RUBY FIELDS
Been Doin’ It For A Bit

[ autoprodotto - 2021 ]
7.5
 
Genere: indie-rock,punk-rock
Tags:
 
14 Gennaio 2022
 

Attiva sin dal 2016, Ruby Fields ha iniziato a scrivere canzoni all’età di undici anni e sin da piccola ha imparato a riparare strumenti musicali da un amico di suo padre: oltre a una manciata di singoli, la giovane songwriter australiana ha realizzato finora un paio di EP, “Your Dad’s Opinion For Dinner” (2018) e “Permanent Hermit” (2019), mentre a fine settembre è arrivato questo suo atteso primo lavoro sulla lunga distanza.

Prodotto da Chris Collins (Skegss, Gang Of Youths, Middle Kids) e masterizzato da John Davis (The Killers, Gorillaz, Dua Lipa, Lana Del Ray), il disco è stato pubblicato dalla stessa Ruby Phillips – questo il suo vero nome – senza l’aiuto di una label.

“Song About A Boy” apre il disco: se inizialmente puo’ sembrare calma, una volta entrate le chitarre l’energia va ad alzarsi colpendo duro, mentre la giovane musicista di Sydney mette in primo piano le sue emozioni con grande sincerità.

Nella successiva “R.E.G.O.”, invece, Ruby preferisce arrivare immediatamente al punto con quella sua vivacità strumentale fatta di chitarre fuzzy e di un ritornello catchy dai toni punk-pop e alquanto sentimentale.

Le cose rallentano con “Airport Café”, dove l’australiana ci porta su territori folk ed è solo nell’ultima parte del brano che la strumentazione ritrova un’inaspettata dose di adrenalina e di potenza.

“Ouch” ha un’anima punk e le sue caratteristiche lo dimostrano: corta (meno di due minuti), veloce, aggressiva, piena di fantastiche chitarre e splendidamente melodica, diventa impossibile resistere e rimanere fermi. Davvero esaltante!

“Bottle’o” chiude infine il disco con una vena malinconica: completamente basata sul piano, il brano mette in luce con grande delicatezza l’aspetto più emotivo della ragazza australiana.

Un lavoro interessante, gradevole e più maturo rispetto alla sua giovane età, questo “Been Doin’ It For A Bit” ci porta un songwriting concreto e sincero da parte di Ruby e segna un passo importante per la sua carriera che, a nostro avviso, potrà essere ancora lunga.

Photo Credit: Cole Bennetts

Tracklist
1. Song About A Boy
2. R.E.G.O
3. Kitchen
4. Bruises
5. Airport Cafe
6. Pokies
7. Pretty Grim
8. OUCH
9. Worms
10. Clothes Line
11. Bottle’o
 
 

Say Sue Me – The Last Thing ...

Dopo aver ottenuto importanti riscontri con il loro secondo LP, “Where We Were Together”, uscito a marzo 2018, ed essere stati in tour ...

Tutti Fenomeni – Privilegio ...

Ho sempre pensato che Tutti Fenomeni non fosse altro che lo pseudonimo con il quale si esprimeva in maniera esclusiva Giorgio Quarzo ...

Il Peggio E’ Passato – ...

Esordio frizzante quello de Il Peggio E’ Passato da Parma, un trio che decostruisce il pop variandone gli elementi combinati in chiave ora ...

Anna Calvi – Tommy EP

Anna Calvi celebra il suo rapporto di collaborazione con la nota serie “Peaky Blinders” facendo uscire questo EP dedicato nel ...

The Black Keys – Dropout ...

Non è passato neanche un anno che The Black Keys sono tornati alla carica con un nuovo album di inediti. In un oscillazione tra passato e ...