SPOON
Lucifer On The Sofa

[Matador – 2022]
7
 
Genere: Indie Rock
 
16 Febbraio 2022
 

Gli Spoon arrivano in doppia cifra, ben dieci infatti sono gli album della band capitanata da un Britt Daniel che sembra ringiovanire a vista d’occhio. Produce Mark Rankin (Adele, Queens of the Stone Age) collaborano Dave Fridmann e Justin Raisen in un disco che segna il ritorno in Texas del gruppo, che si è ritrovato in una stanza con una manciata di strumenti per dar vita a “Lucifer On The Sofa”.

“Held” apre i giochi con la voce di Rankin in attesa dell’attacco che puntualmente arriva ed è una piccola rivoluzione nel mondo degli Spoon. L’aura da playboy e i sintetizzatori di “Hot Thoughts” lasciano il posto a ritmi cadenzati, guidati dalla batteria di Jim Eno e dalla voce di un Daniel che entra con estrema facilità nei panni del rocker del sud con tanta strada dietro le spalle. “The Hardest Cut” è un boogie indiavolato e arrabbiato dove sono le chitarre a farla da padrone, “The Devil & Mister Jones” gioca con backing vocals stile doo – wop che non mascherano l’anima R & B di un brano dove entrano di prepotenza i fiati mentre “Wild” è la b-side che i Rolling Stones non hanno mai registrato.

Qualche momento debole c’è inutile negarlo: “My Babe” convince poco pur essendo un buon esercizio di stile e si risolleva solo nel finale, “Feels Alright” non punge a dovere nonostante l’arrangiamento ben fatto, stesso discorso vale per “Satellite” salvata dal bell’assolo di chitarra. Le tastiere di Alex Fischel introducono la dinamica “On The Radio”, tre minuti godibili, ma il clou di “Lucifer” arriva poco dopo con una “Astral Jacket” notevole, cuore delicato e malinconico dell’album.

“Lucifer On The Sofa” è un omaggio alla storia di Austin e a quella del rock n roll classico che Britt Daniel e soci conoscono benissimo, capiscano o meno Eric Clapton. Il problema principale è la mancanza di originalità che forse non era lecito attendersi ma non avrebbe certo guastato nell’economia di dieci brani divertenti, orecchiabili, a volte eleganti come la title track ma non eccezionali.

Credit foto: Oliver Halfin

Tracklist
1. Held
2. The Hardest Cut
3. The Devil & Mister Jones
4. Wild
5. My Babe
6. Feels Alright
7. On The Radio
8. Astral Jacket
9. Satellite
10. Lucifer On The Sofa
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

Pastel – Isaiah EP

Dopo il fortunato esordio sulla corta gittata con “Deeper Than Holy” (curiosità, il vinile su eBay era arrivato a costare anche ...

A Grave With No Name – Pink ...

Avevamo lasciato il buon Alex Shields nel 2018 dopo la pubblicazione di “Passover” poi è arrivato l’annuncio di una pausa del ...

Phomea – Me And My Army

E’ un mondo al confine tra analogico e digitale quello creato da Fabio Pocci, in arte Phomea, un progetto solista che si muove tra folk ed ...

Neil Young – World Record

Inizia ad affiorare in me una certa stanchezza nel recensire un nuovo album in studio di Neil Young, la stessa stanchezza che pare ...

Gilla Band – Most Normal

Terzo album per i Gilla Band, la band di Dublino che negli anni si è guadagnata una più che discreta reputazione nel panorama noise non ...

Recent Comments