TV PRIEST
My Other People

[ Sub Pop - 2022 ]
7.5
 
Genere: post-punk
 
24 Giugno 2022
 

Dopo poco più di un anno dall’uscita del loro convincente debutto “Uppers”, i TV Priest ritornano con questo loro sophomore, pubblicato sempre dalla prestigiosa Sub Pop Records.

Il frontman Charlie Drinkwater ha definito il nuovo LP come “un set di canzoni più “aperte”, sia musicalmente che nei testi” e ha poi aggiunto che parla di temi come “amore, perdita e gioia”.

Mentre Drinkwater usa senza problemi le sue numerose tonalità vocali (condivisibili i paragoni con Nick Cave che si leggono già da qualche tempo), la sincerità del songwriting aumenta donando un’immagine più reale della band che, in più di un brano (o almeno in qualche sua parte), sa anche fare a meno della violenza post-punk che la contraddistingue per lasciare spazio, invece, a qualcosa di più tranquillo che si spinge maggiormente verso territori pop – pur senza mai raggiungerli.

Partiamo proprio con l’opening track “One Easy Thing” che inizialmente vede solo una chitarra molto tranquilla accompagnare i vocals di Charlie, ma sa poi esplodere dopo circa una trentina di secondi sia con una strumentazione decisamente energica (ipnotica e vorticosa qui la chitarra di Alex Sporgis) che con una maggiore potenza della voce, che rimane comunque passionale.

La successiva “Bury Me In My Shoes” vede il basso di Nic Bueth supportare dei synth delicati e melodiosi, ma poi ancora una volta sono l’adrenalina e il rumore ad avere la meglio e, mentre l’intensità continua ad aumentare – poderosi i colpi rifilati al suo drum-kit da Ed Kelland (soprattutto nel finale del pezzo) – la visceralità dei vocals del frontman rimane un aspetto centrale della loro musica.

E’ piuttosto strano, ma alquanto piacevole ascoltare, a metà del disco, il cortissimo “The Happiest Place On Earth”, un brano riflessivo e acustico, quasi una ballata, malinconica, sentimentale e – come ci hanno abituato questi inglesi – estremamente sincera.

Subito dopo la title-track “My Other People” è introdotta da una lunga parte strumentale di oltre un minuto e, mentre la sezione ritmica la spinge verso l’alto e la chitarra è libera di agire e di costruire, la voce di Charlie risulta parecchio malinconica.

“It Was A Gift”, invece, è graziata da un’ottima melodia nel suo coro e sembra uscire da un disco dei Protomartyr per quella sua grande intensità sia a livello strumentale che vocale.

Questo “My Other People” è disco molto solido che, pur trovando le sue basi nelle già note acque post-punk, in alcuni tratti sa anche mostrarci un volto più delicato e riflessivo dei TV Priest: per il gruppo inglese un passo in avanti davvero interessante.

Photo Credit: Hollie Fernando

Tracklist
1. One Easy Thing
2. Bury Me In My Shoes
3. Limehouse Cut
4. I Have Learnt Nothing
5. It Was Beautiful
6. The Happiest Place On Earth
7. My Other People
8. The Breakers
9. Unravelling
10. It Was A Gift
11. I Am Safe Here
12. Sunland
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

Amanda Shires – Take It Like ...

Amanda Shires è sempre stata una ribelle nel mondo del country, non necessariamente rivoluzionaria nello stile ma decisa a non lasciarsi ...

Maggie Rogers – Surrender

Instancabile Maggie Rogers: sei anni dopo “Alaska” il brano che l’ha fatta conoscere e a tre dall’esordio “Heard It in a Past ...

…And You Will Know Us By The ...

Ventidue tracce, un’ora e un quarto di durata, suono surround quadrifonico. La voglia di esagerare e fare le cose in grande, d’altronde, ...

Tallies – Patina

Dopo il loro convincente omonimo debutto sulla lunga distanza, uscito a gennaio 2019, i Tallies sono ora ritornati con questo sophomore ...

UltraBomb – Time To Burn

Un fotomontaggio, probabilmente fatto con Paint, dove troviamo le immagini di un bambino incazzato e di un’esplosione atomica prese da ...

Recent Comments