YARD ACT
The Overload

[ Zen F.C. / Island - 2022 ]
8
 
Genere: post-punk
 
26 Gennaio 2022
 

Nati nel 2019 dalle menti creative dei due coinquilini Ryan Needham e James Smith, gli Yard Act sono stati bloccati dal Coronavirus dopo appena una manciata di concerti, ma il loro cammino è comunque proseguito con nuovi singoli e il loro EP d’esordio, “Dark Days”, uscito all’inizio dello scorso anno.

Uscito il 21 gennaio con un paio di settimane di ritardo rispetto alla data prevista a causa dei ritardi di produzione dovuti alla pandemia, questo debutto full-length della band post-punk di Leeds viene definito come “un disco politico, ma nello stesso modo in cui lo sono tutte le grandi osservazioni sulla natura umana: un’istantanea disordinata, complessa e consapevolmente ipocrita del nostro attuale stato di cose.”

La title-track “The Overload” ci introduce nel folle, ma divertente mondo degli Yard Act: se sono innegabili fin da subito le influenze di band come i loro concittadini Gang Of Four e soprattutto The Fall, è altrettanto vero che non mancano i ritmi incisivi che ci ricordano invece i Talking Heads o – se vogliamo cercare qualche paragone contemporaneo – i Parquet Courts. A tutto questo si aggiunge una personalità notevole e un tocco pop e melodico che non viene mai a mancare in questa quarantina di minuti che rendono la opening-track davvero piacevole.

Incredibile il drumming di “Payday”, tribale ed eccitante, che è supportato da linee di basso decise che trascinano il brano verso un ritornello incontenibile e catchy (“take the money, take the money and run”), in cui diventa davvero impossibile rimanere fermi.

“Witness (Can I Get A?)” è forse la traccia più accessibile del disco: lungo solo un minuto e venti secondi, il brano ha una grande esplosività punk con i suoi potenti riff di chitarra e quel suo drumming veloce e determinato e arriva feroce e senza filti dritto in faccia all’ascoltatore.

“Land Of The Blind” ha un andamento ciondolante quasi quanto un brano hip-hop e lo spoken word del frontman James Smith è accompagnato da un certo numero di beat che ci ricordano gli Sleaford Mods o anche gli svedesi Viagra Boys, autori di uno dei migliori album dello scorso anno con il loro “Welfare Jazz”.

“Pour Another” poi, con le sue chitarre e i suoi synth, diventa immediatamente un piccolo anthem pronto per far muovere il dancefloor di numerosi club nei prossimi mesi.

“The Overload” è un album incazzato e politico, ma allo stesso tempo ha l’intelligenza per divertire e fare ballare i fan, regalando anche un grazioso tocco pop all’interno delle sue sonorità post-punk: sicuramente derivativo, ma costruito bene e determinato, questo é un esordio che convince ed è destinato a rimanere. Probabile che lo ritroveremo in parecchie classifiche di fine anno.

Tracklist
1. The Overload
2. Dead Horse
3. Payday
4. Rich
5. The Incident
6. Witness (Can I Get A?)
7. Land Of The Blind
8. Quarantine The Sticks
9. Tall Poppies
10. Pour Another
11. 100% Endurance
 
 

Say Sue Me – The Last Thing ...

Dopo aver ottenuto importanti riscontri con il loro secondo LP, “Where We Were Together”, uscito a marzo 2018, ed essere stati in tour ...

Tutti Fenomeni – Privilegio ...

Ho sempre pensato che Tutti Fenomeni non fosse altro che lo pseudonimo con il quale si esprimeva in maniera esclusiva Giorgio Quarzo ...

Il Peggio E’ Passato – ...

Esordio frizzante quello de Il Peggio E’ Passato da Parma, un trio che decostruisce il pop variandone gli elementi combinati in chiave ora ...

Anna Calvi – Tommy EP

Anna Calvi celebra il suo rapporto di collaborazione con la nota serie “Peaky Blinders” facendo uscire questo EP dedicato nel ...

The Black Keys – Dropout ...

Non è passato neanche un anno che The Black Keys sono tornati alla carica con un nuovo album di inediti. In un oscillazione tra passato e ...