LIGHTNING IN A TWILIGHT HOUR
Overwintering

[ Elefant Records - 2022 ]
8.5
 
Genere: Psych rock, shoegaze
 
11 Aprile 2022
 

Torna Bobby Wratten (The Field Mice, Trembling Blue Stars) dopo “Slow Changes” e “Fragments Of A Former Moon” del 2015 e collabora ancora con Ian Catt, coinvolgendo anche Anne Mari Davies e Michael Hiscock, Harvey Brown e Beth Arzy nell’ultima uscita a nome Lightning In A Twilight Hour. Un disco di emozioni soffuse, che cammina sulle orme di Galaxie 500, Mazzy Star, con qualcosa dei Low e degli Spain nella grana delle chitarre, nelle voci di Wratten, Davies e Arzy che creano atmosfere sognanti e dinamiche, tra shoegaze e psichedelia.

E’ “Lincoln Green” ad aprire le danze, col suo passo lento e aggraziato introduzione perfetta al nuovo mondo dei LIATH dove ogni dettaglio è curato alla perfezione, l’arrangiamento ipnotico di “Delphinium” ad esempio o la batteria e gli archi di “Leaf Fall Is Over” brano vulnerabile e prezioso sul crescere, l’invecchiare, sulla fine che arriva sempre troppo presto. Armonia, malinconia, delicatezza, di questo è fatta la musica di Wratten, Davies, Hiscock, Brown e Arzy che arriva a toccare territori psych folk in “Perfumed Meadows Of May Snow”, nella flautata “In Sacred Groves Of Hawthorn” e in “White, Upon Your Grave” con le chitarre suonate come fossero mandolini.

Dolci odi al cinema (“The Cinematographer As Painter” che non sfigurerebbe in una colonna sonora come “Natural Light” e il suo piano del resto) esperimenti con il dub pop decisamente convincenti (“Her Own Refrain” che è un po’ una “The Death Of Silence” dall’anima delicata ma altrettanto avventurosa) la sonorità diamantina di “Slow Motion Spirits” con Hiscock al basso e Davies alla voce, la carezza della buonanotte affidata a “Don’t Let The Times Define You” con il pianoforte e le chitarre acustiche fanno di “Overwintering” un album ancora più melodico, coeso e maturo del precedente. Undici brani in cui è bello girovagare, persino perdersi, felici di non ritrovare la strada di casa.

Credit Foto: Beth Arzy

Tracklist
1. Lincoln Green
2. Delphinium
3. Leaf Fall Is Over
4. Perfumed Meadows Of May Snow
5. The Cinematographer As Painter
6. Her Own Refrain
7. In Sacred Groves Of Hawthorn
8. White, Upon Your Grave
9. Natural Light
10. Slow Motion Spirits
11. Don't Let The Times Define You
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

Eugenia Post Meridiem – like ...

È una tensione positiva quella che anima il nuovo disco degli Eugenia Post Meridiem. Eugenia Fera, il bassista Matteo Traverso, il ...

Weezer – SZNZ: Autumn

Con l’enorme saggezza che ci contraddistingue abbiamo deciso di aspettare che calassero le temperature e arrivasse davvero ...

Holy Coves – Druids And Bards

Terzo album per i gallesi Holy Coves, un trio capeggiato dal cantante/songwriter Scott Marsden che ha tutte le carte in regola per fare ...

Dead Cross – II

Primo disco dei Dead Cross con Mike Patton ben inserito in formazione. La musica dell’esordio datato 2017, infatti, era già stata ...

Goat – Oh Death

Probabilmente hanno veramente visto la morte in faccia, la fine di un elisir col brivido del successo, la morte per consumo o stanchezza del ...

Recent Comments