VIAGRA BOYS
Cave World

[ Year0001 - 2022 ]
8.5
 
Genere: post-punk,dance-punk,punk-rock
Tags:
 
25 Luglio 2022
 

Il 2021 è stato un vero trionfo per i Viagra Boys che, con il loro sophomore “Welfare Jazz” prima e con i relativi tour in seguito, hanno ottenuto ottimi riscontri sia dalla critica che dal pubblico sia in Europa che in nord America.

Da pochi giorni è uscito anche questo loro terzo LP, sempre per la Year0001 di Stoccolma: il disco, prodotto da Pelle Gunnerfeldt (The Hives, The Knife) e da DJ Haydn è stato registrato una seconda volta lo scorso anno perchè la band svedese aveva deciso di schiacciare più duramente sull’acceleratore e, se parte della musica è rimasta uguale, i testi invece sono stati modificati.

Bastano poche note per entrare nel mondo dei Viagra Boys e farsi trascinare nella loro follia: l’eccitante opening-track “Baby Criminal”, con quei suoi ritmi esaltanti, un sax stridente e quegli irresistibili beat, ci fa subito saltare e ballare.

“The Cognitive Trade-Off Hypothesis”, invece, pur avendo solidi beat a sostenerla, è fondamentalmente una canzone pop, molto più tranquilla di ciò che ci potessimo aspettare dal gruppo svedese e vede il frontman Sebastian Murphy cantare in falsetto.

Il singolo “Ain’t No Thief”, dall’andatura decisamente sostenuta, è completamente isterico e irresistibilmente dancey, pur avendo sempre un’anima punk che rasenta la pazzia.

“Big Boy”, che vede la partecipazione di Jason Williamson degli Sleaford Mods ai vocals, è decisamente strano perché la sua strumentazione varia dal blues a beat folli che sembrano avere più a che fare con il mondo hip-hop che con il punk-rock, ma il risultato è comunque molto godibile ed esaltante e siamo sicuri che nei loro prossimi concerti sarà davvero travolgente.

Il disco si conclude con “Return To Monke”, un attacco punk frontale, rumoroso e incazzato a livello strumentale, ma piuttosto ironico per quanto riguarda i testi con il frontman Sebastian Murphy che critica la società odierna dicendo “don’t take that vaccine man, they’ll turn you into a computer”.

Un disco che va decisamente oltre al semplice concetto di punk, anzi lascia la possibilità ai Viagra Boys di provare e sperimentare nuove cose senza porsi limiti, rendendo quindi il lavoro ancora più interessante e imprevedibile: un vero trionfo. Non vediamo l’ora di rivederli live!

Credit Foto: Fredrik Bengsston

Tracklist
1. Baby Criminal
2. Cave Hole
3. Troglodyte
4. Punk Rock Loser
5. Creepy Crawlers
6. The Cognitive Trade-Off Hypothesis
7. Globe Earth
8. Ain’t No Thief
9. Big Boy
10. ADD
11. Human Error
12. Return To Monke
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

The Afghan Whigs – How Do You ...

Greg Dulli è quel bambinone che tutti vorremmo avere come fratello maggiore, da cui prendere l’energia quando viene, da strozzare ...

Pale Blue Eyes – Souvenirs

Album di debutto per i Pale Blue Eyes band composta da tre elementi, i coniugi Matt e Lucy Board e il bassista Audrey Simpson, ragazzi che ...

Ozzy Osbourne – Patient ...

A fine febbraio 2020 – quindi pochissime settimane prima dell’inizio della pandemia, dei lockdown e delle varie sciagure che hanno ...

Pencey Sloe – Neglect

È un album tutto incentrato sul tema dell’identità quello che ci regalano i Pencey Sloe, band francese nata pochissimi anni fa ma già ...

Death Cab For Cutie – Asphalt ...

La pandemia ha rischiato di mettere in seria difficoltà i Death Cab For Cutie: Ben Gibbard, Nicholas Harmer, Jason McGerr, Dave Depper e ...

Recent Comments