DUBSTAR
Two

[Northern Writes - 2022]
7.5
 
Genere: Dance pop, synth pop
Tags:
 
20 Maggio 2022
 

C’erano una volta i Dubstar di Steve Hillier, Chis Wilkie e Sarah Blackwood, un trio capace di muoversi abilmente tra dream pop, dance e pop puro nel fermento inglese della seconda metà anni novanta e primi duemila. Esordio luccicante con “Disgraceful” (1995) sulla storica Food Records, due singoli di successo come “Stars” e “Not So Manic Now”, i palchi del Reading Festival e di Glastonbury calcati in gran spolvero, poi “Goodbye” (1997) e “Make It Better” (2000) prima che incomprensioni e contrasti mettessero la parola fine al progetto.

La raccolta “Stars: The Best Of Dubstar” sembrava fugare ogni dubbio su possibili reunion future ma il tempo può tutto e sotterrata l’ascia di guerra Blackwood e Wilkie si erano già ritrovati in “One” nel 2018 ma con “Two” hanno deciso di fare le cose in grande. Il ritorno di Stephen Hague (New Order, Pet Shop Boys) alla produzione, ruolo già ricoperto nei loro due album più famosi, li trasporta in una nuova dimensione.

Ballad e dance pop lucido, ritmato con diverse punte di diamante (il singolo “Token”, le ben più malinconiche “Tears” e “Lighthouse”) ritmi ora movimentati ora più riflessivi e la voce di Sarah Blackwood che trova melodie molto cool in “I Can See You Outside”, “Social Proof” e “Kissing To Be Unkind”. I Dubstar sono e restano acuti osservatori, “people watchers” come loro stessi si sono definiti anni fa, un’abitudine preziosa la cui importanza emerge prepotentemente nei testi di “Two” che riescono ad essere spiritosi e maturi.

Alcuni episodi più orecchiabili e divertenti (“Tectonic Plates”, “Hygene Strip”, “Blood”) influenzano le sorti di un album che flirta con l’indie pop prima della chiusura molto elegante affidata a una cover di “Perfect Circle” degli R.E.M. arrangiata per piano e voce. Un ritorno in buona forma per i Dubstar che tra spensieratezza, vulnerabilità e nostalgia restano fedeli a sé stessi.

Tracklist
1. Token
2. I Can See You Outside
3. Tectonic Plates
4. Lighthouse
5. Tears
6. Hygiene Strip
7. Blood
8. Social Proof
9. Kissing To Be Unkind
10. Perfect Circle
 
 

Day Wave – Pastlife

Day Wave ritorna con questo suo secondo album dopo cinque anni dal suo esordio, “The Days We Had” (in mezzo è uscito anche l’EP ...

Weezer – SZNZ: Spring / ...

Siamo sopravvissuti al caldo anomalo della primavera e abbiamo varcato la soglia di un’estate che, sul fronte climatico, si preannuncia ...

The Dream Syndicate – ...

La nuova fase dei Syndicate approda ad una ulteriore evoluzione, un mix di ritorno alle origini e contaminazione con la contemporaneità  ...

Phill Reynolds – A Ride

“A Ride” è un racconto di viaggio e di fuga, di redenzione e di ricerca, di comprensione e di dannazione, nel quale una vicenda ...

Moderat – MORE D4TA

Tornando ad abbeverarsi alla fonte di una elettronica “totale” (dall’idm al trip-hop), il progetto Moderat (Sasha Ring aka Apparat e i ...