ROBIN GUTHRIE
Pearldiving

[ Soleil Après Minuit – 2021 ]
8
 
Genere: Ambient, elettronica
 
1 Dicembre 2021
 

Nove anni dopo “Fortune” torna in veste solista il buon Robin Guthrie che come al solito suona tutti gli strumenti in un album di note lucide e riflessive, nate a margine del periodo pandemico per far sedimentare sentimenti e impressioni, emozioni e punti di vista. Privato della possibilità di viaggiare, da sempre una fonte d’ispirazione importante, Guthrie ha reagito lasciando spazio all’introspezione, ai ritmi evocativi suggeriti da un mondo costretto improvvisamente a fermarsi.

Il risultato è una lunga suite divisa in dieci tracce, ciascuna con la sua identità ma fuse perfettamente in un discorso musicale unico, reso uniforme dalle tastiere che punteggiano ogni brano e spiccano in arrangiamenti spesso minimali, indubbiamente eleganti. Non ha bisogno di parole Robin Guthrie, è di un album strumentale che stiamo infatti parlando, ma si rivela ancora una volta capace di tratteggiare piccole storie, mondi incantati, senza calcare troppo la mano in composizioni di tre – quattro minuti.

Ha il dono della leggerezza l’ex Cocteau Twins che già lo scorso ottobre aveva pubblicato a sorpresa l’EP “Mockingbird Love”, prima di una serie di uscite in programma nei prossimi mesi. “Pearldiving” segue a stretto giro di posta quei primi quattro brani e rilancia con grazia, quella di “Ivy”, “Oceanaire”, “Ouestern”, “Kerosine” e “The Amber Room”. La mano è sempre la stessa che ha suonato in dischi come “Garlands” e “Treasure” impegnata nel nuovo capitolo di una carriera solista che forse genera meno attenzione rispetto a quella di Simon Raymonde ma sempre di gran livello.

Credit Foto: Violette Guthrie

Tracklist
1. Ivy
2. Ouestern
3. Castaway
4. On the Trail of Grace
5. Les Amourettes
6. Euphemia
7. Oceanaire
8. Presence
9. Kerosine
10. The Amber Room
 
 

Pedro The Lion – Havasu

Continua il viaggio nella memoria di David Bazan, ormai unico titolare del progetto Pedro The Lion che a sorpresa ha pubblicato ...

Billy Talent – Crisis of ...

Dopo quasi sei anni di silenzio discografico, rifanno capolino anche i canadesi Billy Talent: poco stimati (o meglio, conosciuti) in Italia ...

Yard Act – The Overload

Nati nel 2019 dalle menti creative dei due coinquilini Ryan Needham e James Smith, gli Yard Act sono stati bloccati dal Coronavirus dopo ...

Déjà Vega – Personal Hell

Dopo il bruciante, ed ad alto contenuto psych-rock, esordio del 2019, tempo di secondo album anche per i Déjà Vega, interessantissimo trio ...

Cara Calma – Gossip!

Ho un debole per questi ragazzi bresciani e sono pronto candidamente ad ammetterlo. Già nel 2019, nello stilare e far pubblicare la mia ...