REGINA SPEKTOR
Home, Before And After

[ Warner - 2022 ]
8
 
Genere: Alt pop
 
4 Luglio 2022
 

La musica di Regina Spektor ha accompagnato buona parte del nuovo millennio e dall’alto dei suoi ventuno anni di carriera potrebbe ormai guardare al futuro con un pizzico di tranquillità. Un atteggiamento che però non le si addice visto che continua a considerare le canzoni come un enorme parco giochi dove sperimentare a volontà, seguendo l’estro e la sua innata curiosità. Unisce le forze con John Congleton per il primo album in sei anni e il risultato sono dieci brani eclettici, vivaci, tessuti con la cura e la pazienza di una novella Penelope.

Inizio epico affidato a due dei tre singoli, “Becoming All Alone” e “Up The Mountain”, che fanno dialogare l’amato pianoforte con sincere armonie e ritmi sincopati in orchestrazioni complesse e incalzanti. Clima avventuroso che continua anche con la melodica “One Man’s Prayer” trascinata da tastiere e drum machine verso l’electro pop. “Raindrops” è un classico: ballata dolcissima e delicata solo piano e voce, presente da anni su Youtube resta essenziale senza perdere brillantezza. “SugarMan” invece sorprende col suo tono giocoso e serio allo stesso tempo, un esperimento dadaista in stile St. Vincent.

C’è sempre un testo che colpisce più degli altri nei dischi di Regina Spektor e in “Home, Before And After” la palma spetta a “What Might Have Been”, piglio teatrale e falsetto appuntito tutto gestito con la forza prepotente della migliore Amanda Palmer. “Spacetime Fairytale” riprende e amplia il discorso iniziato con “Becoming All Alone”, otto minuti che sanciscono l’incontro perfetto tra melodia e arrangiamenti orchestrali. L’intensa “Coin” è invece una di quelle storie fuori dal comune, un po’ fiabesche che la Spektor sa raccontare così bene.

Il terzo singolo “Loveology” suonato per anni dal vivo trova casa in questo ottavo disco, il posto giusto per un pezzo che s’inserisce senza sforzo nella trama avvincente di un album che arriva ai saluti con un’altra ballata: la speranzosa “Through A Door” celebrazione senza retorica del ritorno a casa, dopo tanto viaggiare. Versatile, maturo e consapevole “Home, Before And After” mostra una Regina Spektor elegante e sicura di sé. E’ l’artista libera di sempre, capace di navigare tra stili e linguaggi.

Credit Foto: Shervin Lainez

Tracklist
1 Becoming All Alone
2 Up The Mountain
3 One Man’s Prayer
4 Raindrops
5 SugarMan
6 What Might Have Been
7 Spacetime Fairytale
8 Coin
9 Loveology
10 Through A Door
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

Danger Mouse & Black Thought ...

Sodalizio di lunga data quello tra Tariq Trotter / Black Thought e Brian Burton / Danger Mouse visto che risale al lontano 2005 / 2006 ma il ...

Sylvan Esso – No Rules Sandy

Dieci anni di carriera, anniversario importante per i Sylvan Esso che celebrano l’arrivo in doppia cifra con un nuovo album, “No Rules ...

Jamie T – The Theory Of ...

Il suo quarto album, “Trick”, era uscito a settembre 2016: da allora Jamie T aveva preparato ben 180 canzoni, scrivendole e ...

Hater – Sincere

Dopo quasi quattro anni dall’uscita di “Siesta”, a maggio gli Hater sono tornati con questa loro opera terza, pubblicata ancora ...

Dune Rats – Real Rare Whale

Tornano a farsi sentire i Dune Rats con questo loro quarto album, che arriva a due anni e mezzo di distanza dal precedente, “Hurry Up And ...

Recent Comments