PHILL REYNOLDS
A Ride

[ Bronson Recordings - 2022 ]
7.5
 
Genere: Alternative Country, Indie Folk, Blues, Songwriting
 
1 Luglio 2022
 

“A Ride” è un racconto di viaggio e di fuga, di redenzione e di ricerca, di comprensione e di dannazione, nel quale una vicenda personale, quella di un uomo che è braccato dal peso del tempo che ha vissuto, si mescola all’America di oggi, un paese condannato a convivere con la propria grandezza, con i propri grandi ideali di libertà e di giustizia, ma anche con tutti i suoi sensi di colpa e le sue assurde e spesso violente contraddizioni.

Phill Reynolds costruisce, un brano dopo l’altro, un passo dopo l’altro, un respiro dopo l’altro, un giorno dopo l’altro, il parallelismo tra un essere umano, giunto alla fine del proprio personale sentiero, e una nazione che si sente, sempre più, prigioniera dei suoi miti e dei suoi peggiori fantasmi, mentre le sonorità alternative folk e country di questi undici brani si mescolano ad un blues cupo, fosco, minaccioso e maledetto. Un blues che rispecchia, alla perfezione, le nostre sconfitte più brucianti e i nostri sogni infranti; un blues che è il filo che ci rammenta il grande sogno americano, un sogno che viene risucchiato dai più bestiali rigurgiti razziali, dall’egoismo, dalle armi, dal materialismo, da una brama irrazionale di potere che produce solo devastazione, solitudine, desolazione.

Una desolazione dalla quale Phill Reynolds fa germogliare le sue immagini sonore in chiaroscuro, le sue visioni poetiche, nostalgiche e profondamente melodiche alle quali il cantautore italiano dona un potente ed eroico spessore emotivo. C’è un ponte che congiunge questo folk crudo e appassionato alle pagine di Ernest Hemingway, soprattutto quando non si ha paura di accettare la fine, quando si ha il coraggio di non ignorare la morte – come accade nel nostro onnivoro ed eterno presente virtuale, sovrabbondante di falsi ideali di perfezione, benessere e bellezza. Perché la morte, in fondo, è il modo più efficace per raccontare la nostra storia, per lasciare la nostra testimonianza, per vincere, finalmente, i demoni che ci danno la caccia e consentire ad altre narrazioni di scoprire il proprio inizio.

Credit Foto: Marco Zanin

Tracklist
1. This Isn't Me
2. Man In A Suitcase
3. Run, Run Away
4. Dive Bar Oblivion
5. A Clockwork Dream
6. World On Fire
7. The Call Of The Dark
8. A Glow Beneath the Abyss
9. The Fault is Mine
10. In The Dark
11. It Rains
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

Danger Mouse & Black Thought ...

Sodalizio di lunga data quello tra Tariq Trotter / Black Thought e Brian Burton / Danger Mouse visto che risale al lontano 2005 / 2006 ma il ...

Sylvan Esso – No Rules Sandy

Dieci anni di carriera, anniversario importante per i Sylvan Esso che celebrano l’arrivo in doppia cifra con un nuovo album, “No Rules ...

Jamie T – The Theory Of ...

Il suo quarto album, “Trick”, era uscito a settembre 2016: da allora Jamie T aveva preparato ben 180 canzoni, scrivendole e ...

Hater – Sincere

Dopo quasi quattro anni dall’uscita di “Siesta”, a maggio gli Hater sono tornati con questa loro opera terza, pubblicata ancora ...

Dune Rats – Real Rare Whale

Tornano a farsi sentire i Dune Rats con questo loro quarto album, che arriva a due anni e mezzo di distanza dal precedente, “Hurry Up And ...

Recent Comments