BODEGA
Broken Equipment

[ What's Your Rupture? - 2022 ]
7.5
 
Genere: post-punk,art-punk
 
23 Marzo 2022
 

Sono passati quasi quattro anni da quando i Bodega avevano pubblicato il loro primo LP, “Endless Scroll”, ma la formazione di NYC è ritornata ora con questo nuovo full-length.

Prodotto dal loro cantante e chitarrista Ben Hozie insieme a Bobby Lewis e mixato dallo stesso Lewis con Bryce Goggin (Pavement, Swans), questo nuovo lavoro dimostra come i Bodega riescano a variare spesso la sua traiettoria sonora.

Nel primo singolo “Doers”, per esempio, la band statunitense sembra aver ben imparato la storia musicale della sua città, citando l’hip-hop (con influenze dei Beastie Boys negli intensi vocals sputati da Hozie) e un’anima punk, mentre si chiede se ci sarà davvero un progresso per la gente con le attuali disparità economiche e sociali.

“Statutette On The Console”, invece, si sposta su territori power-pop (a noi ricorda le Ex-Hex di Mary Timony, per fare un paragone attuale), dove la voce di Nikki Belfiglio, supportata da frizzanti chitarre, crea melodie supercatchy che sicuramente faranno ballare i fan durante i loro prossimi concerti.

Sempre con la Belfiglio ai main vocals, “Territorial Call Of The Female”, dall’atmosfera tribale, con quei suoi beat selvaggi e quelle sue linee di basso, è saltellante e contiene un mix tra ritmi elettronici e tonalità post-punk, senza mai perderne in divertimento.

“How Can I Help YA” poi cita a piene mani influenze punk e mette al primo posto irresistibili melodie, aprendo in maniera significativa verso qualcosa di più pop.

“After Jane”, che chiude il disco, è dedicata alla madre di Ben, morta qualche tempo prima che la band registrasse il suo debutto “Endless Scroll”: disegnata con la chitarra acustica e qualche leggera percussione, questa canzone mostra ai fan una parte delicata, malinconica e sentimentale della band, finora sconosciuta ai suoi fan.

Un buon mix di generi e un lavoro solido che ci portano un gruppo in forma e assolutamente da seguire: i Bodega non sono più una promessa, ma ormai una realtà concreta. Il futuro è dalla loro parte.

Photo Credit: Pooneh Ghana

Tracklist
1. Thrown
2. Doers
3. Territorial Call Of The Female
4. NYC (Disambiguation)
5. Statuette On The Console
6. C.I.R.P.
7. Pillar On The Bridge Of You
8. How Can I Help YA?
9. No Blade Of Grass
10. All Past Lovers
11. Seneca The Stoic
12. After Jane
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

Eugenia Post Meridiem – like ...

È una tensione positiva quella che anima il nuovo disco degli Eugenia Post Meridiem. Eugenia Fera, il bassista Matteo Traverso, il ...

Weezer – SZNZ: Autumn

Con l’enorme saggezza che ci contraddistingue abbiamo deciso di aspettare che calassero le temperature e arrivasse davvero ...

Holy Coves – Druids And Bards

Terzo album per i gallesi Holy Coves, un trio capeggiato dal cantante/songwriter Scott Marsden che ha tutte le carte in regola per fare ...

Dead Cross – II

Primo disco dei Dead Cross con Mike Patton ben inserito in formazione. La musica dell’esordio datato 2017, infatti, era già stata ...

Goat – Oh Death

Probabilmente hanno veramente visto la morte in faccia, la fine di un elisir col brivido del successo, la morte per consumo o stanchezza del ...

Recent Comments