KULA SHAKER
1st Congregational Church Of Eternal Love and Free Hugs

[ StrangeF.O.L.L LLP - 2022 ]
7
 
Genere: Psych Rock
Tags:
 
20 Giugno 2022
 

Un gradito ritorno che sa di vecchi tempi.

Un album che non tradisce le origini e il percorso fino ad ora fatto, facendo piombare di nuovo tutti i fan  in un vortice nostalgico che sa di misticismo, ricerca strumentale, India, Bob Dylan e i Beatles.

Kula Shaker sono una delle band più sottovalutate della storia inglese. Famosi solo per aver prodotto e dato al mondo “Govinda”, il gruppo d’oltremanica ha sfornato pezzi che difficilmente mi scorderò. Non solo, all’attivo hanno ancora cover rivisitate sradicando quelli che erano i canoni prestabiliti all’atto del concepimento stesso,  come “Ballad Of A Thin Man” dell’americano Dylan.

“1st Congregational Church Of Eternal Love and Free Hugs” è forse il grande contenitore, il grande progetto alla “Sgt. Pepper’s” del complesso capitanato da Crispian Mills. Non solo è alto il livello artistico e di produzione, ma anche il concept che si cela dietro a questo nuovo e sesto lavoro.

Le 20 canzoni, da quasi un’ora di durata, sono la grande colonna sonora di una semplice messa che si svolge (questo immaginiamocelo) in un piccolo paesino sperduto della campagna inglese, ancora ancorato alla religione ma desiderosa di un cambiamento forte ed immediato. Per questo la nascita di una nuova chiesa, di una nuova fede, che si rifà non all’amore verso un Dio sconosciuto ma verso semplicemente l’amore e la condivisione con gli altri. Una filosofia che ci riconduce banalmente agli anni Sessanta del XX secolo e che si immette preponderante in ogni singolo brano, dalle ballad più semplici alle canzoni più rock.

A darci questa impressione sono gli intermezzi parlati all’interno del brano, nei quali un prete (o un pastore, un predicatore o semplicemente un Manson della situazione) si rifà alla congregazione con una predica sociale, filosofica ed umana. Non mancano i siparietti: in “Let Us Pray” suona un cellulare, nel silenzio della scena tra qualche colpo di tosse e pianto di bambino; in “Raining Buckets”, una voce che potrebbe essere Olivia Colman va contro il predicatore accusato da quest’ultima di non aver abbastanza protetto alcuni bambini indottrinati da un’altra società religiosa.

Musicalmente il progetto è magistrale e meno lungo di quanto uno possa aspettarsi guardando la tracklist, a dimostrazione che la band vuole prendersi il suo tempo fisico e metafisico per produrre qualcosa che possa avere un senso ed un valore anche per i posteri. Seppur non ci siano grandi sconvolgimenti strumentali, lo stile è sempre quello diciamocelo, il prodotto finale è di grande apprezzamento e amore.

La voce di Mills, dai tratti Dylaneschi, è di un effetto e piacere unico poichè si mischia facilmente con le atmosfere e le influenze che da anni sono tratti caratteristici del gruppo: il rock psichedelico di inizio anni Sessanta e successivamente Settanta, le influenze mistiche e religiose di un’India non del tutto occidentalizzata.

Non mi stancherò mai di amarli e di apprezzarli fino in fondo, perché una band come i Kula Shaker andrebbe tenuta stretta a sé e non dovrebbe essere abbandonata mai!

Tracklist
1. Intro (1st Congregational Church of Eternal Love and Free Hugs
2.Whatever It Is (I'm Against It)
3. Hometown
4. Burning Down
5. Love in Seperation
6. Let Us Pray
7. Gingerbread Man
8. Farewell Beautiful Dreamer
9. Where Have All the Brave Knights Gone
10. Raining Buckets
11. 108 Ways to Leave Your Narcissist
12. After the Fall, Pt. 1
13. Don't Forsake Me
14. 303 Revisited
15. The Once and Future King
16. Shattered Bones
17. After the Fall, Pt. 2 & 3
18. Closing Words
19. Bumblebee
20. Coda
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

Nuju – Clessidra

Il primo assaggio di “Clessidra” nuovo album dei Nuju, calabresi che da tempo hanno trovato casa a Bologna, è arrivato circa due anni ...

Ásgeir – Time On My Hands

Dopo il breve antipasto dell’anno scorso, con l’Ep “The Sky Is Painted Gray Today” a mitigare una discreta attesa, torna con un ...

The Wombats – Is This What It ...

Mai titolo fu più lungo ed esasperante dal punto di vista concettuale come questo. Il che è un ossimoro: perché se il titolo del nuovo ...

AliX – Last Dreamer

Sono passati ben quattordici anni da “Good One”, ultimo disco a nome AliX dopo l’esordio omonimo, “Cuore In Bocca” del 1999, ...

Eugenia Post Meridiem – like ...

È una tensione positiva quella che anima il nuovo disco degli Eugenia Post Meridiem. Eugenia Fera, il bassista Matteo Traverso, il ...

Recent Comments