KING GIZZARD & THE LIZARD WIZARD
Omnium Gatherum

[ KGLW - 2022 ]
7.5
 
Genere: psichedelia, progressive folk
 
18 Maggio 2022
 

Sembrano non conoscere il significato della parola riposo questi sei australiani, giunti ormai al ventesimo album in una carriera poco più che decennale. Si sono ritrovati a suonare tutti insieme nella stessa stanza dopo la lunga pausa forzata del Covid, che li ha costretti a lavorare a distanza agli ultimi album, e ne è venuta fuori una lunga jam incontrollata che a quanta pare li ha divertiti parecchio visti gli 80 min che vanno a comporre questo mastodontico doppio album.

Il pezzo con cui si hanno presentato al monto questa nuova fatica, la cavalcata psichedelica di 18 minuti “The Dripping Tap”, sembrava poter essere una sorta di manifesto d’intenti, ma in realtà la band va veramente, forse per la prima volta, ben oltre quello che questo pezzo poteva fare presagire, in un sorprendente miscuglio di sonorità che cattura un gruppo per la prima volta veramente a briglie sciolte.

Liberatesi dalla necessità di esplorare a fondo uno solo dei generi del loro amplissimo bagaglio musicale, la opening track viene seguita da un’alternanza di pop (“Persistence”), jazz (“Presumptuous”), pezzi al limite del metal (“Predator-x”), e quello che una volta veniva definito progressive folk, tutto cosparso dalla solita spolverata di psichedelia mista a follia che ha contraddistinto tutti i lavori della band. La chiusa è affidata ad un pezzo che flirta con sonorità Gipsy, quasi a voler sottolineare ulteriormente come la band non abbia voluto escludere nulla a priori.
Niente di nuovo per i numerosi fan della band, anche se un mix così variegato delle loro influenze non si era ancora visto nella loro già citata immensa discografia. Anche se la lunga durata dell’album potrebbe sicuramente scoraggiare i più, il tutto scorre con grande naturalezza e potrebbe rappresentare un buon punto di partenza per chi fosse interessato ad avvicinarsi al gruppo ma che fino ad oggi non era riuscito a districarsi dalla disorientante mole della loro discografia.

Credit Foto: Jason Galea

Tracklist
1. The Dripping Tap
2. Magenta Mountain
3. Kepler-22b"
4. Gaia
5. Ambergris
6. Sadie Sorceress
7. Evilest Man
8. The Garden Goblin
9. Blame It on the Weather
10. Persistence
11. The Grim Reaper
12. Presumptuous
13. Predator X
14. Red Smoke
15. Candles
16. The Funeral
 
 

Day Wave – Pastlife

Day Wave ritorna con questo suo secondo album dopo cinque anni dal suo esordio, “The Days We Had” (in mezzo è uscito anche l’EP ...

Weezer – SZNZ: Spring / ...

Siamo sopravvissuti al caldo anomalo della primavera e abbiamo varcato la soglia di un’estate che, sul fronte climatico, si preannuncia ...

The Dream Syndicate – ...

La nuova fase dei Syndicate approda ad una ulteriore evoluzione, un mix di ritorno alle origini e contaminazione con la contemporaneità  ...

Phill Reynolds – A Ride

“A Ride” è un racconto di viaggio e di fuga, di redenzione e di ricerca, di comprensione e di dannazione, nel quale una vicenda ...

Moderat – MORE D4TA

Tornando ad abbeverarsi alla fonte di una elettronica “totale” (dall’idm al trip-hop), il progetto Moderat (Sasha Ring aka Apparat e i ...