THE POWER OF THE DOG

regia di Jane Campion, 2021
 
Genere: drammatico, western
 
di
4 Dicembre 2021
 

Nel film che le ha fatto guadagnare il premio della regia all’ultimo festival del cinema di Venezia, Jane Campion decostruisce il genere western fiaccandone l’epica eroica e la violenza, riducendo quest’ultima alla psicologia di un torbido contesto familiare allargato.
Il Montana degli anni venti mostrato dal film è imperiosamente statico, immortalato da una fotografia naturalista e desaturata, e la vita dei mandriani è ripetitiva e priva di ogni slancio epico, ritorta sulla memoria di quella che era una volta la vita di frontiera.

Il Phil di Benedict Cumberbatch (alla sua migliore interpretazione di sempre?) non è un predone alla conquista di scalpi, ma un capriccioso e viscido manipolatore che mina la tranquillità della sua famiglia, vista come una sorta di regno, per esercitare una necessità di controllo che nasce dalla frustrante castrazione della sua vera essenza. La miccia che scatena la sua violenza è infatti l’arrivo nella tenuta di famiglia della moglie del fratello e del suo figlio efebico.

Nulla viene mai mostrato con chiarezza nel western della Campion, ma sottaciuto, accennato, lasciato accadere fuori lo schermo. Proprio come succede nella vita nascosta dei protagonisti.
L’espediente, insieme a stretti primi piani sui volti accigliati dei personaggi e alla musica tesa e misteriosa di Johnny Greenwood, instillano curiosità e fanno vivere allo spettatore le angosce intime di un mondo al suo crespuscolo.

Lingua originale: inglese
Paese di produzione: Regno Unito, Australia, Nuova Zelanda, Canada
Anno: 2021
Durata: 126 min
Soggetto: dal romanzo di Thomas Savage
Sceneggiatura: Jane Campion
Produttore: Jane Campion, Emile Sherman, Iain Canning, Roger Frappier, Tanya Seghatchian
Produttore esecutivo: Rose Garnett, Simon Gillis, John Woodward
Casa di produzione: See-Saw Films, Bad Girl Creek Productions, Max Films
Distribuzione in italiano: Lucky Red, Netflix
Fotografia: Ari Wegner
Montaggio: Peter Sciberras
Musiche: Jonny Greenwood
Scenografia: Grant Major

Interpreti e personaggi

Benedict Cumberbatch: Phil Burbank
Kirsten Dunst: Rose
Jesse Plemons: George Burbank
Kodi Smit-McPhee: Peter
Thomasin McKenzie: Lola

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

Trainwreck: Woodstock ’99

Al netto di una parte finale molto retorica e ostentosamente woke, con tanto di scuse per suonare woke, che è la cosa più woke delle cose ...

Men

Il talentuoso, ma sempre un po’ incompiuto e compiaciutamente concettuale, Alex Garland con “Men” si è dato ...

The Gray Man

Io la gente che critica questo giocattolone non la capisco. Ma che si aspettavano dalla produzione più costosa della storia di Netflix ...

The Black Phone

Già autore tra le altre cose dell’ultimo capolavoro Horror che ho visto, il terrificante “Sinister”, Derrickson, che nel ...

Love & Anarchy (Stagione 2)

Chi non avesse visto la prima stagione di questa divertente e, per l’appunto, anarchica sit com svedese, può recuperarla davvero in ...

Recent Comments