CURTIS HARDING
If Words Were Flowers

[ ANTI - 2021 ]
9
 
Genere: soul, psichedelia
 
6 Dicembre 2021
 

“Regalami i fiori finché sono qui!”
Chiedeva spesso la madre di Curtis Harding al proprio figlio.
Lui forse non glieli comprava spesso e a distanza di anni, dopo la dipartita di lei, come puntualmente accade Curtis si è probabilmente domandato perché non avesse mai voluto assecondarla compiendo quel semplice gesto. Forse avrebbe dovuto parlare di più con lei finché era qui, regalarle più fiori, ogni giorno sempre di più. Che poi, se solo le parole fossero fiori….

“If Words Were Flowers” è il nuovo (terzo) disco del soulman del Michigan Curtis Harding che esce via ANTI (etichetta di Tom Waits).
“Soul Power”, l’esordio “già maturo” del 2014 e lo strepitoso sophomore album “Face Your Fear” ci avevano già detto molto sul talento puro di questo uomo ora quarantenne dotato di un timbro vocale mirabolante e di una tecnica compositiva fuori dal comune.
“If Words Were Flowers” prosegue l’itinerario tracciato dai precedenti due lavori del chitarrista e batterista americano portando il soul in una nuova atmosfera contemporanea.
Curtis Harding ha piantato ancora i suoi semi nel campo della soul vintage anni ’70 e ha raccolto i fiori che si dipanano alti e forti, profumando l’atmosfera di gospel, r&b e funky psichedelico.

Personalmente trovo “If Words Were Flowers” una ventata di aria fresca e buona. Il sound è certamente retrò ma non potrebbe essere più attuale e contemporaneo di così. Qualche nota jazz profuma l’atmosfera soul di questi 41 minuti e 39 secondi davvero spesi bene.
La scelta dei singoli è perfetta:”Can’t Hide It” è una hit alternativa, “Hopeful” è forte e profonda, “I Won’t Let You Down”” è semplicemente un sunto perfetto.
Consiglio di ascoltare l’album per intero perché è davvero strutturato benissimo in maniera squisitamente organica, ma se siete addicted alle playlist allora vi segnalo, oltre ai singoli, “With You”, un brano carico di contenuto emozionale, e “Forever More” forse il brano migliore dell’intero disco. Curiosa poi la scelta dell’utilizzo dell’autotune sulla traccia “So Low” che porta così richiami hip hop alla Kanye West su un binario musicale sovrastrutturato dal gusto a tratti nativo e spirituale nella concezione.

“If Words Were Flowers” è uno dei dischi più riusciti nel 2021, sicuramente il più riuscito a Curtis Harding. Un album che risulta facile, ma complesso, leggero, ma profondo, ballabile, ma introspettivo.
Caratteristiche proprie di un album completo che produce un’esperienza d’ascolto incredibilmente totalizzante.

Credit Foto: Matt Correia

Tracklist
1. If Words Were Flowers
2. Hopeful
3. Can't Hide It
4. With You
5. Explore
6. Where's The Love
7. The One
8. So Low
9. Forever More
10. It's A Wonder
11. I Won't Let You Down
 
 

Pedro The Lion – Havasu

Continua il viaggio nella memoria di David Bazan, ormai unico titolare del progetto Pedro The Lion che a sorpresa ha pubblicato ...

Billy Talent – Crisis of ...

Dopo quasi sei anni di silenzio discografico, rifanno capolino anche i canadesi Billy Talent: poco stimati (o meglio, conosciuti) in Italia ...

Yard Act – The Overload

Nati nel 2019 dalle menti creative dei due coinquilini Ryan Needham e James Smith, gli Yard Act sono stati bloccati dal Coronavirus dopo ...

Déjà Vega – Personal Hell

Dopo il bruciante, ed ad alto contenuto psych-rock, esordio del 2019, tempo di secondo album anche per i Déjà Vega, interessantissimo trio ...

Cara Calma – Gossip!

Ho un debole per questi ragazzi bresciani e sono pronto candidamente ad ammetterlo. Già nel 2019, nello stilare e far pubblicare la mia ...