MAISIE
2013-2021 Dal diario di Luigi La Rocca, cittadino

[ Snowdonia Dischi - 2022 ]
7.5
 
Genere: Alternative Pop, sperimentale
Tags:
 
22 Aprile 2022
 

Ho un figlio molto piccolo a cui mi piace “cantare” (le virgolette sono d’obbligo) brani tratti da un vasto repertorio, che non tengono conto solo di ninne nanne (pur fondamentali!) et similia.

Mi piace pensare che sto preparando un terreno fertile per quando potrà scegliersi la sua musica preferita, eppure mi sentirei in difficoltà se dovessi trovarmi a spiegargli chi sono e cosa cantano i Maisie, nonostante in catalogo abbiano anche diversi episodi orecchiabili e dalla spiccata melodia.

Molto probabilmente sbrigherei la questione dicendogli che in realtà essi sono degli alieni, piombati sulla Terra e mischiatisi tra noi umani per studiarci, osservarci e infine metterci alla berlina, fissando l’obiettivo sui nostri più deleteri tic, sulle nevrosi, le solide certezze – basate spesso e volentieri però su teorie bizzarre – , e su una mentalità così poco aperta ad accogliere ciò che è estraneo da noi e che inevitabilmente ci spaventa.

D’altronde, anche per chi frequenta l’affollata galassia underground, il fenomeno siculo-lombardo capitanato da Alberto Scotti e Cinzia La Fauci risulta quanto meno di difficile catalogazione, sfuggendo da sempre a facili quanto comode etichette, così propensi come sono i due ad osare, sperimentare e spingersi più in là, sia musicalmente che concettualmente.

Certi orizzonti creativi in tal senso sembravano già ampiamente perlustrati nel precedente “Maledette Rockstar”, sempre poco consono a definizioni circoscritte ma per lo meno poggiato su una concreta idea di fondo, ossia fungere come da detto da speciale “osservatorio umano”.

Solo tre anni sono intercorsi da allora, un tempo forse sufficientemente lungo per i gruppi canonici ma non certo per chi, come loro, preferisce prendersi tutto il necessario per sviluppare un’idea e renderla il più possibile incline alle proprie corde.

Questi anni che, come ben abbiamo vissuto sulla pelle, hanno compreso un sacco di eventi che hanno rivoluzionato la nostra esistenza, mettendoci a dura prova, ed è oramai lampante il fatto che i buoni propositi di vicinanza, i tanti benauguranti “andrà tutto bene” non hanno, ahimè, finito per migliorarci a livello personale, ne’ tanto meno nelle relazioni, dopo mesi e mesi di lontananza sociale e assenza di contatti “veri”.

Tanta gente al contrario ha finito per odiarsi, diffidare dell’altro, fino a dividersi in agguerrite fazioni su temi divenuti preponderanti, come la salute, i vaccini e, ampliando il raggio, le strategie sanitarie ma non solo. Ci siamo ritrovati da allenatori della Nazionale a tuttologi in un batter d’occhio, e chi meglio dei Maisie poteva racchiudere in un progetto artistico tutto questo (mal) sentire?

Ecco quindi che i Nostri hanno inscenato, per bocca e mente di tale Luigi La Rocca, un flusso di coscienza inarrestabile che sembrava a tratti un instancabile copia e incolla di svariati post e commenti che quotidianamente inondano le bacheche dei social network. La Rocca, infatti, pensa e dice senza filtri tutto quello che gli frulla in testa, e in modo piuttosto spudorato anche l’esatto contrario di quanto appena sostenuto (ad esempio sulla questione stranieri: si vedano le tracce “Io dico no a pagare le tasse per mantenere gli stranieri!” e “Sugli stranieri sto cambiando completamente idea”), in un’alternanza (e convivenza) di pareri da far perdere la testa (o le staffe, perché è facile associare tali pensieri al più becero e gretto degli esseri umani).

Il suo è un diario che sommariamente potrebbe essere interpretato come una raccolta di sfoghi e frustrazioni (anche perchè sappiamo bene come sia difficile cambiare la propria idea in merito a certi temi: uno degli episodi più emblematici è il surreale dialogo di “Oggi un comunista su Facebook”, dove gli interlocutori si trincerano ognuno dietro le loro posizioni), ma che più similmente trasmette una particolare visione del mondo molto limitata; nel mirino a un certo punto finisce pure Andrea, suo fratello musicista aspramente criticato, il quale farà una brutta fine.

