RICCARDO MORANDINI
Il Leone Verde

[L’ Amor Mio Non Muore – 2022]
7.5
 
Genere: Alt rock, psych rock
 
29 Aprile 2022
 

Riccardo Morandini è un musicista che ha fatto della versatilità una ragion d’essere, impegnato in mille progetti come Mr Zombie Orchestra, Collettivo Ginsberg, Kimia Ghorbani, Tower Jazz Composer Orchestra e più di recente chitarrista di Superpop, oltre ad aver collaborato con Alessandro Ristori e Sammy Osman. Arriva anche il primo album a suo nome che segue a stretto giro di posta l’EP “Eden” e riesce incredibilmente ad unire buona parte delle influenze musicali di Morandini come già facevano in modo diverso i quattro brani usciti nel 2021.

“Il Leone Verde” co – prodotto insieme a Franco Naddei, col suo titolo ispirato al simbolo alchemico del vetriolo, amplia ulteriormente il discorso lasciando spazio a tentazioni fuzz, chitarre e organo, mellotron e poliritmi dal sapore mediorientale che indagano il rapporto con sé stessi, tra egoismi e innocenti evasioni. Un disco poliedrico insomma che già dalle prime note di “Immagine” alterna distorsione e pianoforte in arrangiamenti che spingono verso universi psichedelici. “Unione” punta invece sulla melodia per creare un sentimento solidale espresso con chiarezza e lucidità.

Un crescendo che passa per la movimentata ebbrezza di “Menade”, il romanticismo ritmico e cantautoriale di “Farfalle e candele”, la spiritualità di “Candida rosa” che ricorda i CSI, il piano di “Sole dei sensi” che apre la strada a un ritornello fortemente armonico, il ritorno alla natura di “Luce sulla collina”. Se in “Eden” si potevano cogliere echi de I Cani e Baustelle, “Il Leone Verde” ricorda le evoluzioni di Andrea Laszlo De Simone. “L’identità è solo paura del cambiamento” canta Morandini e di cambiare ed andare oltre non ha certo timore.

Tracklist
1. Immagine
2. Unione
3. Menade
4. Farfalle e candele
5. Candida rosa
6. Sole dei sensi
7. Luce sulla collina
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

The Black Angels – Wilderness ...

Non si può certo dire che i cinque anni abbondanti trascorsi tra “Death Song” e “Wilderness Of Mirrors” siano stati poveri di ...

Verdena – Volevo magia

Passano sette lunghi anni ed ecco finalmente tornare i Verdena con il loro carico di ricordi, sentimenti e aspettative che vanno oltre la ...

Suede – Autofiction

Ritornare all’essenza, partire da qui per andare avanti, si saranno detti Brett Anderson e soci alle prese col nuovo album che ...

Built To Spill – When The ...

Sono passati oltre sette anni da “Untethered Moon” e i Built To Spill sono finalmente ritornati con questo loro attesissimo nono album ...

The Afghan Whigs – How Do You ...

Greg Dulli è quel bambinone che tutti vorremmo avere come fratello maggiore, da cui prendere l’energia quando viene, da strozzare ...

Recent Comments