DADA SUTRA
EP 1

[ Caterina Dolci - 2022 ]
7
 
Genere: Post-Punk, Afro-Beat, Electronic
Tags:
 
8 Luglio 2022
 

I quattro brani che costituiscono “EP 1” sono una sorta di incontro ravvicinato con l’alieno che si è rifugiato dentro di noi; questa creatura rappresenta ciò che è riuscito a sfuggire dalla morsa brutale del neo-liberismo della sorveglianza, ciò che non puoi trovare su Google e che interagisce con il mondo esterno e con gli altri attraverso linguaggi emotivi imprevedibili – come quello dell’arte e soprattutto quello della musica – i quali, se ci crediamo, possono ancora essere espressione della nostra individualità, senza che quei loro dannati algoritmi di raccolta ed analisi dei dati tentino di prevedere e determinare quelle che saranno le nostre scelte.

Canzoni che mescolano sonorità diverse ed eterogenee, innestando su un background essenziale e minimale, di matrice post-punk, trame oniriche e psichedeliche, ritmiche afro-funk, appassionate divagazioni free-jazz, in maniera tale da dare consistenza musicale a quel teatro grottesco che è la nostra quotidianità. Un eterno presente che ha dimenticato il proprio passato, che continua a creare e distruggere i propri miti futuri, lasciando che le persone comuni vivano in un nocivo ed estraniante clima apocalittico, lasciando così ad una classe politica assolutamente inetta, incapace, corrotta ed asservita ai poteri e alle lobby economiche e finanziarie globali, il controllo delle nostre vite. L’emergenza sanitaria che collassa in un insieme di regole e restrizioni assurde al solo scopo di indottrinare le masse, la ferocia mediatica della guerra russo-ucraina, il silenzio sulle responsabilità dell’Occidente e della NATO, i fantasmi di un conflitto nucleare su larga scala, diventano strumenti per tenerci proni ed ammansiti, per cancellare ogni dissenso, ogni analisi critica, ogni visione alternativa, ogni domanda scomoda e soprattutto per incutere paura e diffidenza nei popoli, rendendo il mondo reale un luogo insicuro, violento e brutale e lasciando, di conseguenza, che le persone si nascondano nei comodi e manipolabili paradisi artificiali costruiti, ad arte, dalla rete.

Do you still have those pills? A volte la fuga appare l’unica possibilità rimasta; la rinuncia ad un meccanismo che, in cambio dei suoi like e delle sue comode verità, brama inglobare i nostri sentimenti e le nostre idee, giungendo, alla fine, a sgretolare quei diritti e quelle conquiste civili che pensavamo, ormai, fossero intoccabili. Ma, oggi, la Corte Suprema americana ci ha mostrato che non è affatto così, che nel mondo della sorveglianza non esistono santuari della libertà, della democrazia o della giustizia che possano rendere inattaccabili le nostre scelte o che possano mettere al riparo la nostra intimità da quell’occhio rosso che non dorme mai.

Tracklist
1. big boy
2. panopticon
3. do you still have those pills?
4. leatherman
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

Marcus Mumford – ...

Generalmente quando il frontman di una band decide di intraprendere una carriera solista (mantenendo comunque quella originale) non è mai ...

Whitney – Spark

Mi sono approcciato al nuovo album dei Whitney (band di Chicago capitanata dai fondatori Max Kakacek e Julien Ehrlich) con ancora nelle ...

Teo Russo – Teo Russo

Nuova musica per Georgia Costanzo, Francesco Fanciullacci e Federica Camiciola (ex La Camera Migliore e Mitici Gorgi) che prendono in ...

Beth Orton – Weather Alive

A distanza di sei anni da “Kidsticks”, suo ultimo album in studio, torna finalmente a farsi sentire la cantautrice inglese Beth Orton, ...

Manuel Agnelli – Ama Il ...

Attorno ad un nucleo solitario – materialmente separato dal mondo esterno, dalle sue mutevoli imposizioni, dalle sue sovrastrutture ...

Recent Comments