OGGI “SGT. PEPPER’S LONELY HEARTS CLUB BAND” DEI BEATLES COMPIE 55 ANNI

 
Tags:
1 Giugno 2022
 

Pace. Amore. Pop.

L’apice acido e psichedelico della civiltà occidentale, che, negli anni Sessanta – nonostante la guerra fredda in atto tra USA e URSS, nonostante le innumerevoli ingiustizie sociali, economiche e politiche globali e nonostante gli orrori perpetrati in Vietnam – riuscì ad ottenere importanti conquiste, dal punto di vista dei diritti civili, e cambiare, radicalmente, il modo di pensare e di interagire delle persone comuni.

“Sgt Pepper”, con la sua bizzarra idea di presentare la band come alter-ego o alias di sé stessa, con i suoi effetti lisergici, con il suo stile carnavalesco, con i suoi richiami all’Oriente, con l’apertura ad un mondo sonoro assolutamente irriverente e popolare, rispetto a quelli che potevano essere considerati i canoni della musica più seria e istituzionale, rientra, perfettamente, in una visione policromatica, surreale, onirica, immaginifica e controcorrente del mondo, tentando di liberarlo, anche attraverso una lettura derisoria e canzonatoria della realtà, da ogni pericolosa ossessione e da ogni ingiustificato preconcetto. La Lonely Hearts Club Band è l’antidoto contro la depressione e contro l’eccessiva nostalgia del passato, la quale, allora, come avviene anche oggi, nel nostro più ipocrita e bacchettone presente, può tramutarsi nel modo con cui i poteri forti tentano di re-introdurre idee malsane, violente e pericolose, già sconfitte dalla storia, con il solo egoistico obiettivo di rafforzare e rinsaldare il proprio potere, la propria influenza e quindi le proprie ricchezze materiali. Non esisteva, dunque, nessun luogo migliore di Las Vegas, dove la band gemella avrebbe potuto imbastire il suo luccicante, peccaminoso, allucinato e appassionante show.

Sin City è lo scenario ideale per esprimere tutta la tensione e la frustrazione accumulata dalla band e, in generale, da tutti coloro, artisti e non, che si sentono derubati della propria onestà e della propria autenticità da un sistema tentacolare che impone modelli di bellezza, di perfezione, di esistenza, di appagamento a cui tutti debbono, per forza di cose, adattarsi e adeguarsi. In tal senso l’album dei Beatles è profondamente attuale, perché noi, oggi, siamo completamente immersi e assuefatti a questi meccanismi virtuali che ripagano la perdita della trasparenza e della verità con comodità, lussi, attenzioni, servizi e privilegi di ogni tipo.

Una sorta di cattività che, come nel caso dei Fab Four, non può portare che verso la frantumazione, non prima, però, di liberare tutti i propri inquietanti mostri e fantasmi ovunque vi sia qualcuno che si sente in dissintonia con lo status quo vigente, con l’eterna ed effimera estate e vuole provare una disperata, veemente, catartica, avventurosa e romantica fuga verso un’altra dimensione esistenziale, che, dietro i suoi alberi di mandarino, i suoi cieli di marmellata, le sue ragazze con occhi caleidoscopici, i suoi fiori di cellophan gialli e verdi, i suoi diamanti vagabondi, non vuole fare altro che esprimere tutto il nostro fastidio, la nostra insoddisfazione e il nostro malessere verso un sistema disumano, insensibile e indifferente che considera l’individuo alla stregua di una risorsa materiale da controllare, manipolare, sfruttare e gettare via, quando non è più utile, quando si guasta, si rompe o si ammala.

Pubblicazione: 1 giugno 1967
Durata: 39:43
Dischi: 1
Tracce: 13
Genere: Pop Psichedelico, Pop Rock
Etichetta: EMI
Produttore: George Martin
Registrazione: dicembre 1966 – aprile 1967

Tracklist:
1. Sgt. Pepper’s Lonely Hearts Club Band
2. With a Little Help from My Friends
3. Lucy in the Sky with Diamonds
4. Getting Better
5. Fixing a Hole
6. She’s Leaving Home
7. Being for the Benefit of Mr. Kite!
8. Within You Without You
9. When I’m Sixty-Four
10. Lovely Rita
11. Good Morning Good Morning
12. Sgt. Pepper’s Lonely Hearts Club Band (Reprise)
13. A Day in the Life

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

Oggi “Dirt” degli Alice In ...

“Le mie cattive abitudini non mi rappresentano. I miei punti di forza e il mio talento parlano per me”. La voce unica di Layne ha ...

Oggi “Core” dei Stone Temple ...

Una voce che sembra provenire da una vecchia stazione radio annuncia in realtà un nuovo esordio nel ricco calderone della scena grunge che, ...

Oggi “Music For The Masses” dei ...

“Il mio contributo è l’elemento pop. Martin ama il blues e il country, Dave ha scoperto il jazz. Io probabilmente sarò eternamente ...

Oggi “A Broken Frame” ...

Quando nel 1981 era uscito “Speak and Spell” lo avevo liquidato velocemente, d’altronde era l’anno degli Echo and ...

Oggi “Forever Now” ...

Quarant’anni fa veniva pubblicato “Forever Now”, terzo album degli inglesi Psychedelic Furs, il primo con cui la band di Richard ...

Recent Comments