In realtà mentre scorre inarrestabile questo resoconto dal quale verrebbe scontato voler prendere le distanze, separando il confine tra buoni e cattivi, ci si rende conto di come questo personaggio di fantasia, il quale assume le sembianze di megafono del sentire comune populista, sia in realtà un “povero cristo”, di quelli boccaloni, che credono a tutto e che magari probabilmente non saprebbero tradurre nei fatti tanta violenza verbale, limitandosi a lasciarsi trascinare dall’ondata emotiva del momento, da ciò che in genere pensa attualmente quella gente che spesso non si fa domande (o se se le fa, cerca risposte su Internet e non nella stampa “di regime”), senza mettere in discussione ciò che sente dal politico di turno.

E sì, l’avrete capito anche solo a leggere la tracklist, ci sono tutti i luoghi comuni possibili tra le pieghe dei 62 pezzi… oddio, non proprio tra le pieghe, visto che le tesi sono dichiarate in maniera veemente ed esplicita, con toni assolutamente perentori che ci giungono per lo meno filtrati dal vivace canto dell’irriverente folletto Cinzia.

Certo, inoltrarsi in un viaggio che sembra farti sprofondare in un abisso di dicerie e di un modo di pensare che non ammette interlocutori, potrebbe scoraggiare anche il più volenteroso degli ascoltatori ma il pregio dei Maisie sta nel riuscire a dare una forma musicale entusiasmante a tutte le parole sputate fuori da La Rocca, cosicché è impossibile non rimanere affascinati da soluzioni sonore ogni volta differenti, che mostrano un’attitudine e, perché no?, una maestria tecnica rara, in tempi odierni in cui ciò che si va cercando è il più delle volte la canzoncina pop, tanto perfetta a livello formale quanto innocua nei contenuti.

Che poi, come detto, quando vogliono Scotti e compagni (il parterre di ospiti e amici coinvolti è al solito ricco e multiforme, a creare un ensemble di indiscutibile talento) sanno anche realizzare deliziosi affreschi pop –  visto che nel loro background è andato a confluire in buona parte anche una cospicua fetta di torta dedicata alla musica leggera -, ma è soprattutto un irresistibile calderone musicale quello che arriva copioso alla nostre orecchie attente, dove si possono riconoscere elementi presi in prestito dal jazz, dal prog, dal folk, dal rock, e dall’esperienza di band sperimentali ed elettroniche.

Insomma, chi più ne ha, più ne metta, e guai a chiedere loro una cosa del genere, perché poi succede che tutto questo riescono a realizzarlo per davvero e farcelo stare in un disco!

Il rovescio della medaglia è talora un’inevitabile dispersione, con la presenza dei cosiddetti riempitivi o di concetti reiterati, ma che probabilmente (anzi, sicuramente, perché il disco lo hanno fatto loro) così non sono percepiti (e in origine non erano stati concepiti come tali) dai titolari del progetto.

Vien da pensare che Syd Barrett, a cui i Nostri devono il nome (“Maisie” è un brano contenuto nell’omonimo album  del primo geniale leader dei Pink Floyd) e che, assieme a Frank Zappa, sembra proprio aleggiare in questo mastodontico lavoro, sarebbe fiero di questi ragazzacci del pop nostrano (di Luigi La Rocca sicuramente no!).

Quella dei Maisie è una follia lucida, la quale viene mediata al solito con una giusta dose di ironia, mai come in questo caso necessaria, per poter interiorizzare un disco che non suona esagerato definire come specchio fedele del proprio tempo.

ps: ulteriore nota di merito per l’accuratezza di packaging e libretto.

