LAURA VEIRS
Found Light

[ Bella Union - 2022 ]
7.5
 
Genere: indie-folk,songwriting
 
13 Luglio 2022
 

Dopo nemmeno due anni dal precedente LP, “My Echo”, Laura Veirs torna con questo suo dodicesimo lavoro da studio, pubblicato da Bella Union: il disco, il suo primo dopo il divorzio dal marito e produttore Tucker Martine, viene definito come una rinasciata e la vede per la prima volta anche in qualità di produttrice (insieme a Shazad Ismaily).

Registrato ai Jackpot Studios di Portland, questo nuovo album vede tra gli ospiti Sam Amidon e Karl Blau.

Inizialmente dubbiosa dei suoi mezzi, Laura prende poi consapevolezza e costruisce un LP interessante come ci dimostra immediatamente nel recente singolo “Seaside Haiku”, che vede la presenza di chitarre indie-rock, decisamente più pesanti da ciò che siamo abituati ad ascoltare da lei: “give, but don’t give too much of yourself away”, canta la Veirs alla fine del brano.

Subito dopo “Naked Hymn” la vede, invece, imbattersi in un folk più leggero e decisamente contemplativo, ma deliziato da fantastici fiati che sottolineano la purezza della musica della musicista nativa del Colorado, ma di stanza in Oregon da ormai tanto tempo.

Degno di nota anche “Eucalyptus”, che si basa su elementi elettronici che aggiungono un non so che di tropicale, poppy e dancey al suo suono.

Poco più avanti in “Sword Song”, il sound, invece, si fa decisamente rado (appena qualche leggero accordo di chitarra) e anche qui la statunitense riesce a trovare il modo per riflettere e allo stesso tempo per emozionare l’ascoltatore.

La conclusiva “Winter Windows” poi si muove su territori rock con energiche e determinate chitarre in primo piano, senza però dimenticare anche qualche delicato tocco di piano, mentre la sua voce aggiunge un qualcosa di pop.

Un album in cui Laura sa aggiungere nuovi elementi e colori e dimostra come possa proseguire il suo cammino con i propri mezzi: la classe e l’eleganza non le mancano e siamo davvero curiosi di capire dove la porterà il futuro.

Photo Credit: Shelby Brakken

Tracklist
1. Autumn Song
2. Ring Song
3. Seaside Haiku
4. Naked Hymn
5. My Lantern
6. Signal
7. Can’t Help But Sing
8. Eucalyptus
9. New Arms
10. Sword Song
11. Time Will Show You
12. T & O
13. Komorebi
14. Winter Windows
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

Tamino – Sahar

C’è qualcosa di diverso nel secondo album di Tamino e lo si capisce fin dalla foto in copertina: un ritratto in bianco e nero mentre ...

The Mars Volta – The Mars ...

Lo scioglimento all’inizio del 2013, l’effimera ma produttiva reunion con gli At The Drive-In tra il 2016 e il 2018 e, infine, il ...

The Beths – Expert In A Dying ...

Nonostante il loro sophomore “June Rope Gazers” fosse uscito solamente a luglio 2020, l’attesa per questo terzo LP dei Beths, ...

Marcus Mumford – ...

Generalmente quando il frontman di una band decide di intraprendere una carriera solista (mantenendo comunque quella originale) non è mai ...

Whitney – Spark

Mi sono approcciato al nuovo album dei Whitney (band di Chicago capitanata dai fondatori Max Kakacek e Julien Ehrlich) con ancora nelle ...

Recent Comments