ALESSANDRO FIORI
Mi sono perso nel bosco

[ 42 Records - 2022 ]
7.5
 
Genere: Cantautoriale
 
23 Maggio 2022
 

Sei anni dopo “Plancton” torna Alessandro Fiori, e lo fa con un lavoro che si presenta come una serie di brani che sembrano quasi essere l’espressione di uno stato d’animo, che si esprimono nella musica e nelle parole con una delicatezza e un intimità a tratti commovente.

Un’opera dove possiamo ascoltare e ritrovare, ognuno con la propria sensibilità musicale, immagini e melodie di un cantautorato e di una musica d’autore che sembrava ormai persa per sempre, il tutto reso magnificamente da una produzione, da arrangiamenti e da scelte musicali e strumentali capaci di dare freschezza ad ogni brano.

Anche nei testi troviamo accenni di una storia raccontata per immagini che spesso ci riportano alla realtà della quotidianità, nel quale l’amore deve fare i conti con la vita e i suoi momenti di semplicità, come avviene nell’ottima “Io e te”, cantata in coppia con Dario Brunori, in cui vengono descritti momenti di una vita ordinaria, i negozi del centro “….E mentre guardi quella borsa di pelle Ti riscaldi le mani nelle tasche…“, la serata al cinema “.. Andiamo al cinema niente divano Questa serie inizia ad annoiare … ” e la pizza da mangiare in famiglia, finendo con il dare all’ascoltatore la sensazione di qualcosa  che si è perso più di una reale speranza.

“Mi sono perso nel bosco” apre l’album facendoci piombare in un’atmosfera onirica dantesca, contraddistinto da un crescendo musicale e da una melodia che ricorda Le Orme,  in “Amami meglio” torna la quotidianità con il racconto di un ricordo d’ infanzia disturbato a causa di Brian Eno, con il sax di Enrico Gabrielli e i cori di Colapesce,

Da segnalare sicuramente “Fermo accanto a te” impreziosita dalla partecipazione di Levante e contraddistinta da cambi di ritmo e da un intensità che dona una sensazione di teatralità al brano, “Una sera” che ci riporta l’ atmosfera e l’eleganza di un certo cantautorato d’autore alla Sergio Endrigo o Giorgio Gaber,  “L’appuntamento” con un bellissimo arrangiamento e che è uno dei brani più interessanti dell’album,  e infine il brano di chiusura “Troppo silenzio” che inizia come una filastrocca cantata  dialetto sorsese, paese nel nord ovest della Sardegna dove è nato il padre di Fiori, nel quale un bambino che ha un incubo chiede aiuto alla nonna con la partecipazione di  Dente nei ritornelli e di IOSONOUNCANE ai sintetizzatori.

Alessandro Fiori torna con un album importante che mostra come ancora esiste una forma canzone dove la ricerca di una linea melodica riesce ad essere interessante e mai banale pur mantenendo dei canoni di scrittura tipici di un’approccio cantautorale, un lavoro che nel suo approccio classico riesce ad essere fresco e convincente.

Credit Foto: Stefano Amerigo Santoni

Tracklist
1. Mi sono perso nel bosco
2. Io e te
3. Amami meglio
4. Buonanotte amore
5. Stella cadente
6. Fermo accanto a te
7. Una sera
8. Pigi pigi
9. Per il tuo compleanno
10. L'appuntamento
11. Estate
12. Troppo silenzio
 
 

Day Wave – Pastlife

Day Wave ritorna con questo suo secondo album dopo cinque anni dal suo esordio, “The Days We Had” (in mezzo è uscito anche l’EP ...

Weezer – SZNZ: Spring / ...

Siamo sopravvissuti al caldo anomalo della primavera e abbiamo varcato la soglia di un’estate che, sul fronte climatico, si preannuncia ...

The Dream Syndicate – ...

La nuova fase dei Syndicate approda ad una ulteriore evoluzione, un mix di ritorno alle origini e contaminazione con la contemporaneità  ...

Phill Reynolds – A Ride

“A Ride” è un racconto di viaggio e di fuga, di redenzione e di ricerca, di comprensione e di dannazione, nel quale una vicenda ...

Moderat – MORE D4TA

Tornando ad abbeverarsi alla fonte di una elettronica “totale” (dall’idm al trip-hop), il progetto Moderat (Sasha Ring aka Apparat e i ...