TINDERSTICKS
Live @ Castello di Spezzano (Fiorano Modenese, 24/07/2022)

 
Tags:
di
25 Luglio 2022
 

Sfidare il gran caldo per andare al Castello di Spezzano a Fiorano Modenese (MO) a vedere i Tindersticks. Ecco l’impegno che mi sono preso in questa afosa domenica. Impegno tutt’altro che gravoso, sia chiaro, perché i veterani Tindesticks sono, fin dal primo album datato ormai 1993, garanzia di altissima qualità: un dark pop da camera, impreziosito dai toni baritonali di Stuart Staples, che può mandare in estasi tanto chi apprezza atmosfere musicali torbide e drammaticamente poetiche quanto fan inconsolabili di eroi come Jarvis Cocker o National. Se a tale eleganza sonora ci aggiungiamo anche la suggestiva location di un cortile come quello de castello di Spezzano, beh, si capisce subito perché tutti posti a sedere (200 circa, a colpo d’occhio) sono riempiti.

Nell’attesa dell’inizio del concerto combattiamo con il caldo opprimente (le signore con il ventaglio hanno avuto, in effetti, un’ottima idea!) e le zanzare assassine. Ore 21.15 ecco la band! Nonostante l’afa i Tindersticks non rinunciano a un look elegante: Stuart addirittura in giacca. Formazione a 6, con le chitarre che in certi momenti diventano 3, per avere un suono decisamente pieno e corale.

Una prima parte di rodaggio, se mi permettete il termine, come se la formazione inglese (decisamente poco loquace, giusto i saluti d’ordinanza) dovesse prendere le misure alla serata. Tutto fila via liscio, composto, quasi scolastico nella sua perfezione, poi però il ritmo inizia ad aumentare, la gente più coinvolta e la seconda parte del live si fa decisamente più interessante e da “The Amputees” in poi è un crescendo rossiniano di emozioni e intensità, anche grazie alla scaletta che si fa più accattivante. Funziona alla grande sopratutto lo scambio vocale di Stuart con il giovane bassista, che nei controcanti e nei cori di “Say Goodbye To The City” e “This Fire Of Autumn” si fa parecchio apprezzare, rendendo davvero magici i due brani. Il pubblico gradisce assai.

Per i fan della prima ora non mancano nemmeno “Her” e “Blood” dall’esordio, prima della chiusura, alle 23 più o meno, con “Take Care In Your Dreams”, che spinge tutti i presenti ad alzarsi in piedi per la meritata standing ovation. Giustamente.

Bello notare come, tanto quanto sul palco i Tindersticks siano composti, professionali e quasi distaccati, in realtà, dopo il live, si concedono al loro pubblico in modo molto generoso e aperto, nota di merito in più per una band che dopo 30 anni di attività ancora dimostra di meritarsi attenzioni e complimenti.

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

Matt Elliott + Long Gone – ...

Arriva finalmente in Italia per una manciata di concerti anche Matt Elliott, che, a dirla tutta, da noi è passato spesso e volentieri. ...

Laura Stevenson + Katie Malco ...

Stasera ci troviamo a Manchester e più precisamente al Factory (sì proprio quello storico posto): il sacro luogo ovviamente è cambiato ...

Sohn – Live @ Biko (Milano, ...

In una sera che non è più estate e non è ancora autunno, Sohn ha suonato al Biko, locale un po’ defilato ma che ha sempre riservato ...

Nu Genea – Live @ Arenile ...

È con un fuoco d’artificio a sorpresa che i Nu Genea decidono di chiudere una stagione trionfale, passata a calcare i palchi dei più ...

Working Men’s Club – ...

Stasera finalmente a Milano uno dei progetti rivelazione di questo inizio di anni venti, i Working men’s club, collettivo giovanissimo di ...

Recent Comments