Palm
4. Ways Of Seeing
5. ARPi
6. Showstopper
7. Figure with Flowers
8. Somebody Like
9. Kaya
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

Jamie T – The Theory Of ...

Il suo quarto album, “Trick”, era uscito a settembre 2016: da allora Jamie T aveva preparato ben 180 canzoni, scrivendole e ...

Hater – Sincere

Dopo quasi quattro anni dall’uscita di “Siesta”, a maggio gli Hater sono tornati con questa loro opera terza, pubblicata ancora ...

Dune Rats – Real Rare Whale

Tornano a farsi sentire i Dune Rats con questo loro quarto album, che arriva a due anni e mezzo di distanza dal precedente, “Hurry Up And ...

Traams – Personal Best

Dopo sette lunghi anni di attesa ecco finalmente tornare i TRAAMS con il nuovo attesissimo album. Una pausa davvero molto lunga considerato ...

Amanda Shires – Take It Like ...

Amanda Shires è sempre stata una ribelle nel mondo del country, non necessariamente rivoluzionaria nello stile ma decisa a non lasciarsi ...

Recent Comments