Tracklist
1. Il sistema è corrotto, marcio, fa schifo al cazzo!
2. I vaccini fanno venire l'autismo, non vaccinate i vostri figli!
3. Mio fratello Andrea
4. Io dico no alla televisione!
5. Per me la patria è la cosa più grandiosa e meravigliosa di tutte!
6. Io dico sì alla pena di morte!
7. 368 bocche negre in meno!
8. Neri
9. Evviva la Cina, evviva i cinesi!
10. Oggi un comunista su Facebook
11. Io dico no alla chiesa!
12. Io dico no a pagare le tasse per mantenere gli stranieri!
13. Guarire dal tumore con il limone e il bicarbonato
14. Io dico no alla violenza contro gli animali!
15. I comunisti
16. Mio fratello andrea si è ammazzato
17. Però questo Renzi... forse non è così male come pensavo...
18. Modernizzare le cose, rimuovendo tutti i vecchi tabù!
19. Se UNO ha veramente voglia di lavorare
20. Un uomo è troppo solo senza un amico vero!
21. Io dico sì ai matrimoni degli omosessuali e agli uteri in affitto!
22. Un sogno troppo brutto!
23. Guardare i film sull'iPhone è molto meglio che guardarli al cinema...
24. L'iPhone è una cosa bella e molto importante!
25. Votare No al referendum, bocciando la riforma di Renzi, è stato un atto irresponsabile. Purtroppo nel paese c'è tanta ignoranza, invidia e cattiveria!
26. A chi dare il voto?
27. Chi non vaccina i figli è un criminale, un irresponsabile...
28. A buttana nira
29. Sugli stranieri sto cambiando completamente idea
30. Grandissimo Alberto Scotti, sono d'accordo al 1000% con lui...
31. L'apericena
32. Per me la donna
33. Sugli stranieri sto cambiando completamente idea, ma gli zingari continuano a starmi sul cazzo!
34. Cetty, ti amo!
35. Famiglia e inglese
36. Non so se mi piace più, come una volta, comprare le cose al centro commerciale, forse adesso preferisco Amazon che è più moderno e pratico
37. Se tutti i popoli del mondo... (intro)
38. Se tutti i popoli del mondo...
39. Milano, oasi di civiltà in un deserto di barbarie e schifo
40. Addio al grandissimo e mitico Sergio Marchionne
41. Oliviero Toscani, il più grande fotografo!
42. Comici che non mi fanno ridere per niente: Totò, Alberto Sordi...
43. Sento dentro come una tristezza
44. Le cose di marca
45. Salvini pezzo di merda! Ci stai facendo vergognare...
46. Gli uomini sono tutti stupratori!
47. Io 'sto fatto che si deve amare la patria proprio non lo capisco
48. Che schifo, è stato approvato il reddito di cittadinanza...
49. Ho visto un film che c'era Mel Gibson
50. Ho letto che le vendite dell'iPhone sono in calo dell'11%...
51. Bungaro non si sa chi è
52. Sono troppo felice di questo fatto che il PD torna al governo...
53. Greta, la geniale bambina svedese che salverà il pianeta!
54. Potete costruire muri, ci troverete ad abbatterli
55. Con il cuore sono in piazza insieme alle sardine!
56. Ciao Andrea, mi vedi da lassù nel Paradiso?
57. Il dialetto secondo me è una volgarità da cafoni...
58. Questa emergenza Coronavirus
59. È finita la quarantena...
60. Non c'è niente che non si possa mettere a posto con le giuste riforme
61. È morto Maradona ma chi se ne frega!
62. Io sto con Super Mario Draghi senza se e senza ma. Uomo del fare, di competenza e autorevolezza fuori dal comune. Buon lavoro a tutta i/le/*/ ministra del nuovo governo!
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

Nuju – Clessidra

Il primo assaggio di “Clessidra” nuovo album dei Nuju, calabresi che da tempo hanno trovato casa a Bologna, è arrivato circa due anni ...

Ásgeir – Time On My Hands

Dopo il breve antipasto dell’anno scorso, con l’Ep “The Sky Is Painted Gray Today” a mitigare una discreta attesa, torna con un ...

The Wombats – Is This What It ...

Mai titolo fu più lungo ed esasperante dal punto di vista concettuale come questo. Il che è un ossimoro: perché se il titolo del nuovo ...

AliX – Last Dreamer

Sono passati ben quattordici anni da “Good One”, ultimo disco a nome AliX dopo l’esordio omonimo, “Cuore In Bocca” del 1999, ...

Eugenia Post Meridiem – like ...

È una tensione positiva quella che anima il nuovo disco degli Eugenia Post Meridiem. Eugenia Fera, il bassista Matteo Traverso, il ...

Recent Comments