GEESE
Projector

[ Partisan - 2021 ]
7
 
Genere: Post Punk, Indie Rock
Tags: ,
 
3 Dicembre 2021
 

Geese. Il quintetto newyorkese rilascia l’album di debutto poco dopo la firma con Partisan, etichetta anglo-americana che in questi anni ne ha imbroccate diverse e sicuramente si è dimostrata capace di capire da che parte tirasse il vento. O meglio, si è dimostrata capacissima di capire dove trovare nuovi talenti puri in giro per il mondo (IDLES, Fontaines D.C., Cigarettes After Sex, The Black Angel…).
L’album di debutto dei giovanissimi Geese s’intitola “Projector” e la copertina, ispirata da un incubo, rimanda a incertezze, paure e difficoltà proprie dei giovani occidentali neo-ventenni di oggi.

La musica. Le atmosfere create dagli strumenti che plasmano le idee dei giovani americani sono aspre e cristalline, diritte e sfuggenti. Le liriche straboccano di esistenzialismo semplice, ma tormentato, la voce che ci guida spazia da David Byrne a Grian Chatten passando per Alex Kapranos. Le chitarre e la ritmica richiamano le stanze sonore dei Black Midi e degli Squid, la qualità compositiva è sempre interessante, ma mai del tutto convincente.

Il margine per crescere sicuramente esiste e gli ingredienti per stupire ancora e, soprattutto, convincere sempre di più ci sono.
Io sono pronto a scommetterci su questa band. La compagine se sarà in grado di mettere bene a fuoco il progetto del prossimo album potrà davvero creare un’opera notevole.

Ad ora, godiamoci l’ottimo “Projector” e osserviamo tra le trame quello che questi cinque ragazzi di Brooklyn potranno regalarci in futuro.

Tracklist
1. Rain Dance
2. Low Era
3. Fantasies / Survival
4. First World Warrior
5. Disco
6. Projector
7. Exploding House
8. Bottle
9. Opportunity Is Knocking
 
 

Pedro The Lion – Havasu

Continua il viaggio nella memoria di David Bazan, ormai unico titolare del progetto Pedro The Lion che a sorpresa ha pubblicato ...

Billy Talent – Crisis of ...

Dopo quasi sei anni di silenzio discografico, rifanno capolino anche i canadesi Billy Talent: poco stimati (o meglio, conosciuti) in Italia ...

Yard Act – The Overload

Nati nel 2019 dalle menti creative dei due coinquilini Ryan Needham e James Smith, gli Yard Act sono stati bloccati dal Coronavirus dopo ...

Déjà Vega – Personal Hell

Dopo il bruciante, ed ad alto contenuto psych-rock, esordio del 2019, tempo di secondo album anche per i Déjà Vega, interessantissimo trio ...

Cara Calma – Gossip!

Ho un debole per questi ragazzi bresciani e sono pronto candidamente ad ammetterlo. Già nel 2019, nello stilare e far pubblicare la mia ...